ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
DatabaseSchede





Pagine correlate:

  Il segreto delle nereidi
Codice: [37] 94pp
Rating:
scheda di Sabrina Mancosu

    Soggetto/Sceneggiatura:
    Federico Memola
    Disegni/Copertina:
    Gino Vercelli / Giancarlo Olivares
    Lettering:
    Cristina Bozzi

    SERIE REGOLARE
    n.49 "Il segreto delle nereidi" - 94pp - 03.04
    (5k)


In due parole. . .

Il ritrovamento di una città sommersa nel mar Egeo conduce Myriam e Jasmine all'interno di una bolla d'aria mentre Max e Isabel affrontano in uno scontro a fuoco degli sconosciuti per le vie di Atene. E scompare Jonathan... Strade diverse per i nostri eroi ma un sottile filo rosso tiene unito il loro cammino... sulle tracce de "Il segreto delle Nereidi".


Note e citazioni

  • Pag.6, la nereide Ianira ci riporta agli esordi della serie "Jonathan Steele". È proprio nel n.1, infatti, che Jonathan e la ninfa si incontrarono. Anche in quell'occasione la ragazza con le sue compagne si trovò a dover far fronte ad un assalto di nemici: pirati, figli di umani e Nereidi, alla ricerca del tesoro da esse custodito.
  • Pag.8, l'ultima comparsa di Max e Isabel, una brevissima apparizione, data l'episodio n.43. E' la prima volta che in un albo compaiono, entrambi, insieme a Myriam e Jasmine.
  • Pag.14, come conferma Memola, nel sito www.jonathansteele.com, ad un lettore, il nome Sean Trevelyan unisce il nome di uno dei più celebri interpreti del personaggio James Bond, Sean Connery, con il cognome dell'agente 006 Alec Trevelyan che compare nel film GoldenEye.
  • Pag.15, la Brummel cui accenna l'archeologo Sean Trevelyan è un'agenzia di investigazioni magiche concorrente a quella gestita dalle nostre eroine, e con la quale, come ricorda lo stesso Memola in una nota, Myriam Jasmine e Jonathan hanno collaborato in vari episodi (13/15; 29/30; 33; 34).
  • Pag.19, Peter Throckmorton è uno dei fondatori della moderna archeologia nautica. Lavora per la Nova University; ha curato l'Atlante di Archeologia Subacquea (De Agostini, 1988).
  • Pag.22, come ricorderanno i lettori più affezionati, uno scorcio della città sommersa ci era stato già regalato, sempre da Vercelli, nel n.1.
  • Pag.24, il tempio delle Nereidi ha come colonne le Cariatidi, statue riproducenti figure femminili con funzioni portanti. Non è improbabile che come "fonte", Vercelli, abbia usato la famosissima "loggia delle Cariatidi" dell'Eretteo (tempio di Atena Polis) sito nell'acropoli di Atene.
  • Pag.24, figlie della divinità marina Nereo e della ninfa marina Doride (figlia di Oceano), le Nereidi, nella mitologia classica, abitavano le profondità marine del mar Egeo. Poiché spesso risalivano in superficie per aiutare marinai e naviganti, ne erano considerate le protettrici. Variabile, a seconda delle fonti, il loro numero: la tradizione più antica ne riconosceva circa cinquanta. Nell'Iliade di Omero troviamo citata (libro XVIII al verso 60) accanto ad altre celebri (Anfitrite, Galatea, Tetide), la ninfa Ianira.
  • Pag.45, scontato che i fucili subacquei lasciati con così tanta facilità da Max e Isabel all'ingresso della caverna avrebbero avuto modo di tornare utili al momento giusto, alla persona giusta... come si può osservare nelle sequenze alle pagg.50-51.
  • Pag.52, nelle parole di Jonathan troviamo una misura dell'intervallo di tempo che separa il nostro investigatore da quel primo incontro con Ianira: 3 anni.
  • Pag.53, come non chiedersi che fine abbia fatto il forte spirito di gruppo che caratterizzava le Nereidi nel n.1? A sentire Jonathan sono trascorse ben tre settimane da quando Ianira gli ha chiesto aiuto e, nel frattempo, nessuna compagna si è fatta viva per cercarla o quantomeno darle una mano.
  • Pag.59, la famosa mappa che guida l'azione dei mutati e dei servizi segreti nella ricerca delle Nereidi, era stata scoperta nel n.1 dai pirati. Completamente illeggibile all'epoca, fu "restaurata" grazie ai poteri magici del loro comandante, restituendo i luoghi dove erano vissute (e alcuni dove ancora vivevano) le ninfe marine.
  • Pag.61, scopriamo finalmente il nome dello scienziato che fin dal n.39 sta portando avanti gli studi sulle mutazioni genetiche: Philip Waterman... un cognome forse un po' troppo... prevedibile? ;-)
  • Pag.78, l'istituto oceanografico assaltato dai mutati è sito nell'isola di Gavdos conosciuta nell'antichità col nome di Ogigia, (vedi n.1).
  • Pag.88, Isabel e Myriam si incontrano per la prima volta.
  • Pag.95, lady Elisabeth Sinclair è il referente di Max e Isabel (così come nel n.39 lo era stata di tutti gli investigatori assoldati) per conto dei servizi segreti britannici. Difficile capire la sua posizione, e il suo reale potere, all'interno dell'organizzazione. Di certo richiama il personaggio femminile M., il capo dei servizi segreti britannici che nel film GoldenEye, e seguenti, ha sostituito il vecchio M., Miles Messervy.
Incongruenze
  • Se il dottor Waterman stava cercando le Nereidi, per i suoi esperimenti, all'interno della bolla d'aria perché avrebbe dovuto riempirla di gas nervino (pag.33) rischiando di uccidere così le sue prede? E considerando che è praticamente impossibile, in condizioni normali, riconoscere una nereide, a meno di non immergerla in acqua, perché a pag.65 lo scienziato chiede ai suoi uomini di spingere fuori dalla bolla solo Myriam e Jasmine e non anche gli altri membri femminili della spedizione dove le ninfe potrebbero essersi infiltrate per nascondersi?
  • Possibile che la grotta sottomarina, un luogo così prezioso per la sopravivenza delle Nereidi, considerata l'attrezzatura che contiene, non sia in alcun modo "protetta" in modo da far fronte ad es. ad una casuale "scoperta" di un qualsiasi sub?
  • Suscita perplessità la convinzione di Sean secondo la quale la visione della mappa avrebbe spinto Myriam e Jasmine a chiamare Jonathan (pagg.59-60). Le ragazze nulla sanno della precedente avventura dell'investigatore con le ninfe marine: allora Jonathan ancora non conosceva Jasmine e non si era ritrovato con Myriam...
  • Dopo aver riferito ai servizi segreti (pag.63) di non aver trovato nulla nella grotta sottomarina dove invece si trova Ianira ferita, Max riferisce a Jonathan dell'affondamento della Lydia che ospitava anche Myriam e Jasmine. È credibile che i suoi superiori, che non hanno alcun interesse a fornirgli più informazioni del necessario, gli abbiano riferito la notizia? E se sì, a che pro?
  • Non ci sembra proprio in linea con il personaggio di Jasmine il non aver nemmeno tentato di dare una mano a Myriam mentre questa veniva buttata fuori dalla bolla (pag.70). Certo la possibilità che il contatto innescasse i poteri dell'amica era reale... comunque proprio non ci convince che, in una tale situazione, tutto ciò che Jasmine riesca a biascicare sia una formula per salvare solo se stessa.
  • Curioso che nel motoscafo usato da Max e Jonathan per andare in soccorso delle amiche ci fosse una provvidenziale muta proprio della misura di Myriam (pag.75) ;-)!
  • Appare un passaggio inutile la telefonata di Jonathan ad Isabel (pag.75) con la quale le chiede di avvisare i suoi capi dell'attacco alla bolla da parte del sottomarino dei mutati. L'avrebbe benissimo potuta fare Max evitando perdite di tempo prezioso.
  • Va bene che Jonathan e Max sono un'ottima squadra, d'accordo sul fatto che l'invisibilità del tigrotto può rivelarsi decisamente preziosa... ma è credibile che tre persone riescano a prendere il controllo di un sottomarino sopraffacendo l'equipaggio (pag.82)? Facciamo nostra la perplessità del dottor Waterman... ;-)
  • Nell'accettare di incontrare Ianira nel luogo del loro primo incontro (pag.90) Jonathan le dice che quell'occasione rappresenterà un addio per entrambi. Tuttavia a pag.97 non esita ad offrirle nuovamente la proprio disponibilità in caso di necessità.

Personaggi

Jonathan Steele Isabel Fierro Max Brendel Myriam Leclair Jasmine Rashad Ianira, nereide amica di Jonathan Sean Trevelyan archeologo Philip Waterman capo dei mutati Elisabeth Sinclair agente dei servizi segreti inglesi Mutati anfibi

Locations

Mar Egeo Atene Lydia nave piattaforma degli archeologi Grotta sottomarina

Elementi

Mare Nereidi Archeologia Esperimenti genetici Separazione Magia Servizi segreti Vita sentimentale di Jasmine
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §