ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
DatabaseSchede





  Uomini, bestie ed eroi
Codice: [15] 96pp
Rating:
scheda di Francesco Manetti

    Soggetto/Sceneggiatura:
    Giancarlo Berardi
    Disegni/Copertina:
    Ivo Milazzo

    1a SERIE
    n.15 "Uomini, bestie ed eroi" - 96pp - 78.09
    (5k)

    COLLANA WEST
    n.12 "Uomini, bestie ed eroi" - 48pp - 86.05
    (5k)

    SERIE ORO
    n.15 "Uomini, bestie ed eroi" - 96pp - 90.07

    KEN PARKER COLLECTION
    n.8 "Uomini, bestie ed eroi - Butch, l'implacabile" - 208pp - 2003.12
    (5k)


In due parole. .

Ken e Pat si mettono alla ricerca di alcuni cowboy per condurre una mandria di bestiame da Dodge City al ranch della piccola irlandese, a Sioux Falls...


Note e citazioni

  • La storia si svolge fra la fine dell'estate e l'inizio dell'autunno del 1874.
  • La ricerca, da parte di Ken, di uomini da ingaggiare come mandriani diventa un pretesto per far sfilare dinanzi al lettore un gran numero di personaggi del fumetto western, sia italiano che straniero, dalle origini agli anni '70. In una rielaborazione a metà fra il rispettoso omaggio, da parte di Berardi e Milazzo, nei confronti degli autori che li hanno preceduti e la presa in giro di fumetti ben diversi da quello rappresentato da Ken Parker, si vedono così transitare nell'Heroe's rest saloon (il saloon "Il riposo dell'eroe" :-)) Kit Carson (pag.11, vignetta 3) di Rino Albertarelli, Cisco Kid e Pancho (11/5) di Salina, Pecos Bill (12/2) di Guido Martina, il sergente Kirk (13/1) di Hugo Pratt, Sunday e Mortimer (18/2) di Victor de la Fuente, Tex e i suoi pards (18/5), protagonisti di una divertentissima gag in cui sono ripresi alcuni tormentoni della serie di Bonelli padre e Galeppini, Cocco Bill (riconoscibile per la lisca e il salame che ha nel piatto) di Jacovitti e Rick O'Shay (19/1) di Linde, Rocky Riderr e Comanche (20/2) di Hermann, Randall (23/2) di Del Castello, gli eroi ragazzini capitan Miki, Tim Carter (Un ragazzo nel Far West), Kit Teller (Il piccolo Ranger) e Kit Hodgkin (Il piccolo Sceriffo) (23/4), Zagor (24/1) e Larry Yuma (24/4). In seguito Ken incontrerà anche Lucky Luke (35/3), Bill Adams, uno dei protagonisti della bonelliana Storia del West di Gino D'Antonio, e Matt Dillon (56/3) e Blueberry (84/5). Nel saloon, inoltre, è lo stesso Berardi (4/3) a fare a Ken da cicerone; al termine della sfilata di eroi compaiono infine Milazzo (28/4), Sergio Bonelli (con degli insoliti baffoni) e Decio Canzio (29/3). Berardi e Milazzo si erano già inseriti come personaggi nel breve racconto "John C. Eberhart" della serie Welcome to Springville, episodio successivamente ristampato nel volume "Ombre e polvere" delle Edizioni L'Isola trovata (e, in tempi più recenti, da Le Mani). Quasi vent'anni dopo, ne "La terra degli eroi" KP c9, storia scopertamente metafumettistica dalla prima all'ultima tavola, agiranno invece a fianco di Ken Parker come autori dichiarati del personaggio e della serie. nota realizzata col forte contributo di Julio Schneider e Alessandro Cigni
  • Ken rientra in possesso del suo "lungo fucile", il Kentucky ad avancarica che aveva lasciato a San Francisco, all'inizio di "Caccia sul mare" KP 9, per farvi apportare delle modifiche.

    Note aggiunte da Alessandro Cigni

  • Con questo episodio si conclude la saga di Pat, sorta di "romanzo di formazione" che ci ha tenuto compagnia per quattro numeri. All'inizio la ritroviamo scaltra e ormai perfettamente integrata nel mondo degli adulti (torna l'esilarante gag del sigaro, con cui si era presentata nel primo episodio; con astuzia di procura un cow-boy comprando il suo "pagherò"); poi la scena è dominata dai battibecchi con Nathan, che preludono alla nascita di un sentimento; infine la lasciamo in lacrime guardare Ken che si allontana. Il rapporto tra i due ricalca lo schema ormai consueto di battibecchi che si concludono in maniera affettuosa e complice (pag. 33, dove la troviamo prima allo stesso piano di Ken, faccia a faccia con lui, e poi, da bambina quale in realtà è, molto più in basso), o viceversa (pag. 48-49). A pag. 93 è Pat che conforta Nathan (zoom sulle mani strette) per la morte dell'amico; a pag. 98 la scena si ripete al contrario: questa volta è il ragazzo che conforta Pat nel doloroso momento della separazione da Ken. Le ultime pagine infatti riportano l'ultimo dialogo tra Ken e Pat: è un momento di vera commozione anche per il lettore, grazie anche all'abilità di Ivo nel far parlare i volti dei personaggi.
  • In questa storia dallo schema classico non potevano mancare gli indiani, Omaha in questo caso (pag. 67-73); Ken li accosta con rispetto, ma l'esito cruento dell'incontro conferma che l'intento degli autori nel trattare la questione indiana è sì quello di rifuggire dallo stereotipo degli Indiani selvaggi, ma in modo realistico e senza cadere nell'estremo opposto, quello di idealizzare i pellerossa.
Incongruenze
  • A pag.82 Pat afferma di essere vicina al compimento dei sedici anni, mentre a pag.16 de "La città calda" KP 13 (ambientato appena pochi mesi prima la storia raccontata in "Uomini, bestie ed eroi") affermava di avere "almeno quattordici anni e tre mesi". Piuttosto che ad una bugia detta per "stare alla pari" con Nathan, che di anni ne ha diciotto, è presumibile pensare che Berardi abbia deciso di alzare un po' l'età della ragazza per rendere plausibile il commiato finale fra lei e Ken (sarebbe stato un po' azzardato, infatti, definire donna una quattordicenne).
La frase
    Ken:
    "L'uomo bianco è lieto di salutare il valoroso popolo degli Omaha. L'uomo bianco viene in pace..."

    guerriero Omaha:
    "Tu parli di pace, ma percorri le nostre terre con le tue bestie senza permesso!"

    Ken:
    "Si può chiedere il permesso all'erba o al vento? L'uomo bianco ha aspettato che i prodi Omaha si mostrassero..."

    guerriero Omaha:
    "E' consuetudine dei lunghi coltelli prendere senza chiedere!"

    Ken:
    "L'uomo bianco parla con lingua diritta. Ha portato doni per i suoi fratelli rossi..."

    guerriero Omaha:
    "Fratelli, dici?

    Si può forse chiamare fratello quel popolo a cui si toglie il bisonte, sua fonte di vita, per donargli strane bestie più magre della fame?

    No. Io dico di no."


Personaggi

Ken Pat O'Shane Jerry "papa" Oliver cuoco George Abraham Lincoln [+] Nathan Barrett Irving Lockard aka Isaac Levin ex-fuorilegge Jeff e i suoi tre figli [+] ladri di bestiame

Locations

Dodge City Heroe's rest saloon praterie

Elementi

saloon mandria di bestiame attacco indiano ladri di bestiame innamoramento fra adolescenti
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §