Salta direttamente al contenuto

uBC Enciclopedia online del fumetto (torna all'indice)

IT-SDW
Storia del West
di Vincenzo Oliva - 1 Feb 2003

Quando nasce e chi la crea?
La Storia del West è l’opera che consacra Gino D’Antonio tra i maggiori maestri del fumetto italiano, e che lo consegna alla storia del medium. La serie fu creata nel giugno del 1967 e costituì l’asse portante della Collana Rodeo. D’Antonio scrisse i testi per tutti e 73 gli episodi originali (in seguito i primi tre furono ampliati a cinque, ed oggi la serie ne conta 75), mentre fu coadiuvato per la parte grafica da Renzo Calegari e da altri disegnatori di valore.

Cerniera tra il west classico di Tex e le visioni profondamente innovatrici che saranno fornite da I Protagonisti di Rino Albertarelli e da Ken Parker, è una celebrazione critica, ma sempre profondamente partecipe, del mito dell’ovest americano.

Chi sono i protagonisti?
La serie è caratterizzata da una pluralità di personaggi che di volta in volta - e in modo ricorrente - si alternano e si incrociano nella parte di protagonisti. Centrale per la lunga saga rimane il gruppo dei MacDonald/Adams, la cui storia familiare viene ripercorsa in parallelo con quella dell’epopea western, dal 1804, quando parte la spedizione esplorativa di Lewis e Clark, al 1890, l’anno di Wounded Knee e della grande corsa alla terra in Oklahoma, con il quale si chiude tradizionalmente l’epoca del west.

Ed ecco i membri di questa famiglia cosi’ speciale: Brett MacDonald, il primo, emigrato dall’Europa nel 1804; Pat MacDonald, suo figlio e vero patriarca del clan, presente lungo l’intero arco della saga; i figli di Pat: Ben e Brett; Bill Adams, figlio di primo letto della moglie di Pat e più di un figlio per quest’ultimo. Accanto a loro le donne della famiglia: Sicaweja, la moglie shoshone di Brett senior, il cui personaggio è liberamente ispirato al personaggio storico di Sacagawea; Brenda Adams, madre di Bill e moglie di Pat; Belinda Hall prima avversaria, poi amica e infine compagna di Bill; Lily, il primo - tragico - amore di Ben; Ursula che, apparsa negli episodi finali, sarà la compagna di Ben. Dei numerosissimi personaggi storici che popolano le pagine della serie, almeno uno assurge al rango di protagonista principale al pari dei MacDonald/Adams: Wild Bill Hickock.

L'albero genealogico della Famiglia MacDonald, grande protagonista della "Storia del West"

disegni di Gino D'Antonio.
(c) SBE
 


di D'Antonio (c)

Bill Adams Lily Ben MacDonald Brett George MacDonald Brenda Adams Belinda Hall Pat MacDonald Sicaweja Brett MacDonald

Chi sono gli amici?
Innumerevoli. Dei molti personaggi storici è opportuno citare - tra i tanti - Manuel Lisa, Jim Bridger, Kit Carson, Buffalo Bill, Calamity Jane, Wes Hardin, Billy the Kid, Wyatt Earp e compagnia, Pinkerton. Discorso a parte meritano le grandi figure storiche del popolo indiano, spesso protagonisti di toccanti episodi: Tecumseh, Toro Seduto, Capitan Jack, Cochise, Cavallo Pazzo, Geronimo, Woquini (Naso Romano), Satanta, Victorio, Quanah Parker, Capo Giuseppe. Le loro storie si mischiano a quelle dei personaggi inventati dall’autore, ma che hanno contribuito al particolare sapore della serie: Abele, l’ex schiavo; Mac, il bizzoso scozzese. Poi tutta una ricca galleria di personaggi che hanno lasciato un loro segno significativo, a volte con una sola apparizione: Mulligan il marinaio, Caballero, Fiore d’Ortica, Jud... e con loro tutti gli altri, che sono tantissimi. Più problematico classificare come amici personaggi come Custer o Tom Horn.

Chi sono i nemici?
Come per gli amici, il loro numero è alto e sono quelli che ci si attende in una saga western: dai pirati di fiume ai comancheros; dai terroristi di guerra come Quantrill ai banditi come Jesse James; dalle tribù variamente ostili (come può essere il caso dei Nootka) agli affaristi senza scrupoli...

Per un approfondimento, leggere anche l'articolo "Una visione romantica ed epica".

Guida alla lettura
connessioni enciclopedia:
Bella & Bronco
altra serie western di D'Antonio

La collana rodeo, o la più accessibile ristampa "serie rossa", sono reperibili nelle fumetterie o alle fiere specializzate.

Per conoscere tutti i dettagli della storia editoriale rimandiamo all'articolo "Tutto di carta".

Hanno detto
connessioni fuori dal sito uBC:
Eura Editoriale
sito dell'editore di Roma di Lanciostory e Skorpio

"(..) e non devo fare altro che ripetere quanto vado dicendo da almeno una ventina d'anni: e cioè che, fra le decine e decine di serie prodotte in quasi mezzo secolo dalla mia Casa Editrice, la Storia del West è quella di cui sono più orgoglioso e verso la quale mi sento maggiormente debitore a livello personale. [...] Quindi, grazie a D'Antonio, ma grazie anche allo spirito di corpo che animò fin dall'inizio la pattuglia di volonterosi "desperados" che mi proposero nel 1965, un progetto anomalo, [...] Dal già citato Gino D'Antonio a Renzo Calegari, destinato a rivelarsi in seguito anche come uno dei più eccelenti esecutori di illustrazioni western; da Giorgio Trevisan, che solo di tanto in tanto si lasciava distrarre dal suo primo amore, la pittura, a Sergio Tarquinio, maestro del bianco e nero, da me strappato alla "concorrenza" argentina, a Renato Polese, capace di interpretare al meglio, con dinamismo e ironia, ogni espressione dei protagonisti delle storie. (..)"
Sergio Bonelli nella prefazione al primo volume degli Oscar Mondadori dedicato alla Storia del West


in due parole
Importante serie bonelliana western creata nel 1967 da Gino D'Antonio. Viene ripercorsa l’epopea del West dal 1804 al 1890, attraverso la storia della famiglia MacDonald/Adams, in una celebrazione critica, ma sempre profondamente partecipe, del mito dell’ovest americano.