Salta direttamente al contenuto

Una passeggiata per Bunkerlandia

i team up dei personaggi di Max Bunker
Articolo di  |   | italia/


Una passeggiata per Bunkerlandia
 


Una passeggiata per Bunkerlandia

Creatore di molti personaggi del panorama fumettistico italiano, Max Bunker non ha resistito alla tentazione di far interagire le sue creazioni, sviluppando un vero e proprio universo fumettistico privato. Gli albi menzionati nell’articolo sono stati pubblicati all’inizio dall’Editoriale Corno, fino alla sua chiusura, e successivamente dalla Max Bunker Press, casa editrice dell’autore.

Il primo team-up del fumetto italiano

Nel lontano marzo del 1967, il duo che firmava Magnus & Bunker realizzò l’albo Kriminal 90, "Quello che non t’aspetti". Il titolo già presagiva qualcosa di insolito e nelle prime pagine si vede un’ombra femminile cercare di uccidere l’ispettore capo Patrick Milton e poi salvare la vita del protagonista. Solo a pagina centodue i lettori scoprirono l’identità della donna e restarono molto sorpresi, quanto o più dello stesso Kriminal che si trovò faccia a faccia con la conturbante Marny Bannister, in arte Satanik. Gli autori, velatamente, accennano ad un incontro intimo tra i due anti-eroi e le parole finali di Satanik sentenziano quell’avventura come un evento isolato.
Questo episodio del Re del delitto segna il primo team-up, crossover, incontro, incrocio narrativo (o come volete chiamarlo) della storia del fumetto italiano.
Cinque anni più tardi, nell’aprile del 1972, c’è uno scambio di cortesie e nell’albo Satanik 189, "Agguato sul sentiero", Satanik è citata a Scotland Yard dove è interrogata dall’ispettore capo Milton, che dice alla donna che ha la sensazione di averla già vista.

Kriminal & Satanik
vignetta di Magnus, Kriminal n. 90

(c) 1967 Editoriale Corno

Kriminal & Satanik<br>vignetta di Magnus, Kriminal n. 90<br><i>(c) 1967 Editoriale Corno</i>

Poliziotti e Kriminali

Due anni dopo la chiusura della propria testata, ritroviamo l’indomito Anthony Logan come guest-star in un’altra serie di Max Bunker, quella del capitano Daniel Kendrew. In Daniel 17, "Riscatto a doppia lama", in una sorta di preludio, è ristampato parzialmente il finale del capitolo conclusivo della saga dell’antieroe bunkeriano (Kriminal 419 "La fine?"), dove assistiamo alla cattura del fuorilegge.
Successivamente, in Daniel 18 "Il ritorno di Kriminal" e Daniel 19 "Caccia a Kriminal", il protagonista si trova a Londra per un congresso antiterrorismo e deve unire le proprie forze con l’ispettore Milton di Scotland Yard per cercare di acciuffare il redivivo Re del delitto.

In AF 150, successiva a questa doppia avventura, i due personaggi s’incontrano come se fosse la prima volta, invalidando così questa storia. La cosa trova fondamento nella ristampa riveduta di Daniel, pubblicata quindici anni dopo l’originale, dove tutto diventa un sogno del poliziotto.

Alan Ford & Co.

Non poteva mancare all’appello Alan Ford, altra grande creazione di Bunker e Magnus, che nei suoi albi ha incontrato molti dei suoi "fratelli" e "sorelle" di carta.
In AF 41, "Missione da Siuri", nello stesso ristorante dove arrivano Alan Ford ed il Conte Oliver, troviamo seduti in altro tavolo Anthony Logan e Milton con le rispettive compagne, Lola Hudson e Gloria Farr.
In AF 53, "Arsenico Lupon, assai galante e molto ladron", il Gruppo T.N.T. si trova a Parigi e visita il museo delle cere, che presenta una mostra di Magnus & Bunker, dove sono esposte le statue di Kriminal, Satanik e Maxmagnus, quest’ultimo insieme all’Ammistratore Fiduciario. Nell’albo seguente, AF 54, "L'inghippo di Bubu", la banda si trasferisce a Londra dove incontra, per la prima volta, l’ispettore Blizt di Scotland Yard, personaggio apparso sulle pagine del Re del delitto, che vuole a tutti i costi arrestare il Conte Oliver.
Nell’albo AF 150, "Kriminalissimo", per festeggiare il traguardo delle centocinquanta uscite mensili, Bunker approfitta dell’occasione e fa scontrare il Gruppo T.N.T. con Kriminal. Nello stesso albo, Alan (in una sequenza molto onirica) incontra Satanik, Gesebel, il Gufo e Maschera Nera, Maxmagnus e l’Ammistratore Fiduciario, Pinocchio Super-Robot e Daniel.
Anthony Logan, con in mano l’albo Kriminal 60, "Omicidi a colazione", fa un ulteriore cameo in AF 352, "Paga 2 uccidi 3" e ricompare poi in AF 482, "Vacanze in multiproprietà". Invece, gli ispettori Milton e Blitz affiancano ancora il Gruppo T.N.T. in AF 228, "Il codice graffiti", AF 380, "Slalom", AF 400, "Festa al castello" e AF 430, "Un giallo da risolvere".
In AF 452, "Witchcraft", in una simpatica citazione, ritroviamo Alan Ford e Minuette intenti ad imbucarsi ad una festa in maschera, travestiti rispettivamente da Maschera Nera e Kriminal. In precedenza, la compagna di Alan si era pure provato il vestito di Satanik.
Infine, ricordiamo i camei del regale Maxmagnus in AF 363, "Riccardo III", e in AF 477, "Otello"; mentre in AF 407, "L'ultimo film di Bill Mikowsky", il capo del Gruppo T.N.T. vede un film in tv con Maschera Nera come protagonista.

Alan Ford incontra Maschera Nera
vignetta di P. Piffarerio, Alan Ford n. 150

(c) 1981 Max Bunker Press

Alan Ford incontra Maschera Nera<br>vignetta di P. Piffarerio, Alan Ford n. 150<br><i>(c) 1981 Max Bunker Press</i>

Il ritorno di Wurdalack

Nella doppia storia contenuta in AF 71, "In Transilvania c’è un castello che..", e AF 72, "Natale col vampiro", esordisce nelle pagine di Alan Ford il barone Wurdalack, uno dei maggiori avversari di Satanik. Il vampiro visto all’opera in questa nuova serie è un personaggio goffo e pasticcione, come tutti i rivali della gang, quasi una caricatura di quello visto in passato. Sta di fatto, che il signore dei non-morti dell’universo bunkeriano diventa un nemico ricorrente dell’allegra combriccola. Il barone ed il suo trio di sudditi vampiri ritornano sulla Terra, dopo che furono spediti nello spazio dal Gruppo T.N.T., in AF 108, "Dai, dai, samurai", e in AF 149, "Wurdakack non molla succhia", il N. 1 ed i suoi ragazzi viaggiano a Venezia per affrontare ancora il quartetto di pipistrelli. Wurdalack addirittura unisce le sue forze con la bella Margot, altra vecchia rivale di Alan Ford & soci, in AF 186, "Triplo gioco", ed invece, in AF 190, "Il testamento del Numero 1", il vampiro s’impietosisce dei rivali in lutto per la morte del loro capo e non affonda i denti. In AF 208, "Il vampiro radioattivo", per colpa di una nube radioattiva, il barone abbandona momentaneamente le sue abitudini, preferendo il latte al sangue. Per attirare giovani prede tra le loro fauci, data la scarsità di plasma nei Balcani, il gruppo di vampiri addirittura forma un complesso rock in AF 305, "Wurdalack Rock Band". Il povero succhiasangue perde anche il suo castello, in AF 449, "Vampiri in saldo", per mano del fisco e delle tasse arretrate, ed il ricco Tom Bill Dallas lo compra e lo fa trasferire negli Stati Uniti, con inquilini inclusi, come visto in AF 457, "La banda del Guercio". Da non dimenticare che il barone è comparso anche in AF 100, "Le colline nere del Sud Dakota", sotto forma di allucinazione, in AF 431, "Il mondo di Alan Font", nella dimensione XXL nei panni del capitano Wurdalack e nell’ottavo speciale, "Dracula", dove interpreta il famoso personaggio di Bram Stoker.

Cose da donne

Per non essere da meno dei loro colleghi maschi, anche le varie signore della Max Bunker Press non hanno esitato a proporsi in alcuni team-up molto interessanti.
Non sono citati gli incontri tra Kerry Kross e Beverly Kerr, in quanto quest’ultima serie è uno spin-off della prima, come accade tra Nathan Never e Legs Weaver della Bonelli. La bella psicologa Beverly Kerr si ritrova ad affrontare nientemeno che la Rossa del Demonio, che ha posseduto una sua paziente, in Kerry Kross Presenta Beverly Kerr 4, "Il suo nome era Satanik".
Quest’avventura ha un epilogo in Le Monografie n. 1, dedicata a Satanik, con una breve apparizione di Beverly Kerr nella storia dal titolo "L’ultimo atto".
Pepper Russell, una delle ultime creazioni di Bunker, ospita brevemente la bionda Kerry Kross in Max Graphic Novel 2, "Skip". In questa storia, la Russell è affiancata dall’agente Richard Martin, ex-collega all’FBI della Kross.

Beverly Kerr vs Satanik
copertina di D. Perucca, Kerry Kross Presenta Beverly Kerr n. 4

(c) 2002 Max Bunker Press

Beverly Kerr vs Satanik<br>copertina di D. Perucca, Kerry Kross Presenta Beverly Kerr n. 4<br><i>(c) 2002 Max Bunker Press</i>

Kriminal & Diabolik

Nella simpatica storia apparsa in "Kid, una strana storia" (Ed. Scarabeo) per i festeggiamenti dei cento anni del fumetto, per la prima (e forse unica) volta Kriminal condivide una vignetta con il suo collega Diabolik, altro pilastro del fumetto nero italiano.

Diabolik e Kriminal insieme!
"Kid, una strana storia", vignetta di Raul e Gianluca Cestaro

(c) 1996 Lo Scarabeo

Diabolik e Kriminal insieme!<br>"Kid, una strana storia", vignetta di Raul e Gianluca Cestaro<br><i>(c) 1996 Lo Scarabeo</i>

Condividi questa pagina...