ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
InternationalPrecedenteSuccessiva






Da questo numero, pubblichiamo la traduzione delle prime recensioni americane agli albi della Dark Horse, ad opera di Brian Scot Johnson (tratte dal sito Khepri Comics Online).

(Khepri Comics)
American Bonelli:
le recensioni dei numeri 1

a cura di Marco Gremignai & Fabrizio Gallerani
Text and logo by Brian Scot Johnson
(c) 1998-1999 Khepri Comics Online
Traduzione di Marco Spitella

(9k)
   
Dark Horse/Bonelli
Dylan Dog 1 (di 6)
Dawn of the living dead
L'alba dei morti viventi
Tiziano Sclavi (testi)
Angelo Stano (disegni)
Mike Mignola (copertina)

PRESENTAZIONE: Nome familiare in Italia, BONELLI irrompe sul mercato americano dei fumetti attraverso un accordo commerciale in esclusiva con la Dark Horse. DYLAN DOG è la prima di tre serie in arrivo, ognuna di 6 albi. Ma ogni albo in bianco e nero è a sé stante, inserendosi in una più ampia continuity se si colleziona l'intera serie.

STORIA: Sybil Browning viene arrestata per aver ucciso suo marito John con un paio di forbici, ma nessuno crederà che lui era già morto - uno zombi tornato per ucciderla. Cioè, nessuno tranne Dylan Dog, l'Investigatore dell'Incubo e la sua goffa spalla comica Felix! (NdT: ovvero... un Groucho senza baffi :-) Insieme, questo trio svela il sinistro piano dell'immortale Dottor Xabaras - ma potranno liberare la città scozzese dai suoi zombi senza contrarre la "malattia" essi stessi?

TESTI: Sclavi mette insieme una storia veramente bella. Il ritmo è incisivo e avventuroso, mentre il dialogo è franco e conciso. Lavoro eccellente, pieno di giochi di parole e comicità. E' "hi-jinx" e horror ben mescolati insieme.

DISEGNI: Stano maneggia bene il bianco & nero, in uno stile che appare come un incontro fra Bill Sienkiewicz e Kevin O'Neill - realistico, sebbene spigoloso e rigido - perfetto nel rappresentare i non-morti. Inoltre, Mike Mignola impacchetta il tutto in una potente copertina (guastata solo dall'inopportuna intrusione del codice a barre).

CONCLUSIONI: Non lasciatevi sfuggire DYLAN DOG! Con 96 pagine di zombi e horror, questo albo merita certamente 5 "bigliettoni". Interesserà gli appassionati di HELLBOY e X-FILES, ma anche coloro che apprezzano i titoli del mistero della Paradox Press.
Voto: A.
Nota del traduttore: il recensore utilizza una scala con valori alfabetici, nella quale A sembrerebbe il massimo, B un gradino sotto e via dicendo. Saranno contenti gli autori Bonelli :-)))

 

 




(12k)
   
Dark Horse/Bonelli
Martin Mystery #1 (di 6)
Destroyers of the past
I distruttori del passato
Alfredo Castelli (testi)
Giancarlo Alessandrini (disegni)
Dave Gibbons (copertina)

PRESENTAZIONE: Seconda delle tre serie che la Dark Horse sta pubblicando negli States, MARTIN MYSTERY è il Detective dell'Impossibile. Il primo albo presenta una copertina di Dave Gibbons, tratta di una scoperta di Atlantide e degli Uomini in Nero (non Will Smith e Tommy Lee Jones) che vogliono nasconderla.

STORIA: Martin Mystery e il suo amico neanderthaliano Java trovano un manoscritto che assomiglia ad una mappa per Atlantide e che descrive macchinari che resero l'antica civiltà più avanza dell'odierna. Ma riusciranno ad esplorare questa nuova scoperta, oppure incontreranno la loro fine per mano dei misteriosi Uomini in Nero?

TESTI: Come per DYLAN DOG, la forza di questi albi italiani sembra essere nel creatore / sceneggiatore. Castelli ha un meraviglioso mondo a sua disposizione, pieno di coloriti personaggi e luoghi esotici. Martin Mystery è un protagonista abbastanza piacevole ed il taciturno Java è "esplosivo". Infatti, questa sembra una storia quasi perfetta per un racconto europeo di Metamorpho (sebbene Mystery non abbia potere sulla Tavola Periodica...). È questo insieme di avventura, fantascienza, archeologia ad essere un vero, divertente "casino" - Indiana Jones incontra Adam Strange...

DISEGNI: Il disegno è incoerente. Alle volte sembra molto Jim Aparo, poi Keith Giffen, torna Aparo, con alcune vignette Joe Kubertesche buttate dentro per buona misura. Ma in qualche modo la storia è così incantevole che il flusso e riflusso del disegno non distrae dal racconto - è solo durante una scorsa veloce che sembra così appariscente.

CONCLUSIONI: Per lettori interessati più alle storie che a disegni vistosi, questo albo, come DYLAN DOG la scorsa settimana, è assolutamente incredibile. Mescola generi e stili, con l'orecchio rivolto ai divertenti giorni dei "pulp" dell'Età d'Oro e della fantascienza dell'Età d'Argento. In alcune settimane quando il solito scaffale è illuminato, cercate i fumetti Bonelli per qualcosa di diverso, e qualcosa di divertente.
Voto: A-
 

 




(13k)
   
Dark Horse/Bonelli
Nathan Never #1 (di 6)
Vampyrus
Vampyrus
Michele Medda (testi)
Nicola Mari (disegni)
Arthur Adams (copertina)

PRESENTAZIONE: Bonelli e Dark Horse propongono "Vampyrus", primo albo della terza serie, traducendo NATHAN NEVER dall'italiano all'inglese. Riuscirà l'agente Nathan Never (dell'Agenzia Alfa) a scoprire la verità dietro il brutale massacro avvenuto a bordo della stazione spaziale Demeter?

STORIA: Nathan Never è chiamato ad aiutare il Commissario Ritva Kaurismaki per scoprire la verità sul massacro dell'intero equipaggio di una stazione spaziale e sull'esplosione di simili omicidi susseguitisi dal rilascio del solo sopravvissuto della Demeter, Vlad Shreck. Qual è il suo segreto? Perché si aggrappa all'oscurità e alle ombre?

TESTI: Michele Medda è un narratore incredibile. Wow! Questo è uno schiaffo in faccia ai lettori, un'ottima sveglia per gli appassionati del genere "misteri soprannaturali". Mescolando elementi e ispirazione da fonti quali l'ALIEN di Giger, l'HELLBOY di Mignola, gli X-FILES di Carter ed il DRACULA di Bram Stoker, questo albo prende l'orrore per la gola e lo soffoca fino alla sottomissione!

DISEGNI: Il disegno di Nicola Mari è la perfetta sintesi fra Mike Mignola e Frank Miller. L'uso di neri pieni e ombreggiature crea un'atmosfera affascinante. Lupi, serpenti, mosche e pipistrelli vampiro - buttate dentro una coppia di rane e potrebbe essere HELLBOY. Infatti, è in qualche modo strano che Mignola realizzi la copertina di DYLAN DOG, considerando che questa è chiaramente ispirata al suo lavoro (e a quello di Alex Toth).

CONCLUSIONI: Bonelli mette a disposizione un altro bersaglio qui in America, se solo la gente proverà a fare un tiro. Il prezzo di 4,95 dollari può sembrare un investimento ad alto rischio, ma tutti questi fumetti Bonelli (i numeri 1) hanno narrato storie coinvolgenti, lunghe, di 100 o più pagine. Stufi della solita roba? Impazienti nell'attesa della prossima uscita di HELLBOY? Provate NATHAN NEVER.
Voto: A.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §