ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineGregory Hunter




In questa pagina:
Staff
Segreto svelato
Quake



(6k)
  
Gregory Hunter è morto,
viva (il Maxi) Gregory Hunter!

di Francesco Manetti

Nel giro di pochi giorni a cavallo fra la fine di luglio e l'inizio di agosto 2002 Gregory Hunter è morto e risorto (per poi morire nuovamente).

E' (editorialmente parlando) morto, con tanto di epitaffio pronunciato dal Monaco errante e di veglia funebre organizzata dall'intero staff degli autori, col numero 17 della serie regolare, "L'ultima sentinella", uscito nelle edicole a fine luglio. E' risorto con un inaspettato Maxi di 340 pagine uscito il 3 agosto, contenente due storie interamente realizzate - testi e disegni - da Gigi Simeoni, autore al suo debutto con questo personaggio.

Il Maxi, non numerato, viene però a sua volta presentato come definitivo suggello dell'"avventura editoriale" di Gregory (vedi le parole di Serra a pag.97 del n.17 e a pag.4 del Maxi stesso); come, per continuare la metafora funebre, se le due storie di Sime fossero un estremo saluto, a cerimonia e veglia finita, di un amico che va, solitario, a rendere omaggio alla tomba del defunto.

Molto è stato detto su Gregory Hunter - prima ancora, addirittura, che uscisse nelle edicole il primo numero della serie - e moltissimo, in particolare, è stato detto sulle ragioni del suo insuccesso. Un insuccesso che pare facilmente spiegabile, se ci limitiamo a ripercorrere i 17 numeri della serie regolare e, in particolar modo, l'ultima storia presentata in questa collana, "Futura" GH 16-17.

"Perché Gregory Hunter non ha avuto successo?"
   
Una delle affermazioni più ricorrenti è che Gregory Hunter sia "nato morto". Se è ovviamente un'idiozia pensare che Sergio Bonelli abbia messo in cantiere, per chissà quali motivi, una serie in cui non credeva, o pensare che gli addetti ai lavori e/o i lettori abbiano deciso, per preconcetto, di "non farsi piacere" questa serie prima ancora di averne letta una sola tavola, è invece probabile che, almeno inizialmente, si sia verificato un fenomeno di incomprensione fra le aspettative dei lettori, in parte alimentate dalle dichiarazioni dello stesso Serra nel corso di varie presentazioni (di cui anche uBC ha dato, a suo tempo, notizia), e l'offerta dell'autore, così come si è avuto un forte divario fra ciò che Gregory Hunter doveva presumibilmente essere nelle intenzioni di Serra e ciò che, di fatto, è stato.

Una aspettativa sbagliata può essere stata quella di chi, magari stanco di Nathan Never in un momento in cui la serie dedicata a questo personaggio mostrava qualche incertezza (il momento in cui sembrava che la saga Alfa non avesse portato altri cambiamenti che il taglio delle basette di Nathan ;-)), sperava che un nuovo fumetto di fantascienza bonelliano potesse riproporre, sia pur in maniera diversa e con un vigore diverso, le stesse tematiche, le stesse atmosfere bladerunneriane che si potevano trovare, dieci anni fa, nelle storie scritte da Serra, Medda e Vigna.

Di questa aspettativa Serra non ha colpe. Chi si aspettava di trovare in Gregory Hunter una fantascienza "adulta", "seria", "plausibile" non ha ragione di prendersela con l'autore se questi gli propone una fantascienza consapevolmente demenziale, scanzonata, "ingenua". Già qui si può certamente individuare un errore di valutazione, da parte di Serra, riguardo le possibilità di successo di Gregory, dato che veniva parzialmente invaso il territorio di un'altra serie bonelliana, Legs, che oltretutto non godeva né gode tuttora di ottima salute quanto a vendite. Ma, ripeto, almeno su questo punto evitiamo di colpevolizzare Antonio Serra.

cliccare per ingrandire
(15k)

tutto lo staff di Gregory nell'ultima pagina del n.17
(c) 2002 SBE

Più complessa la possibile reazione dei lettori rispetto alle intenzioni incautamente :-) divulgate da Serra prima che la serie uscisse. Dinanzi ad una generalizzata crisi del fumetto, Serra ha presentato il suo Gregory Hunter come una possibile "cura", consistente nel ritornare tematicamente all'avventura fine a se stessa e, stilisticamente, ad un tipo di linguaggio non più preso in prestito da quello cinematografico, ma dal fumetto "storico" (certamente rifiltrato da tutto ciò che il fumetto è stato anche in tempi più recenti). E qui si sono avuti i primi fondamentali errori.

La scelta, ad esempio, di reintrodurre in maniera massiccia le didascalie narrative e descrittive non poteva che scontentare sia i lettori più giovani (i pre-adolescenti) - dato che questi, se leggono fumetti, leggono dei manga, nei quali non sono affatto presenti didascalie - che i lettori più vecchi - i quali, pur essendo magari cresciuti, come me, con i primi numeri di Zagor, hanno da tempo imparato ad amare, per restare in ambito bonelliano, gli stacchi fra sequenze di Berardi (imposte poi, dato il successo di Dylan Dog, da Sclavi) o le didascalie introspettive di Medda. Ma, a guardar bene, direi che questa scelta non poteva che scontentare qualunque tipo di lettore, dato che introdurre delle didascalie lunghe e soprattutto ridondanti rispetto a quanto già mostrato nelle vignette spezza il ritmo dell'azione e finisce con l'annoiare.

Anche quando si è scelto di limitare l'uso delle didascalie (progressivamente diradatesi nel corso della serie), si è rivelato comunque sbagliato cercare di impostare delle storie sulla pura avventura, sullo sbizzarrirsi della fantasia. Come già dicevo nella mia recensione a "La barriera stellare" GH 7, è infatti insensato cercare di contrapporsi alle altre serie puntando esclusivamente sull'avventura, dato che pressoché tutte le serie popolari - in particolar modo le serie bonelliane - hanno nell'avventura il loro ingrediente di base (al quale però aggiungono altro). Allo stesso modo, è azzardato cercare di fondare il proprio successo sulla capacità di stupire il lettore con sempre nuove trovate ed effetti speciali, perché nessun autore può avere così tanta inventiva da riuscire a tenerci col fiato sospeso per tutte le 96 pagine di una pubblicazione a cadenza mensile.

"Abbandonata a se stessa, la serie è peggiorata sempre più"
   
A questi errori si sarebbe potuto porre rimedio, una volta constatato l'insuccesso di pubblico e di critica dei primissimi numeri, con le storie successive (pur considerando gli inevitabili tempi editoriali di reazione).

Di fatto, a questi difetti iniziali se ne sono addirittura aggiunti altri. Gregory Hunter è andato peggiorando di numero in numero, forse perché Serra, deluso dal flop del primo numero, si è rapidamente demoralizzato arrivando al punto di abbandonare il personaggio a se stesso (così come, per certi aspetti, aveva già fatto con Nathan Never, chiudendo svogliatamente la saga dei Tecnodroidi con il deludente finale "La vendetta di Selena" NN 99), o forse per una sua difficoltà nel gestire una serie (ovvero di dare le giuste direttive ai collaboratori, di revisionarne testi e disegni, di organizzare strategicamente le uscite del materiale prodotto...).

(20k)
il segreto svelato nel n.17
(c) 2002 SBE
   
 
Intenzionalmente o meno, sono stati infatti modificati alcuni elementi della serie che, a parer mio, funzionavano discretamente. Perché, ad esempio, il Monaco errante è stato introdotto, come narratore, solo ne "Il ranger dello spazio" GH 1-3, ne "Un mondo di mostri" GH 13 e nel rapido commiato finale ("Una scelta difficile" GH 17)? Che senso ha inserire questa figura per poi riaffidare a didascalie impersonali l'introduzione o il "riprendere le fila" della narrazione? E che senso ha trasformare Badger, il "Cico" di Gregory, in un personaggio non più comico, ma serio, serissimo, una specie di fotocopia tallariana di Gregory?

L'errore più grave, però, è stato quello di proporre storie ben poco inventive, per non dire estremamente banali, e non più scanzonate, ma serie o addirittura drammatiche; o, al contrario, non intelligentemente demenziali (alla maniera di certe vecchie storie di Legs scritte da Medda, da Enoch e dallo stesso Serra), ma bambinesche.

