ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




" Alphaville "

In questa pagina:
Testi
Disegni
Globale

Pagine correlate:

Come ti raggiro il criminologo
recensione di Michela Savoldi

Un criminologo che crede di essere uno scrittore che crede di essere un barbone che crede di essere finito in un racconto di fantascienza degli anni cinquanta.
Una matassa davvero complicata da sbrogliare per Legs, per non parlare del superlavoro di Harvey, costretto a ricorrere a tutte le sue conoscenze filosofiche...



TESTI
Sog. e Sce. Alberto Ostini e Stefano Piani    

Finalmente un numero di Legs dalla trama densa e divertente. Ostini e Piani, infatti, nella realizzazione di questo n.39, danno il loro meglio proprio nell'ideazione dell'intreccio, che riempie tutte e 98 le tavole ad un buon ritmo.
La suspence non manca, e il susseguirsi delle rivelazioni riguardanti Erny mantengono alta l'attenzione del lettore.
Anche i personaggi di Erny e Amanda sono ben ideati: la sequenza dell'incubo di Erny, il suo incontro con la moglie ritrovata, la sua timidezza, creano un ritratto credibile dell'ex-criminologo e suscitano la simpatia di chi legge.

La sceneggiatura dell'episodio è scorrevole, nonostante risulti forse un po' troppo "compressa". La leggibilità della vicenda, infatti, risulta lievemente penalizzata dalla densità degli avvenimenti e dalla quantità dei personaggi presenti.

"la sequenza dell'incubo di Erny, il suo incontro con la moglie ritrovata, la sua timidezza, creano un ritratto credibile dell'ex-criminologo"
   

Il vero punto debole del soggetto, tuttavia, è probabilmente la città fantasma, Twin Falls. Creare un'intera cittadina degli anni cinquanta e popolarla di attori per almeno tre anni (Erny dice di aver scritto racconti nel periodo tra il 1950 e il 1953) è indubbiamente un metodo un po' troppo complicato, rischioso e costoso per progettare degli omicidi, persino per l'organizzazione Alphaville.

Ma quello che non convince è soprattutto il fatto che la città venga conservata intatta anche dopo la fuga di Erny. La stessa May, a pag.88, manifesta lo stesso dubbio, cui Legs non riesce a dare una risposta.
Non è infatti credibile che Ripper e compagni pensassero che Erny avrebbe ricominciato a scrivere tranquillamente racconti di fantascienza dopo tutto quello che gli è capitato (e infatti cercano di ucciderlo, non di riportarlo indietro).
Inoltre Jackal e le sue complici sono morti, quindi verrebbero a mancare i protagonisti delle sue storie, ossia gli esecutori materiali dei delitti.

Insomma, uno spunto interessante e senz'altro divertente, che però ad una seconda lettura più logica e meno superficiale scricchiola un poco.



DISEGNI
Francesco Rizzato    

Rizzato fa un ottimo lavoro nella realizzazione grafica dei personaggi, sia con la caratterizzazione delle guest stars sia con i volti di Legs e May.
Le tavole della sequenza del combattimento tra Tess e Legs (pag.79-84), tuttavia, risultano meno efficaci delle altre e rivelano alcune vignette dal tratto un po' affrettato.
Il disegnatore si riscatta ampiamente con la bella sequenza dell'incubo di Erny (soprattutto le tavole 39 e 41) e con le vignette più grandi (pag.9 e pag.25 per esempio).



GLOBALE
 

Nonostante alcuni difetti, una storia godibile e ricca, che scorre velocemente sino alla fine.
I personaggi minori, come gli amici di Erny, o le gags del draghetto Harvey che sfoggia la sua cultura e la sua spocchia sono ben riusciti e divertenti.
In complesso, quindi, l'albo merita una valutazione positiva.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §