Salta direttamente al contenuto






Flash Gordon


Pagina 1
Pagina 2
Pagina 3
Pagina 4 *

Recensione

Scheda

Pag.4/4 :: Torna a pagina precedente

Guida alla lettura

Gordon ha avuto in Italia numerose ristampe e riedizioni a cominciare dal 14 ottobre del 1934, data in cui L'avventuroso di Nerbini, inizia a pubblicarlo in tricromia. Le Edizioni Fratelli Spada lo ripubblicano, a partire dal 1 agosto 1964 in formato quadrangolare (Gordon), molto lussuoso per quei tempi.

La testata prosegue poi la pubblicazione del Gordon di Austin Briggs, di Mac Raboy e di Dan Barry. Sia le edizioni Nerbini, che quelle dei F.lli Spada non sono assolutamente fedeli all'originale: le tavole sono spesso censurate, rimontate e riadattate. Nei primi anni Sessanta l'editore Corno pubblica alcuni albi contenenti il Gordon di Dan Barry.

Gordon dei Fratelli Spada

(c) 1964, Edizioni Fratelli Spada

Gordon dei Fratelli Spada<br><i>(c) 1964, Edizioni Fratelli Spada</i>

Il Gordon edito dalla Corno

(c) 1961, editore Corno

Il Gordon edito dalla Corno<br><i>(c) 1961, editore Corno</i>

Sono del 1968 e del 1972 due volumi editi da Garzanti in cui sono pubblicate, in bianco e nero, due avventure di Raymond. I volumi, essendo la ristampa di analoghi volumi già editi negli USA e quindi in Francia, sono molto fedeli all'originale. Il Gordon di Mac Raboy e quello di Williamsono trovano (nei primi anni settanta) spazio, a fianco di Mandrake, nella omonima pubblicazione settimanale, serie Albi de Il Vascello. Dall'agosto 1973 al novembre 1975 sempre le Edizioni Fratelli Spada pubblicano alcune avventure del Gordon di Dan Barry in fascicoli di formato quadrato con copertina in cartone leggero (in tutto otto fascicoli). Molto fedele, ma attualmente difficile da reperire (e molto costosa) è l'edizione del Club Anni Trenta, che nel 1976, pubblica tutto il Gordon di Raymond a colori utilizzando il materiale tratto dalle patinate originali (32 albi + un numero zero). Più accessibile per prezzo e reperibilità è l'edizione da edicola della Comic Art del 1991, che fu affiancata da una altra edizione più curata e di formato leggermente più grande. Comic Art negli stessi anni pubblica anche in albi il Gordon di Briggs, di Mac Raboy e di Williamson. L'attuale edizione di riferimento è però reperibile solo negli USA: si tratta della pubblicazione della Kitchen Sink Press, che pubblica tutta l'opera di Raymond in 6 volumi (1990/1993). In mancanza di quella ci si può ragionevolmente accontentare dei sette volumi cartonati della Checher book publishing group editi recentemente sempre negli USA, ma facilmente reperibili su bol.it, al prezzo, tutto sommato accettabile, di circa 20 euro per volume (spese doganali incluse).

Il cinema

Flash Gordon divenne rapidamente il personaggio di maggior successo di Alex Raymond e le sue fantastiche avventure appassioneranno un pubblico talmente vasto che anche l'industria di Hollywood si sentirà sollecitata a produrre una serie di film ispirati al personaggio, a iniziare dal 1936 sino ai giorni nostri. La prima serie (Flash Gordon: Space Soldiers) è, appunto del 1936, si compone di 13 episodi, della durata di circa 20 minuti ciascuno. Gordon è interpretato da Larry Buster Crabbe, olimpionico di nuoto, mentre Dale è interpretata, stranamente, da una attrice bionda, Jean Rogers. Nello stesso anno è prodotto anche un lungometraggio (72 min.): Flash Gordon: Atomic Rocketship. Una serie TV è prodotta nel 1954: si tratta di 39 episodi della durata di 30 minuti circa. È del 1974 una versione erotico-demenziale dal titolo Flesh Gordon (sic!), in cui Dale Arden diviene Dale Ardor e Mongo il Pianeta Porno.
Nel 1979-1980 è prodotta la serie di cartoni animati TV dedicata al personaggio.
Nel 1980 Dino Laurentis investe nel personaggio una mega produzione che vede coinvolta anche Ornella Muti (nel ruolo di Aura). Nonostante gli sforzi il film si rivela però un autentico flop.

Per saperne di più

Per l'approfondimento della figura di artista di Alex Raymond è fondamentale la lettura di Beccattini e Vianovi, Alex Raymond, the power and the grace 2002, Glamour. Il libro è in italiano e in inglese ed è supportato da un invidiabile corredo di immagini, oltre che bibliografico. Altri spunti interessanti interessanti su Gordon si possono trovare in:
  • Del Buono, Oreste, "Enciclopedia del fumetto: Flash Gordon", in "Linus", 4 luglio 1965
  • Tadini, Emilio, in "Il disegno di Flash Gordon" in "Linus", 4 luglio 1965
  • Della Corte, Carlo, "Gordon verso l'infinito", in "Eureka Pocket", 3 febbraio 1969
  • Della Corte, Carlo, "A ciascuno il suo Gordon", in "Eureka", 27 gennaio 1970
  • Brunoro, Gianni, "Flash Gordon: professione atleta", in "Gordon" n. 1 e n. 2, 2 e 17 agosto 1977
  • Williamson, Al, "With Alex on Mongo", in "Flash Gordon Vol. 1: Mongo, the Planet of Doom", Princeton: Kitchen Sink Press, 1990

Vedere anche...

Recensione

Scheda

Condividi questa pagina...