Salta direttamente al contenuto

Caro Berardi...

Myrna è tornata... ancora...
Recensione di  |   | julia/


Caro Berardi...
Julia 169


Caro Berardi...

Scheda IT-JU-169

Caro Berardi,
mi chiamo Martina, leggo Julia dal primo numero quindi la conosco bene: mi ricorda tanto la mia dolce e defunta trisnonna Adele (che però tutti chiamavano Adelina), che non ho mai conosciuto ma sicuramente aveva quel non so che, quella cosa li che solo la nostra Julia ha... ma non ti scrivo per parlare della mia famiglia, anche se sono certa che saresti così paziente da ascoltarmi, anzi leggermi...

Ti scrivo perchè mancano solo 31 numeri al n.200 di Julia. Due anni e mezzo sono tanti, chissà cosa succederà in Italia e alla Bonelli, però in fondo sono anche pochi per pianificare una serie a fumetti. E quindi ti scrivo per tempo, sperando che tu voglia accogliere la mia proposta con gioia.

Nel n.200, fai tornare Myrna. Falla tornare come una volta, magnetica, seducente, predatrice e mai preda.

Falla tornare e falla vincere: concludi la serie col botto, lascia che Myrna uccida Julia. Poi se vuoi uccidi anche Myrna, ma intanto lascia che vinca.

Regalaci qualcosa di davvero inedito, di spettacolare, di memorabile, che ci liberi da queste storie tutte tecnicamente perfette e perfettamente uguali tra loro.

Sii davvero speciale come solo tu potresti essere!

...poi, se vuoi, dal n.201 ricomincia da capo, con un what if, con le storie di Julia giovane, con una dimensione parallela, con quello che ti pare: probabilmente le esigenze di mercato non ti lasceranno chiudere la serie.
Fai quel che vuoi, dopo.

Ma prima, nel n.200, spacca tutto e facci emozionare.

Tua,
Martina

Caro Berardi, regalaci qualcosa di davvero inedito, di spettacolare, di memorabile, che ci liberi da queste storie tutte tecnicamente perfette e perfettamente uguali tra loro.

Sul serio? Sì.

Questa "lettera" nasce quasi per scherzo, in modo molto istintivo, dopo la lettura del n.169 di Julia, in cui Myrna torna per l'ennesima volta a braccare la nostra integerrima criminologa. Myrna è nata affascinante: è un personaggio che ha sempre avuto un suo spessore e una sua forza (l'unico altro personaggio ricorrente che fa leggermente breccia nel mare calmo di Julia è il ladro Tim), però questi sporadici ritorni, ormai troppo simili a loro stessi, stanno logorando l'idea iniziale e il suo innegabile appeal.

Questa Myrna fuggitiva si sta progressivamente riducendo a macchietta isterica, con la triste conseguenza che tutto il suo fascino e il suo magnetismo stanno lentamente sparendo.

...cosa accadrà tra qualche numero, quando Myrna uscirà dal bosco per cercare la sua bella?

E' da questa domanda, quasi inconscia, che nasce la lettera, una di quelle che si trovano davvero nella posta di Julia, ordinate, educate, coi congiuntivi perfetti, i saluti gentili, le storie strazianti... e questa volta anche con una richiesta davvero seria ("fumettisticamente" parlando).

Un n.200 del genere finirebbe negli annali delle serie Bonelli, verrebbe custodito gelosamente dai nerd e scambiato come rara merce dai collezionisti... i critici sarebbero entusiasti di dire la loro, l'editore forse un po' meno, l'autore chissà...

Quel che è certo è che un n.200 del genere darebbe davvero un'emozione nuova ed inedita ai lettori affezionati, e probabilmente questa è l'unica cosa che davvero conta.

Caro Berardi, pensaci.



Vedere anche...

Scheda IT-JU-169

Condividi questa pagina...