ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




" Il Talismano Vivente"

In questa pagina:
Testi
Disegni
Globale

Legs

Pagine correlate:

Una Legs che fa gli occhioni dolci ad un maschietto ? E per di più avvocato? Qui c'è da indagare...

Ma tu guarda che bell'avvocatino. .
quasi quasi . . .

recensione di Gabriella Anzalone



TESTI
Sog. e Sce. Antonio Serra    

Questa volta Antonio Serra ci regala una Legs in una veste un po' meno usuale, con un intreccio interessante, che guarda certo più al passato che alla fantascienza e che riesce a coinvolgere il lettore in una serie di scoperte e avvenimenti sempre più appassionanti.

Di certo è una storia da prendere con le molle, come viene anche detto in seconda di copertina, che non ha, cioè, nessuna velleità storica o simile, che non prende spunto da nessuna leggenda vera o presunta e che va letta e goduta per quello che è, vivace e in poche parole "alla Legs". D'altra parte quello che si nota nel fumetto può richiamare più una leggenda giapponese che indiana (!) ma a noi sta bene così.

Partendo quindi da simili basi Serra riesce a cucire addosso all'agente Alfa una storia interessante, con risvolti diciamo "particolari" e che alla fine va certo più nel "paranormale" o addirittura "magico" che nel fantascientifico.

Ma veniamo alla trama. Dopo un breve prologo "che si perde in un'epoca lontana nel tempo", da una vicenda apparentemente banale, Legs si ritrova coinvolta in una questione certamente più complessa. Tutto parte da un omicidio che solo a prima vista ha un chiaro movente, e che la polizia vorrebbe archiviare in fretta come fratricidio, ma nel quale la nostra agente speciale vede subito poco chiaro, e andando avanti nelle indagini avrà sempre maggiori dati per avvalorare la sua tesi. In tutto questo assume un ruolo molto importante l'avvocato del principale indiziato, Thomas Duegiovani, che subito si distingue per il suo particolare comportamento oltre che per la sua prestanza fisica! Tra lui e Legs nascerà una collaborazione "particolare" che poi contribuirà in modo determinante alla chiusura del caso... se proprio vogliamo chiamarlo così.

"il nostro bell'avvocatino pare proprio uno dei pochi personaggi maschili della serie ad essere caratterizzato in maniera interessante ed efficace"
   
I dialoghi sono efficaci e ben strutturati, soprattutto tra i due, e il nostro bell'avvocatino pare proprio uno dei pochi personaggi maschili della serie ad essere caratterizzato in maniera azzeccata ed efficace, tanto che alla fine quasi dispiace che la nostra Legs abbia idee diverse in fatto di uomini!

In definitiva una trama interessante, piacevole da leggere, con spunti che potremmo definire perlomeno "fantasiosi", ma che non inficiano la lettura.



DISEGNI
Melissa Zanella    

Davvero una buona prova per l'esordiente Melissa Zanella. Dalle tavole si nota una notevole sicurezza del tratto e nella caratterizzazione dei personaggi, come se dietro ci fosse un lavoro di studio molto ampio e curato sui personaggi e sulle locazioni. In definitiva davvero una bella prova per una esordiente che dalle tavole proprio tale non pare. :-)

Da notare che il tratto, in alcuni punti e soprattutto nella caratterizzazione di Legs, pare ricordare un po' quello di Alberti, anche nel modo di usare le chine.

(14k)
Un bel primissimo piano di Legs, (c) 1998 SBE

Una nota di demerito invece va per la ripetizione di alcune vignette, riprese identiche in più punti dell'albo senza un minimo ritocco o altro, segno di fretta nelle chiusura dell'albo probabilmente, ma è una cosa che davvero stona in delle tavole così curate e ben inchiostrate.

La prima vignetta della prima tavola, infatti, è ripetuta pari pari nella prima vignetta a pag. 72, giusto con qualche stella in meno, ma se la cosa appare poco "grave" trattandosi di un paesaggio, si nota di più e con più fastidio quando una Legs in primo piano viente riproposta identica ma con un balloon diverso (ovviamente) a pag.94 e a pag.97.

Ciò stona in un albo davvero ben disegnato e con vignette davvero belle e ricercate, come quelle di pag.12 e di pag.23. Altro piccolo appunto lo possiamo fare per il modo in cui la Zanella disegna le mani, forse in alcune vignette un po' troppo "artigliose" ma questa può essere una scelta di stile. Ma in definitiva credo sia chiaro che i suoi disegni ci siano davvero piaciuti!!



GLOBALE
 

Una storia che si basa su leggende indiane insesistenti, ma che si fa leggere con piacere e che ci fa conoscere uno dei pochi personaggi maschile della serie dalla caratterizzazione interessante, in un mondo quasi tutto al femminile. Belli i disegni dell'esordiente Zanella.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §