ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
DatabaseSchede





Pagine correlate:

  Il mistero della camera chiusa
Codice: [78] 94pp
Rating:
scheda di Martina Galea

    Soggetto/Sceneggiatura:
    Stefano Piani
    Disegni/Copertina:
    Simona Denna / Mario Atzori
    Colori copertina:
    Stefano Tartarotti
    Lettering:
    Francesca Piovella

    SERIE REGOLARE
    n.72 "Il mistero della camera chiusa" - 94pp - 11.01
    (6k)


In due parole. .

Durante un convegno di criminologia, Lord Carr viene trovato morto nella sua stanza, chiusa a chiave dall'interno. Legs, in compagnia di molti altri celebri detectives, cerca di scoprire l'assassino.


Note e citazioni

  • L'intera storia si rifà a due famosi film comici, Signori, il delitto è servito e Invito a cena con delitto, a sua volta basato sul gioco da tavolo Cluedo. In entrambi i film, troviamo un eterogeneo gruppo di investigatori, dilettanti e non, alle prese con un delitto avvenuto nella casa in cui sono ospitati.
  • Inoltre, è forte il richiamo al racconto di sir Conan Doyle, Uno studio in rosso, nel quale ritroviamo il motivo del cadavere in una stanza chiusa dall'interno, tema in cui era specializzato il celebre scrittore giallista americano John Dickson Carr, il cui cognome è ripreso per il personaggio di Lord Reginald Carr.
  • Il signor Doyle, il cui cognome ovviamente riprende sir Conan Doyle, è fisicamente è rappresentato come Hercule Poirot, il celebre investigatore creato da Agatha Christie. Poirot e la Christie sono, non a caso, citati dallo stesso Doyle a pag.9, in relazione al romanzo Sipario, nel quale Poirot compare per l'ultima volta.
  • Mike Bogart rappresenta il tipico detective hard-boiled, sullo stile di Sam Spade di Dashiell Hammett (interpretato da Humphrey Bogart ne "Il falcone maltese" del 1930)e di Philip Marlowe di Raymond Chandler. Piani nella sua citazione coinvolge anche Mike Hammer di Mickey Spillane, epigono dei due, ma quasi una parodia del genere, tanto sono cariche le situazioni dei suoi romanzi. Nelle scene in cui Bogart è protagonista, cambia persino l'impostazione della storia, che ci viene narrata in prima persona dallo stesso personaggio, nel classico stile aspro e vissuto. Segnalazione di Fabrizio Gallerani
  • Earl Chan è un omaggio a Charlie Chan, ispettore della polizia di Honululu, creato da Earl Derr Biggers (da qui il gioco di parole del nome) e portato sullo schermo, fra gli altri, da Warner Oland e Peter Ustinov. Segnalazione di Fabrizio Gallerani
  • Jessica Rutherford è un mix della celebre Jessica Fletcher, la scrittrice protagonista della serie televisiva La signora in giallo (Murder, she wrote), e di un'altra creatura della Christie, ovvero Miss Marple, la cui principale interprete sullo schermo è Margaret Rutherford. Entrambe zitelle di una certa età, sembra che portino sfortuna: pur non essendo investigatrici o detective, intorno a loro muore sempre moltissima gente, e ovviamente il caso viene sempre risolto dall'acume della signorina, a scapito della polizia e dei vari commissari di turno!!;-)
  • Stephen Reineker ricorda il celebre commissario Derrick, protagonista dell'omonimo telefilm: Herbert Reineker è infatti il creatore e sceneggiatore principale della serie televisiva. Segnalazione di Fabrizio Gallerani
  • Il capitano di polizia potrebbe riferirsi al celebre tenente Kojack, anche se mancano altri riferimenti precisi. Segnalazione di Fabrizio Gallerani
  • Il maggiordomo di casa Carr, Jeeves, ricorda nel nome il protagonista di molti romanzi comici di P.G.Wodehouse. Questo personaggio è diventato così celebre da rendere il nome Jeeves quasi automaticamente sinonimo dei maggiordomo.
  • Il cognome della cuoca di casa Carr, Gourmet, in francese significa buongustaio. Un cognome perfetto per uno chef!
  • La sequenza nella quale tutti i vari detective si radunano insieme agli indiziati per sostenere le proprie ipotesi è tipica della letteratura gialla: alla fine del romanzo, il detective fa collimare tutti i vari indizi e scopre il colpevole, davanti a tutti gli altri personaggi. Maestra di questo tipo di romanzo è Agatha Christie, ma anche Rex Stout e sir Conan Doyle erano soliti impostare in questo modo i loro scritti: la storia procede lineare, e in genere tutti gli indizi di cui dispone il detective sono forniti anche al lettore, che quindi può cercare di risolvere da solo il giallo, come se fosse un gioco. Se un autore, che ha abituato il lettore a ragionare così, osasse "giocare sporco", non fornendo tutti gli indizi, probabilmente il lettore si sentirebbe deufradato!
  • A questo proposito, Piani prende in giro tutti i vari metodi classici di questi celeberrimi detective, e fa sì che sia Legs a sciogliere il mistero, con l'aiuto di Sigmund. Tuttavia, non fornisce al lettore l'unico indizio utile, quello fornito dal polacco, mentre si sbizzarrisce ad aggiungere peronaggi e a confondere le carte. Possiamo proprio dire che "gioca sporco"!!;-)
  • Pag.7: Legs si lamenta delle scarse vendite del suo fumetto, cosa che purtroppo accade nel suo mondo ma anche nel nostro...
  • Pag.27: tutte le varie armi ritrovate vicino al cadavere di Lord Carr si rifanno esplicitamente al gioco da tavolo Cluedo, nel quale bisogna scoprire l'assassino, l'arma e il luogo del delitto. Le armi nel gioco sono una chiave inglese, un pugnale, una rivoltella, una spranga, un candeliere e una corda. Piani utilizza liberamente le prime tre, e poi si diverte ad inserirne altre, ovvero il sacchetto di plastica in testa, l'orata (!!!) e un mattone...ehm...un libro di Proust.
  • Pag.30: davvero un ricco convegno:oltre agli investigatori già citati, qui compaiono Sherlock Holmes col fido dottor Watson, Zenigata (sempre a caccia di Lupin), il tenente Colombo, nonchè Philip Marlowe.
  • Pag.74: Chan si rivolge direttamente ai lettori, sfondando la "quarta parete" del fumetto, come faceva nel telefilm Ellery Queen verso la fine, quando chiedeva agli spettatori se avevano capito chi era il colpevole. Segnalazione di Pierfilippo Dioniso Subito dopo, però, Legs riporta il detective cinese nel suo mondo, chiedendogli con chi stesse parlando.
  • Pag.82: la Rutherford cita un recente albo di Legs, la storia 68 "L'uccisore di draghi", della quale ci fornisce una particolarissima interpretazione...
Incongruenze
  • Pag.18: nell'ultima vignetta, il numero 6 che compare sul display non è rovesciato specularmente come dovrebbe. Segnalazione di Pierfilippo Dioniso
  • Pag.21 e pag.69:in entrambe si vede lo stesso ingresso dell'hotel ma sembra strana se non addirittura impossibile la visuale dalla finestra come viene disegnata a pag.21 nella 5ª vignetta. Segnalazione di Pierfilippo Dioniso
  • Pag.25-26: Jeeves apre la porta bloccata sciogliendo il ghiaccio che c'è nella serratura. Non dovrebbe quindi esserci dell'acqua per terra? Segnalazione di Pierfilippo Dioniso
  • Nella ricostruzione di Legs, che si presume sia quella corretta, non viene spiegato chi, e perchè, ha messo il libro di Proust vicino al cadavere di Lord Carr.
La frase
  • "Sherlock Holmes diceva che, eliminato l'impossibile, quello che resta, per quanto improbabile, è la verità..."
    pag.69, saggia citazione del signor Doyle


Personaggi

signor Doyle, investigatore privato Bruce De Andrea, [+] segretario di Lord Carr Mike Bogart, investigatore privato Jessica Rutherford, scrittrice di gialli Stephan Reineker, ispettore Lord Reginald Carr, [+] organizzatore del convegno Legs Weaver Earl Chan, investigatore dilettante Jeeves, [+] maggiordomo di Lord Carr Greta Williamson, [+] governante di Lord Carr signora Carr, moglie di Lord Carr Solomon Darver, capo dell'agenzia Alfa capitano di polizia Jennifer Gourmet, chef di Lord Carr notaio Jerome, nipote di Lord Carr Magda, nipote di Lord Carr Sigmund Baginov

Locations

stazione, Città Est treno hotel Roy villa Carr

Elementi

Investigatori Delitto impossibile Deduzione Parodia
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §