Salta direttamente al contenuto

Recycler

ovvero come recuperare elementi ovunque e riassemblarli per ottenere qualcos'altro.
Recensione di  |   | martinmystere/


Recycler
Martin Mystère Storie da Altrove 9 "Principe che tornò dalle tenebre, Il"


Scheda IT-MM-SDA9

Riunione di redazione. Un gruppo di autori è in riunione, nel tentativo di trovare qualcosa da cui ricavare la Storia da Altrove n.9. "Allora, da dove cominciamo?..." dice un autore (lo chiameremo "n.1", per comodità) "Qualcuno ha già in mente qualcosa?"
n.2 (altro autore): "Io ho avuto un'idea bellissima: uno scienziato folle ma geniale, o geniale ma folle se preferite, costruisce una creatura dal nulla e le infonde la vita, ma la creatura si ribella al suo creatore e fugge dopo averlo quasi ucciso..."
n.1: "Hmmm... Mi ricorda qualcosa... Qualcun'altro?"

n.3 (servile): "Io, signore... Ho pensato alla storia di un vampiro che non vuole essere un vampiro e che dedica la sua vita alla caccia degli altri vampiri, uccidendoli implacabilmente ovunque li trovi, aiutato a volte da amici umani. Ad un certo punto..."
n.2 (ride): "Per caso il vampiro 'buono' è negro? E usa lame boomerang e spade?.."
n.3 (offeso): "Certo che no! Mi stai forse accusando di aver copiato un film e un fumetto? Dillo apertamente se hai coraggio!"
n.4: "Si, dillo, se hai coraggio! Tu che ti sei 'ispirato' a Mel Brooks!"

n.1 (paterno): " Buoni, buoni. Ascoltate me: lo scienziato ha creato un androide e lo ha dotato di coscienza. L'androide, dopo molte vicissitudini diventa membro di una potente organizzazione ed il suo più grande desiderio è di diventare umano... Che ne dite?"
n.5 (ancora più servile di 3, poi eccitato): "Originale! Veramente originale. Aggiungiamoci che è una femmina e che il suo creatore è innamorato di lei! E che la vorrebbe come compagna perfetta! E che a un certo punto arrivano altri androidi, che erano usati come schiavi in colonie extraterrestri e che si sono ribellati, e poi arriva un cacciatore di taglie e si innamora della... come posso dire... replicante! Ecco, replicante. Si innamora della replicante ma non sa che è un'androide... O si dice 'ginoide', visto che è una femmina?..."
n.3: "E poi sono io quello che copia!"
n.5: "Perchè, vorresti dire che io ho copiato?! La mia idea è mia! Totalmente mia!"
n.1: "Hei hei hei! Tranquilli. Qui nessuno sta accusando nessuno. La tua è una buona idea, forse un tantino troppo originale. E se ambientassimo tutto ai primi del Novecento?.. Sarebbe perfetto! Ascoltate: il fratello di Sherlock Holmes è a capo dei servizi segreti inglesi e..."
n.4 (provocatorio): "Oh, ma 'sto Sherlock Holmes è proprio un chiodo fisso, eh?! Allora mettiamoci pure una setta assetata di sangue, un bel complotto, un gruppo di cavalieri demoniaci e una strega popputa e poco vestita, dico io!"
n.2: "Non male, per uno che confonde Mary Shelley con Mel Brooks. Davvero niente male. A che punto siamo?"
n.1 (soddisfatto): "A un ottimo punto, direi! La storia è pronta. Basta solo metterla nell'impastatrice e spianarla per bene, così che sia bella liscia e senza asperità. Così i lettori potranno scorrerla senza inciampare in nulla di imprevisto o troppo emozionante. Oh, dimenticavo: a chi la facciamo disegnare? E' importante trovare qualcuno che non rovini con troppi personalismi questo testo perfetto... Avete in mente qualcuno? Nessuna idea?"
n.4 (pensoso): "Io direi che dovremmo cercare qualcuno che sia un bel po' di tempo che non disegna, così che lo si possa guidare nel dovuto modo. Qualcuno che abbia uno stile fondato sui grigi, qualcosa di medio, senza estremi o contrasti troppo netti. Qualcuno che non esageri, insomma, ma che sia capace di rappresentare efficacemente le emozioni dei personaggi... Senza esagerare, però!"
n.1 (conclusivo): Bene! Abbiamo messo a posto tutto! Sono contento. Ragazzi, sarà un successone!"

Mentre gli autori si alzano dal tavolo intorno ai quali stavano discutendo e si avviano verso l'uscita, l'uomo delle pulizie che stava spazzando il pavimento della sala si ferma, si appoggia alla scopa e solleva la visiera del berreto di tela, scoprendo due folte sopracciglia nere e un paio di grossi baffi, anch'essi neri. Scuote il capo, con una piega amara sulla bocca e pronuncia una sola sillaba: "Bah!". Poi scopre il polso sinistro, tirando verso l'alto la manica della tuta e avvicina al viso l'orologio, del quale tocca con la mano destra il quadrante, che si illumina, e dice: "Brody". Un istante dopo le lancette sono sostituite dal viso di un giovane biondo e occhialuto, che sgrana gli occhi e comincia a balbettare: "Ehm... Signore...". L'uomo delle pulizie lo interrompe subito. "Ok Brody. Ascoltami. Questi domani me li cacci via! Capito? Me li cacci via! Chiudo." e senza dare al giovane il tempo di rispondere tocca nuovamente l'orologio.

L'immagine lascia il posto alle lancette, l'uomo raccoglie la scopa e la pattumiera e si avvia verso la porta bofonchiando tra sè: "Solo nove numeri... Solo nove numeri e sono già senza idee... Come farò a completare il progetto segreto "Altrove: operazione Simpatia"?... Dove troverò gente in grado di appassionare il pubblico alle nostre avventure?". E scuotendo mestamente il capo, chiude la porta alle sue spalle.

Storie da Altrove n.9 - Il principe che tornò dalle tenebre Settembre 2006 - Testi di Recagno; Disegni di Giardo - Sergio Bonelli editore - 16 x 21 cm, brossurato, B/N, 154 pagine - 4,50 € - annuale

Vedere anche...

Scheda IT-MM-SDA9

Condividi questa pagina...