Salta direttamente al contenuto

Escapology

ovvero come inciampare nella noia raccontando un'avventura "evasiva"
Recensione di  |   | martinmystere/


Escapology
Martin Mystère 285 "Grande Houdini, Il"


Scheda IT-MM-285

Prosegue ad un livello non certo d'eccellenza il "nuovo corso" intrapreso da Bonelli per il BVZM, presentando in questo albo una storia, seppur coerente con l'universo e la continuity del Detective dall'Impossibile e migliore di quelle narrata nell'albo precedente, "azzoppata" da una eccesiva verbosità a discapito dell'azione e da un fondo di noia che la pervade eccessivamente.

Houdini è utilizzato soltanto in funzione di raccordo tra le vicende che conseguono alla volontà di Saint Germain
Come per "il Pavone dell'Imperatore", anche qui il protagonista annunciato nel titolo fa quasi da sfondo in un'avventura del quale il reale protagonista è quel Conte di Saint Germain, figura leggendaria di alchimista e di immortale, che qui consente, per lo meno, a Martin di ripresentare una delle tematiche a lui più care, quella del libero arbitrio contrapposto alle intenzioni più o meno benevole di individui o sette più o meno "illuminati" che vorrebero ripristinare forzosamente il Paradiso Terrestre.
La figura di Harry Houdini, dicevamo, sembra avere qui solo la funzione di chaperon per il vero protagonista, utilizzato com'è stato soltanto in funzione di raccordo, in un certo senso, tra le vicende che conseguono alla volontà di Saint Germain di "migliorare" la nostra cara, vecchia Terra. I mysteri relativi ad Houdini non sono così essenziali all'economia della storia come il titolo farebbe pensare, ma avrebbero potuto certamente esserlo, visto il peso anche mediatico (come ampiamente ricordato nei redazionali) di un personaggio così larger than life come il grande illusionista. Si è scelto, invece, di farlo agire soltanto come deus ex machina della vicenda, fornendo ad Altrove il diario che serve da tramite a Saint Germain per rientrare in contatto con il suo vecchio (mai termine fu più appropriato) amico Aldous Morrigan, tralasciando completamente vicende e lati "oscuri" della sua vicenda storica che ben si sarebbero prestati ad un suo ruolo di protagonista mysterioso.

Se al didascalismo sull'illusionista aggiungiamo la nota stonata rappresentata dalla totale inutilità dell'iniziazione ottenuta, al pari Saint Germain, ad Agarthi da Martin, che ha bisogno del "fantasma" di Houdini per trovare la via d'uscita dal suo problema di immobilità o dall'ininfluente presenza di Java, ricaviamo dalla lettura una sensazione che non è certo di soddisfazione. Una storia faticosa e affaticata a causa delle lunghe spiegazioni (certamente fonte di arricchimento culturale per chi legge...) che assestano un colpo mortale al pathos, e che viene condotta ad un finale frettoloso e poco incisivo in cui si "salva" solo il riferimento alla tematica del libero arbitrio di cui si scriveva precedentemente. Ma non è abbastanza, purtroppo, vista anche la prova non certo eccelsa del disegnatore (vedere le note nella scheda dell'albo), che attenua almeno in parte, a parere di chi scrive, la delusione provata nel vedere volti che cambiano da una vignetta all'altra, posture poco realistiche e geometrie non proprio appartenenti a questa realtà solo grazie ad alcune sequenze abbastanza suggestive ed incisive, come quella del trasferimento di Castelli ad Agarthi, quella del "combattimento di laurea" di Castelli contro il suo maestro (anche se è poco chiaro perchè i due si siano combattuti evocando unicamente mostri e demoni...) o quella contenuta nelle tavole iniziali dell'albo, con l'annichilimento di Saint Germain disgustato dal risultato dei suoi sforzi.

Speriamo sia chiaro, e che lo sia sempre e comunque, che l'amarezza nei giudizi di chi scrive è frutto dell'amore per il personaggio, e che non suoni come uno sberleffo l'augurio di lunga vita a Martin Mystère. Martin Mystère n.285 - Il grande Houdini Giugno 2006 - Testi di Castelli; Disegni di Ongaro - Sergio Bonelli editore - 16 x 21 cm, brossurato, B/N, 154 pagine - 4,40 € - bimestrale

Vedere anche...

Scheda IT-MM-285

Condividi questa pagina...