Salta direttamente al contenuto

Exodus

Magico Vento e l'emigrazione
Scheda di  |   | magicovento/


Exodus
IT-MV-118


uBCode: ubcdbIT-MV-118

Exodus
- Trama

Magico Vento prosegue il suo lungo inseguimento a Hogan nel Missouri, fino a quando incrocia il destino di un gruppo di ex schiavi fuggiaschi diretti verso il Kansas.

Valutazione

ideazione/soggetto
 4/7 
sceneggiatura/dialoghi
 3/7 
disegni/colori/lettering
 3/7 
 48
data pubblicazione Ott 2008
testi (soggetto e sceneg.) di ubcdbGianfranco Manfredi
matite di ubcdbGiuseppe Barbati
chine di ubcdbCristiano Spadoni
copertine
Magico Vento 118<br>copertina di Corrado Mastantuono<br><i>(c) 2008 Sergio Bonelli Editore</i>
tavole o vignette
Emigranti di ieri e di oggi<br>Vignetta di Barbati e Spadoni<br><i>(c) 2008 Sergio Bonelli editore</i>
tag
, , , , ,

Annotazioni

Il Grande Esodo

Prosegue il lungo inseguimento a Hogan da parte di Magico Vento e dei suoi alleati della Pinkerton, in una storia in cui Manfredi sofferma la sua attenzione sulla situazione degli schiavi neri, liberati, dopo la guerra di Secessione. Liberi però solo formalmente, dato che per conquistarsi una vita dignitosa sono costretti ad avventurarsi in estenuanti viaggi alla ricerca del miraggio di una terra promessa, in questo caso identificata con il Kansas. I richiami alla nostra attualità e alle immagini di ormai comune disperazione di tanti emigranti sono evidenti, per esempio nel barcone stracolmo a pag.85.

Emigranti di ieri e di oggi
Vignetta di Barbati e Spadoni

(c) 2008 Sergio Bonelli editore

Emigranti di ieri e di oggi<br>Vignetta di Barbati e Spadoni<br><i>(c) 2008 Sergio Bonelli editore</i>
Nonostante i notevoli intenti alla base, questa volta la storia non colpisce nel segno, troppo sacrificata probabilmente in un solo albo, e a cui non giova sicuramente un intreccio poco equilibrato. L'avventura inizia con un'indagine su un omicidio di paese avvenuto a Kimmswick, piccolo centro del Missouri, per poi evolversi con il quasi scontro tra Magico Vento e Hogan, e per poi concludersi frettolosamente, con la battaglia finale tra gli ex-schiavi e i cattivi "Cavalieri della Notte", emanazione razzista degli interessi dei proprietari terrieri del Mississippi, timorosi di perdere la loro manodopera.
Gli elementi più interessanti da sottolineare ci paiono un'inedita, per la serie, battaglia navale sul Mississippi, con tanto di cannoneggiamenti, e le differenze di vedute tra i quattro "pards": Magico Vento, Poe, Dick Carr, Little Boy, indecisi se proseguire con l'inseguimento a Hogan o fermarsi a indagare sulle ingiustizie cui assistono.
La coppia di disegnatori Barbati-Spadoni illustra l'episodio con il consueto stile scorrevole e leggibile nell'insieme, ma non sempre preciso nelle singole vignette. La copertina di Mastantuono ci sembra in questa occasione meno efficace del solito, anche nella scelta del soggetto da illustrare: piuttosto che il sottomarino di Hogan, sarebbe forse stato più giusto illustrare l'esodo cui il titolo rimanda.

Note e Citazioni

  • Pag.10, il mezzo di fuga scelto da Hogan, il sommergibile, presenta qualche problema: manca la possibilità, quando si è in immersione, di vedere dove si sta andando. Solo durante la Prima Guerra Mondiale si utilizzerà il periscopio.
  • Pag.12, ci viene presentata una bizzarra figura di esploratore, il capitano Boyton, sedicente campione di nuoto fluviale.
  • Pag.24, durante il loro inseguimento a Hogan, Magico Vento e compagnia si imbattono in un altra vicenda della tormentata storia dei Neri americani: l'esodo di massa verso il Kansas, Stato in cui le contee offrono terreni a poco prezzo per attirare nuovi lavoratori. Episodio storico riassunto magistralmente nella Blizzard Gazette di questo numero.
  • Pag.102, compaiono I Cavalieri della Notte, gruppo razzistico del Missouri, somigliante al Ku Klux Klan.
  • Pag.128, dopo le tante defezioni dei comprimari nei numeri precedenti, questa volta è il turno di Little Boy, apparso per la prima volta nei n.45-47 ("Gli Invasori"), di salutare Magico Vento e Poe. L'agente Pinkerton decide di accompagnare gli ex-schiavi nel Kansas.

Incongruenze


La frase

Eliah: "Ogni tentativo di resistenza veniva punito con la morte... Dunque, quando il Kansas ha diffuso quel bando che prometteva un pezzo di terra e una casa, abbiamo deciso di andarcene. Allora, però, i grossi coltivatori si sono allarmati. Se avessimo lasciato tutti Vicksburg, chi avrebbe raccolto il cotone?... Insomma, qualunque cosa facciamo a loro non va bene!"
Pag.103, Eliah commenta la situazione dei Neri del Missouri.

Personaggi

Watson a capo del sommergibile di Hogan Hogan, Howard cap.Boyton esploratore Poe Task, Henry alias Dick Carr Magico Vento Little Boy Mud barista a Kimmswick Gallant guardia del corpo di Mud Grossman, Helga [+] libraia, atttivista a favore degli ex-schiavi Dodson, Cyrus [+]negoziante di kimmswick Benny garzone d'albergo a Kimmswick cap.Lessing proprietario del battello Challenge Jeremiah dipendente della signora Grossman Murray [+]albergatore a Kimmswick Rupert [+] guardia del corpo di Hogan Murray, Kevin [+]figlio dell'albergatore Mexico cavallo di Kevin Murray Eliah, Charlie emigranti neri dal Mississippi Walker, Drew [+]capo dei Cavalieri della Notte

Locations

Corso del Mississippi Kimmswick nel Missouri

Elementi

Inseguimento a Hogan Situazione degli ex-schiavi dopo la guerra di Secessione Investigazione su un delitto Clan razzista

Condividi questa pagina...