Salta direttamente al contenuto

The prestige!

il fascino dello scrittore
Recensione di  |   | johndoe/


The prestige!
John Doe 45 "Artista della Fuga, L'"


The prestige!

Scheda IT-JD-45

Quanto amore e quanta felicità nelle prime pagine di questa storia: a fatica ricordo una Autumn così dolce e degli abbracci e delle carezze così romantici. Ma se un John Doe comincia così…come finirà? Ma il tutto è un abbaglio, è nulla è quel che sembra, nel senso che, quest’albo non è un albo, ma uno speciale che non ha mai visto la luce travestito da albo! Nei contenuti speciali, a fine fumetto, gli autori ci chiariscono la travagliata genesi dell’episodio che voleva essere uno speciale a colori disegnato da quel genio di Massimo Carnevale ma che, pare per bizze creative, ha cambiato forma e connotazioni diventando così il n.45 della serie regolare, nell’escalation finale che porterà a conclusione la seconda stagione.

Pagina 06
disegni di Giorgio Pontrelli

(c) 2007 Eura Editoriale

Pagina 06<br>disegni di Giorgio Pontrelli<br><i>(c) 2007 Eura Editoriale</i>

Un doveroso ripasso

Nell’ormai lontano Maggio 2004 John era nel bel mezzo della sua fuga, e tutto voleva tranne che avere nelle vicinanze Morte&Co.ma, l’onore, il dovere e l’amicizia lo portarono ad occuparsi del funerale del Dio dei Luoghi Comuni in uno degli albi migliori della prima serie. Il figliol prodigo è sempre stato bravo a dettar condizioni, così chiese e ottenne un mese di tregua in cambio del lavoro svolto. Ma, a fine funzione, il buon caro Doe pensò bene di incrementare il suo vantaggio uscendo di scena col botto (botto nel senso di esplosione, la sua e dell’auto). Da quel momento tutto cambiò ed era chiaro che tornare indietro non era più possibile. Solo che nessuno ci ha mai spiegato come diavolo fece a far quel figurone a fine funerale, ed è qui, finalmente, che arriva il nostro ex albo speciale, che ci illumina e ci spiega tutto.

Pagina 69
disegni di Giorgio Pontrelli

(c) 2007 Eura Editoriale

Pagina 69<br>disegni di Giorgio Pontrelli<br><i>(c) 2007 Eura Editoriale</i>

The prestige

Bartoli e Recchioni si trovano così tra le mani una bella idea e un occasione mancata, assemblano il tutto, lo adattano alle nuove circostanze, lo affidano ad un laborioso Pontrelli, ed ecco bello e pronto un nuovo albo. L’inizio è quindi un pretesto creato ad arte per raccontarci la storia che ci interessa, quella di Harry Houdini, il più grande escapista vivente, di come ha aiutato John Doe e di cosa ha preteso in cambio. Il tutto è ben organizzato, scivola via bene in modo divertente e interessante, giocando tra realtà e fantasia come i due autori ci hanno ormai abituato. Ma ai due terzi dell’albo, il tutto si inclina e si contorce, perdiamo il controllo della situazione in un turbine di follia, allucinazione e confusione che ci lascia inermi, come lo stesso John, e davvero non abbiamo più la minima idea di quello che sta succedendo, persi in un gioco di scatole cinesi attraverso le quali confondiamo personaggi e autori, vittime e carnefici. Un bel gioco sul ruolo dello scrittore e sulle follie dell’ispirazione, che ci da un idea del rapporto che hanno Recchioni e Bartoli con le loro creazione e con i loro ispiratori.

Pagina 84
disegni di Giorgio Pontrelli

(c) 2007 Eura Editoriale

Pagina 84<br>disegni di Giorgio Pontrelli<br><i>(c) 2007 Eura Editoriale</i>

Speciale o Non Speciale?

La vera pecca di tutto questo è il tempo: tre anni sono forse davvero troppi per riprendere un puntino lasciato in sospeso; ma in effetti l’idea era bella, divertente e interessante, così lasciarla cadere sarebbe stato un peccato, ed inoltre fa sempre piacere leggere un albo così. Purtroppo qualunque commento o apprezzamento non può che risentire della consapevolezza di aver perso l’occasione di veder all’opera Carnevale per un intera storia a colori: cosa sarebbe dovuto essere, non ci è dato (ahinoi!) sapere, ma un'idea (ahinoi!) ce la possiamo fare guardando la copertina.
Peccato perché Pontrelli ha un tratto particolare, fatto di ghigni e occhietti piccoli, che posso infastidire quando li si osserva per la prima volta, tant'è che alcuni arrivano ad odiarlo per questo suo tratto quasi caricaturale, mentre altri vengono coinvolti da quelle sinistre espressioni e da quei strani giochi di chiari scuri e prospettive. Fatto sta che i suoi disegni, per questa storia, sono perfetti, in special modo per la parte finale, tra orrore e allucinazione.
E e poi, ripeto: Autumn è deliziosa! ;-) L'artista della fuga, n.45 di Lorenzo Bartoli, Roberto Recchioni e Giorgio Pontrelli - Eura Editoriale, 100 pagg, brossurato b/n, testata John Doe, € 2.70

Vedere anche...

Scheda IT-JD-45

Condividi questa pagina...