A prescindere dal fatto che rientrassero oppure no in una strategia di Serra volta a riadattare il personaggio e il suo universo ai presunti gusti del pubblico, gli ultimi numeri di Gregory hanno probabilmente affossato del tutto la serie, dato che i pochi lettori rimasti si sono trovati spiazzati o comunque sempre più inappagati. Come si fa, tanto per dire, a pubblicare un albo come "Un mondo di mostri" (riempitivo che già stonerebbe in una serie di successo, in quanto deludente sia per il soggetto troppo semplicistico che per dei disegni inadatti allo spirito della serie) in un momento in cui Gregory Hunter avrebbe dovuto cercare di tenere almeno quei pochi lettori che gli erano rimasti?

"Futura, ovvero tutto ciò che Gregory Hunter non avrebbe dovuto essere..."
   
Tutto quanto detto sinora vale come personale commento a "Futura" GH 16-17, l'ultima vera storia della serie regolare. Se Gregory Hunter voleva essere una serie divertente, scanzonata e inventiva, qui Serra ha fallito completamente nei suoi intenti. Badger non strappa neppure un sorriso, visto che è un "duro" da far invidia a Tex (e visto che Artusi non sfrutta, graficamente, le sue caratteristiche scimmiesche). L'atmosfera non ha niente di scanzonato, dato che Gregory Hunter piagnucola sulle sue disgrazie passate alla maniera del Nathan Never di una volta quando gli rammentavano quel che era capitato a Laura e Ann mentre lui se la spassava allegramente con Sara. Il ritmo non è certo sostenuto e l'inventiva è limitata, cosicché la storia si sviluppa in maniera estremamente lineare, risultando abbastanza soporifera.

Se ripensiamo alle premesse iniziali formulate da Serra, "Futura" rappresenta, in breve, tutto quanto non doveva essere Gregory Hunter. Fortunatamente, Serra ha voluto aggiungere 32 paginette per dare una sorta di vera e propria conclusione all'intera serie.

(25k)
l'unica apparizione del super cattivo
Sebastian Quake e signora
(c) 2002 SBE
   
 
Vediamo così Gregory e Badger in procinto di affrontare nuove avventure (il primo diretto verso Tyrian 4 per compiere una difficile missione che lo farà contrapprorre al misterioso Sebastian Quake, l'altro diretto verso i satelliti di Mestyr 9 per liberare la sua amata Na'hal Nah); vediamo il Monaco errante prendere congedo dai lettori, svelare la propria identità e sparirsene all'orizzonte; e vediamo Serra, Elena Pianta e tutti coloro che hanno lavorato a questa serie congedarsi a loro volta dai lettori invitandoli a far continuare ad esistere Gregory, Badger, Marderson e Sandrach tramite la loro fantasia. Un finale quasi commovente, con la sua dimostrazione di quanto Serra credesse, malgrado l'indifferenza del grande pubblico, nel proprio progetto, di come rimpianga di non poter continuare a raccontare egli stesso tutte le storie che aveva in mente.

Ecco però che, come si diceva, Gregory risorge dalle proprie ceneri per rivivere nelle due avventure del Maxi. Ed ecco, inaspettata, la sorpresa. Una sorpresa data non dal Maxi in se stesso (prevenuti, avremmo potuto sospettare che si fossero voluti smerciare, in un periodo favorevole alle letture com'è quello estivo, un paio di "fondi di magazzino" ormai ultimati), ma dalla qualità di questo Maxi. Se Gregory muore, con "Futura", un po' mestamente (visto il tono della storia) e un po' miseramente (vista la mediocrità dei testi e dei disegni), eccolo risorgere gagliardo :-) nelle due storie di Simeoni.

Al che il necrologio si trasforma in ode :-). Eh sì: Gregory Hunter è morto, viva il Maxi Gregory Hunter!

__
"Il segreto di Tyrian": 20 tavole inedite!
Recensione GH 16/17 "Futura"
Scheda GH 17 "Una scelta difficile"
Recensione Maxi Gregory Hunter

 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §