Salta direttamente al contenuto

Alex Raymond

scheda biografica del creatore di Flash Gordon
Scheda di A. Tripodi |   | enciclopedia/


Alex Raymond
 


Alex Raymond

Recensione

Scheda

  • Flash Gordon
    l'immortale eroe creato nel 1934 da Alex Raymond

Disegnatore e soggettista di tutti i suoi character, è famoso per avere dato vita ai personaggi di Flash Gordon, Jim della Giungla, Cino e Franco, Rip Kirby. Di questi, quello che sicuramente gli diede fama imperitura è il personaggio di Flash Gordon, realizzato nel 1933 sulla scorta del successo che gratificava da qualche anno il personaggio fantascientifico di Buck Rogers. Lo stile realistico eppure, in una qualche misura, manieristico, di A. Raymond è stato fonte di ispirazione per generazioni di cartoonist.

Biografia

1909| A. Raymond nasce il 2 ottobre a New Rochelle, nei pressi di New York.

1921| Muore il padre di A. Raymond, ingegnere. Questo fatto lo costringe ad abbandonare (temporaneamente) la passione per il disegno.

1927-1929| Lavora come agente di cambio presso una agenzia di affari.

1929| Il crollo di Wall Street (1929) induce A. Raymond a cambiare lavoro. Si iscrive alla Grand Central School of Art di New York.

1930-32| Inizia a lavorare come "ghost" di Russ Westover, il creatore di Tillie the Toiler. Poco dopo inizia la sua collaborazione con i fratelli Young, sempre come "ghost". Per Chick Young realizza la striscia Blondie ("Blondie e Dagoberto"); per Lyman Young realizza Tim Tyler's Luck ("Cino e Franco").

1933| Disegna la maggior parte delle tavole domenicali di "Cino e Franco", il suo stile, oramai maturo, è inconfondibile. Su richiesta della King Features Syndicate realizza i personaggi di Secret Agent X-9 (l'Agente Segreto X-9) su soggetto di Dashiell Hammett; Jungle Jim (Jim della Giungla) e Flash Gordon.

1934| Nel gennaio di quest'anno tutti e tre i personaggi vedono la luce sui giornali americani. L'Agente Segreto X-9 come striscia giornaliera. Jim della Giungla e Flash Gordon come strip domenicali (Jungle Jim occupava il "top", ovvero il terzo superiore della pagina domenicale del New York American Journal, Flash Gordon i due terzi inferiori).

1935| Il 16 novembre A. Raymond interrompe l' "Agente Segreto X-9" per dedicare la maggior parte del suo tempo alle tavole domenicali. In particolare a "Flash Gordon", che acquista una fama enorme.

1936| L'industria di Hollywood produce, nello stesso anno, due film ispirati al personaggio di Gordon: Flash Gordon: Space Soldiers (un serial composto di 13 episodi) e Flash Gordon: The Rocketship.

1944| E' arruolato con il grado di capitano nel corpo dei Marine. Svolge in effetti le funzioni di "Art Director" per l'ufficio di propaganda. "Flash Gordon" è lasciato ad Austin Briggs (disegni) e a Dan Moore (testi).

1946| Congedato dall'esercito (con il grado di maggiore) non può riprendere la realizzazione del personaggio di Flash Gordon, affidato per contratto, sino al 1948, a Briggs e Moore. Realizza Rip Kirby, occhialuto, raffinato e sofisticato personaggio che, come il suo autore dismesso dall'esercito, si dedica alla professione di detective privato. Anche questo personaggio ha un incredibile successo e dona ad A. Raymond fortuna e prosperità economica.

1956| Il 6 settembre muore a Westpost (Connecticut) a seguito di un incidente automobilistico.

Alex Raymond e i suoi disegni


(c) degli aventi diritto

Alex Raymond e i suoi disegni<br><i>(c) degli aventi diritto</i>

Hanno detto della sua arte...

Io penso francamente che il fumetto è di per se stessa un'arte. Riflette la vita e i tempi più accuratamente e di sicuro è più artistico di quanto possano esserlo le illustrazioni di una rivista, dal momento che il fumetto è del tutto prodotto della creatività. Un illustratore lavora con una fotocamera e dei modelli. Un autore di fumetti inizia con un foglio di carta bianca e su di questi sogna il proprio lavoro: egli è al tempo stesso sceneggiatore, regista, editor e artista.
Alex Raymond.

Dicono di lui...

I personaggi di Alex Raymond si atteggiano sempre secondo i canoni di quel particolare tipo di bellezza statuaria che sembrava esprimere nei modelli - una ansiosa e irresistibile vocazione superumana. Raymond potrà sembrare superato. Ma è certo che ha saputo creare uno stile di fumetto del tutto particolare, inconfondibile. La sua aspirazione a un manierismo eroico realizzato nel futuro arcaico di Gordon o nel monumentale presente di Kirby - lo ha sempre portato a cercare di superare i limiti che gli erano imposti, a sforzarsi di dilatare nelle immagini il raccontino che doveva svolgere. E a dir la verità, anche a parte gli eroi principali, certi suoi personaggi minori - uomini-falco o piccoli gangsters che siano - non si dimenticano tanto facilmente.
Emilio Tadini in "Il disegno di Flash Gordon" in "Linus", 4 luglio 1965

Vedere anche...

Recensione

Scheda

  • Flash Gordon
    l'immortale eroe creato nel 1934 da Alex Raymond

Condividi questa pagina...