ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




" La barriera stellare "

In questa pagina:
Testi
Disegni
Globale

Pagine correlate:

Star games
recensione di Francesco Manetti



TESTI
Sog. e Sce. Antonio Serra    

Lo confesso: avevo smesso di comprare Gregory Hunter col terzo numero, al termine della prima storia. Pur senza deludermi, questa nuova serie non mi aveva particolarmente affascinato né divertito. Il soggetto era fiacco, Badger (la dichiarata spalla comica) aveva un che di irritante, i tempi morti erano un po' troppo frequenti...

Pochi mesi dopo, spinto soprattutto dalla breve ma efficace presentazione nel "Giornale di Sergio Bonelli" (potere della pubblicità), mi è venuta voglia di comprare "La barriera stellare". E' stata una scoperta. Tutto quello che mi aspettavo di trovare in Gregory Hunter e che non avevo trovato nei primi numeri mi è stato offerto da questo albo. Avventura, fantasia (o abilità nel rielaborare spunti altrui), ritmo e divertimento. Eliminando, anche tramite ellissi narrative (cfr. pag. 78), i tempi morti - senz'altro il nemico numero uno di chi vuole scrivere una serie d'avventura -, Antonio Serra fa passare rapidamente il lettore da una situazione all'altra, da un ambiente all'altro (o meglio: da un pianeta all'altro), legando, nella maggior parte dei casi, ogni accadimento ed ogni gag allo sviluppo della narrazione, alla definizione dei personaggi e dei loro rapporti.

"Nelle 96 pagine de "La barriera stellare" troviamo un po' di tutto"
   
Nelle 96 pagine di quest'albo troviamo un po' di tutto: lo scontro con una nembo-piovra, la rissa con un andoriano, la scenetta idilliaca in cui Lory coccola un gigantesco serpente marino, l'attraversamento di una barriera stellare (con l'incontro di Gregory, in sogno, con i propri genitori), la superdemenziale e superesilarante partita di calcio su Altair quarto, una caccia all'uomo all'interno della stazione Coleman 354 seguita, infine, da un inseguimento fra i crateri di un pianeta ricoperto di magma.

L'unico rischio, per una serie come questa, è costituito dal fatto che è ben difficile stupire il lettore, galvanizzarlo, tenerne desta l'attenzione ininterrottamente. Ed ecco così che, nella sua seconda parte (nell'albo "Il gigante di lava"), la storia diventa meno accattivante: il ritmo si fa più lento, più diluito, e la trama si dipana in maniera molto più lineare, meno imprevedibile, meno "folle", conducendo inoltre ad un finale un po' troppo mieloso. Nel complesso, la storia resta comunque godibile.



DISEGNI
Patrizia Mandanici    

Patrizia Mandanici contribuisce in maniera rilevante alla riuscita della storia. Date le caratteristiche della serie, il modo per rendersi conto se un disegnatore è più o meno in sintonia con essa è osservare quanto sa rendere espressivo il volto di Badger (per poter rendere efficaci le gag del tallariano) e quanto è capace di sbizzarrire la propria fantasia nel delineare le svariate razze aliene incontrate da Gregory Hunter nel corso delle sue missioni.

Da questo punto di vista, la Mandanici si dimostra senz'altro una disegnatrice azzeccata per Gregory. Il suo Badger è un tallariano dalla faccia di gomma e la bizzarria dei suoi alieni è il miglior mezzo per suggerire l'estendersi verso l'infinito dell'universo di Gregory Hunter. Senz'altro da elogiare, dunque, pressoché tutte le sequenze in cui Badger recita da protagonista (o nelle quali svolge un ruolo determinante) e, ancor più, tutte le tavole in cui compaiono degli alieni, in particolar modo quelle dell'episodio "Partita decisiva".

Per altri versi, il tratto della Mandanici rende un po' troppo dure le fisionomie di alcuni personaggi, in primo luogo quelle di Lory e dello stesso Gregory.



GLOBALE
 

Sin da quando, prima ancora della pubblicazione del numero uno di Gregory Hunter, Serra ha cominciato a pubblicizzare la sua nuova serie (vedi anteprima su uBC), ci si è chiesti se l'intenzionale ritorno al passato nel modo di concepire il fumetto potesse avere un senso e, soprattutto, se tramite questa scelta si sarebbero effettivamente conquistate quelle ampie fasce di ragazzi (ma anche di adulti) che alla lettura di un fumetto preferiscono la visione di un film o lo smanettamento di una console per videogiochi.

In realtà, bisogna innanzitutto precisare che Gregory Hunter non è un vero e proprio ritorno al passato, non è un azzeramento di tutto ciò che, per restare in ambito bonelliano, autori come Berardi, Sclavi e Medda hanno portato di nuovo (o di inedito) rispetto al modo di scrivere di un Bonelli padre o di un Gino D'Antonio prima maniera. Con Gregory Hunter Serra ha creato una serie postmoderna; una serie certamente ispirata prevalentemente a un film come "Guerre stellari" (così come Nathan Never era ispirato a "Blade Runner"), ma nel quale il recupero delle ingenuità narrative e stilistiche dei fumetti di cinquanta e oltre anni fa si alternano, ad esempio, a stacchi fra le sequenze tipici di quel linguaggio cinematografico al quale si rifanno, oggi, tutte le moderne serie bonelliane.

"Delle storie che sono come altrettanti giochi con i quali divertirsi"
   
Quel che caratterizza Gregory Hunter non è quindi il suo manierismo stilistico rispetto ai fumetti di un tempo (come, ad esempio, queste sue didascalie narrative, talvolta ridondanti rispetto a ciò che ci mostra la vignetta), ma il suo voler recuperare lo spirito che animava quei fumetti: l'ingenuità, ma anche (scusate il gioco di parole) la genuinità delle loro trame, delle loro visioni del mondo, in nome di un gusto per l'avventura fine a se stesso. In contrasto con serie caratterizzate da tematiche forti e da personaggi psicologicamente a tutto tondo, Serra chiede al proprio lettore di distaccarsi da tutto ciò che è seriosità "da intellettuali" per regredire consapevolemente alla condizione di bambino e potersi così divertire per il tempo della lettura come si diverte, per l'appunto, un bambino preso dai propri giochi.

L'operazione è difficile, come dimostra il fatto che Jonathan Steele, recente serie che doveva essere di pura avventura, abbia cominciato ad avere successo nel momento in cui trame e personaggi hanno assunto un certo spessore e come dimostra il fatto che l'unica altra serie totalmente sbarazzina di casa Bonelli, Legs Weaver, se la stia notariamente passando male quanto a vendite. Se poi aggiungiamo che anche i lettori di Tex preferiscono oggi le innovative storie di Boselli rispetto alle "tradizionali" storie di Nizzi e che persino lo Zagor esplicitamente citato nel numero uno di Gregory è amato quasi più per le storie impegnate come "Libertà o morte" ZG 89/92 che per le storie di pura avventura si può incominciare ad avere forti perplessità sulla decisione, da parte di Serra, di proporre una serie come questa.

Ovviamente, non mi metto a fare profezie sul futuro di Gregory Hunter. Mi limito a dire che, per me, benché un albo come "La barriera stellare" sia stato un gradevole scacciapensieri, probabilmente non sarò invogliato a continuare a comprare altri numeri di Gregory Hunter, se non sporadicamente, dato che posso trovare avventura, fantasia, ritmo e divertimento anche in serie che, oltre a questo, sanno offrirmi qualcosa in più.

L'avventura fine a se stessa finisce presto col rivelarsi un involucro vuoto se non si aggiunge altro. E, del resto, una visione del fumetto come innocuo passatempo a cui non bisogna chiedere troppo non giova certo ad una forma espressiva che, al contrario, avrebbe bisogno di ottenere pari dignità, nella considerazione dei lettori - in particolar modo dei lettori adulti -, rispetto alla letteratura e al cinema.

 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §