Salta direttamente al contenuto

Wolverine

il più famoso e affascinante mutante Marvel, membro degli X-Men
Scheda di  |   | enciclopedia/


Wolverine
 


Wolverine
- In due parole

Creato da Len Wein, Herb Trimpe e John Romita Sr. nel 1974 come avversario di Hulk è diventato col tempo uno dei personaggi di spicco della Marvel e il personaggio più amato e conosciuto degli X-Men.

Quando nasce e chi lo crea?

Creato da Len Wein, Herb Trimpe e John Romita Sr. sulle pagine di Incredible Hulk (nei n.180/181 ottobre/novembre 1974 - in Italia su Uomo Ragno prima serie n. 192/193 - Editoriale Corno) su incarico di Roy Thomas, allora editor in chief della Marvel Comics e riutilizzato l'anno dopo per il rilancio degli X-Men (Giant-Size X-Men 1 - Maggio 1974 - in Italia su Capitan America prima serie 114/115 - Editoriale Corno) in un primo momento viene proposto da Christopher Claremont e Dave Cockrum esattamente come Wein, Trimpe e Romita Sr. lo avevano creato: iracondo, sbruffone e attaccabrighe. Solo con l'arrivo di John Byrne (X-Men 108 del dicembre 1977 - in Italia in Thor e i Vendicatori 214/215 - Editoriale Corno) il personaggio viene definito in modo impeccabile.

The Incredible Hulk Volume 2 n. 181
disegno di Herb Trimpe

(c) 1974 Marvel Comics

The Incredible Hulk Volume 2 n. 181<br>disegno di Herb Trimpe<br><i>(c) 1974 Marvel Comics</i>

Dotato di un passato misterioso e di un senso morale inattaccabile diventa il centro di sviluppi sorprendenti e le scene d'azione che lo vedono come protagonista sono diventate pietre miliari del fumetto: il primo scontro tra X-Men e Alpha Flight (Uncanny X-Men 109 - in Italia su Thor e i Vendicatori 216/217 - Editoriale Corno), la battaglia nel Club Infernale (Uncanny X-Men 133 - in Italia su Uomo Ragno terza serie 14 - Star Comics), la saga di Giorni di un futuro passato (Uncanny X-Men 141 - in Italia su Uomo Ragno terza serie 22/23 - Star Comics) pongono Wolverine come personaggio di rilievo dell'intera saga mutante al punto che, nel 1982, gli viene dedicata una prima miniserie di quattro numeri (Wolverine Vol. 1 da settembre a dicembre 1982 - in Italia su Speciale Wolverine - Play Press) scritta da Christopher Claremont e disegnata da Frank Miller in cui compare per la prima volta la frase che lo accompagnerà per sempre:

Sono il migliore in quello che faccio... e quello che faccio non è molto bello.
Scritta magistralmente e narrata con voce fuori campo in prima persona la miniserie svela una parte del passato di Logan ampliando paradossalmente l'aura misteriosa che pervade il personaggio.

Uncanny X-Men numero 109
Disegno di John Byrne

(c) 1977 Marvel Comics

Uncanny X-Men numero 109<br>Disegno di John Byrne<br><i>(c) 1977 Marvel Comics</i>

Nonostante il successo della miniserie, la Marvel non si sbilancia subito e vara una seconda miniserie (Kitty Pride & Wolverine, 6 numeri dal novembre 1984 all'aprile 1985 - in Italia su Play Book n. 2 - Play Press), scritta sempre da Claremont e disegnata da Al Milgrom, di gran lunga inferiore alla prima, e una sequenza di episodi da otto tavole sul magazine settimanale Marvel Comics Presents con il titolo Save The Tiger (MCP dal n. 1 del settembre 1988 al n. 10 del gennaio 1989 - in Italia su The 'Nam da 1 a 10 - Play Press). Questi episodi, scritti da Claremont e disegnati da John Buscema, non sono che il preludio alla serie regolare che viene varata immediatamente dopo.

Wolverine vol. 1 numero 1
Disegno di Frank Miller

(c) 1982 Marvel Comics

Wolverine vol. 1 numero 1<br>Disegno di Frank Miller<br><i>(c) 1982 Marvel Comics</i>

Sulla collana, la location è quella di Save the TIger, ossia Madripoor, l'isola asiatica immaginaria in cui mafia, degrado e vicoli sporchi si contrappongono a grattacieli scintillanti. Claremont è in grande forma ed è accompagnato da un Buscema eccezionale. Le storie toccano punte di ironia indimenticabili, come il memorabile incontro tra Wolverine/il Guercio e Hulk/Mr. Fixit. Il successo è travolgente. Da quel momento Wolverine gode di una fama sempre crescente, anche perchè su Uncanny X-Men continua a vivere avventure mozzafiato: lo scontro con Sabretooth durante il massacro mutante, la battaglia degli X-Men contro la Covata, la sequenza della lotta contro i Reavers (in cui viene crocefisso a una "x" in mezzo al deserto australiano e in cui compare Jubilee, la giovanissima mutante che per qualche tempo sarà la sua spalla).

Wolverine Vol. 2 numero 1
Disegno di John Buscema

(c) 1989 Marvel Comics

Wolverine Vol. 2 numero 1<br>Disegno di John Buscema<br><i>(c) 1989 Marvel Comics</i>

Questa sequenza di episodi ben riusciti culmina con Weapon X che narra in modo sincopato e claustrofobico del terribile esperimento di cui Wolverine è stato vittima anni addietro e che lo ha dotato dello scheletro di adamantio. Dieci piccoli gioielli di otto pagine scritti e illustrati da Barry Windsor Smith e comparsi su Marvel Comics Presents dal numero 72 al numero 84 (dall'aprile all'agosto 1991 - in Italia su X-Marvel 22/24 - Play Press). Questo capolavoro è, per qualità, la vetta massima raggiunta dal personaggio, lo spartiacque con la produzione successiva. Da qui in poi inizia un lento declino qualitativo.

Marvel Comics Presents numero 72
Disegno di Barry Windsor Smith

(c) 1991 Marvel Comics

Marvel Comics Presents numero 72<br>Disegno di Barry Windsor Smith<br><i>(c) 1991 Marvel Comics</i>

Nonostante il susseguirsi di autori e disegnatori validi (Larry Hama, Marc Silvestri, Adam Kubert, Val Semeicks e Lienil Francis Yu, Mark Millar, John Romita Jr.) il personaggio perde sempre più in spessore psicologico, comparendo in tutte le collane Marvel e creando una sorta di anarchia caratteriale: a seconda dell'autore il personaggio cambia completamente personalità. Altro grave errore degli autori è la ferrea volontà di narrare le origini e il passato del personaggio con miniserie discutibili come, appunto, Origin di Pail Jenkins e Andy Kubert (sei numeri dal settembre 2001 al febbraio 2002 - in Italia su Marvel Miniserie 42/44 - Panini Comics).

Origin numero 2
Disegno di Richard Isanove

(c) 2001 Marvel Comics

Origin numero 2<br>Disegno di Richard Isanove<br><i>(c) 2001 Marvel Comics</i>

Chi è Wolverine?

Wolverine, Logan, Arma X, il guercio (Patch), James Howlett. Molti nomi, un passato contorto sempre in bilico tra ricordi reali e menzogne indotte, vittima di terribili esperimenti, protagonista di battaglie epocali, rabbioso, violento, con tendenze psicopatiche, un enorme self-control e un grande senso morale. Questo è Wolverine. Ma soprattutto è un mutante. Dotato di artigli retrattili e affilatissimi che spuntano dalle nocche delle mani, di un fattore rigenerante che gli consente di guarire da praticamente tutte le ferite in brevissimo tempo, di sensi acutissimi che gli permettono di riconoscere una persona dall'odore, di una conoscenza eccezionale delle tecniche di lotta e di guerriglia e, ultimo ma non ultimo, di uno scheletro fuso con l'adamantio, il metallo più resistente dell'universo Marvel. Senza contare le sue naturali doti fisiche: capace di scatti velocissimi, dotato di agilità estrema, resistenza e forza fuori dal comune.

Uncanny X-Men numero 448
Disegno di Greg Land

(c) 2004 Marvel Comics

Uncanny X-Men numero 448<br>Disegno di Greg Land<br><i>(c) 2004 Marvel Comics</i>

Nato in Alberta, Canada, nel dicannovesimo secolo, poco più che adolescente improvvisamente manifesta i suoi poteri uccidendo Thomas Logan (il giardiniere di famiglia reo di avere ucciso il padre) e sfigurandone il figlio. La madre di James, impazzita per tanto orrore, si suicida scatenando in James una violenta crisi che gli farà perdere la memoria e gli farà prendere il nome dell'ucciso: Logan.

Fuggito da casa girovaga per il Canada creandosi la fama di lottatore forte e feroce e, vista la bassa statura, inizia a essere famoso con il nome di Wolverine (orso piccolo caratterizzato da una violenta territorialità, tipico delle foreste canadesi). Purtroppo per Logan la vita riserva altri tragici incidenti e il suo carattere peggiora ulteriormente. Unico sprazzo di felicità è l'intensa relazione con Volpe Argentata, giovane nativa che viene uccisa da Victor Creed (il futuro Sabretooth). Da questo momento in poi la sua vita è una girandola di avvenimenti incredibili: combatte nella prima e nella seconda guerra mondiale, nella guerra civile di Spagna e in oriente; è spia durante la guerra fredda e, per conto del proprio governo, nel gruppo Weapon X imparererà le tecniche di combattimento e il bushido; incontra Ernest Hemingway, Seraph la signora di Madripoor, Capitan America, Natasha Romanova (la futura Vedova Nera (Black Widow)), Nick Fury, Benjamin Grimm, la futura cosa dei Fantastici Quattro, si scontra con il maestro Ogun e la setta della Mano, viene addirittura rapito da Weapon X e sottoposto ai terribili esperimenti che lo dotano dello scheletro di adamantio e di innesti di ricordi artificiali. Infine entra a far parte prima degli Alpha Flight, degli X-Men, dove sarà accettato definitivamente, e nei Nuovi Vendicatori.

Logan visto da John Bolton

(c) 1987 Marvel Comics

Logan visto da John Bolton<br><i>(c) 1987 Marvel Comics</i>

Chi sono i suoi amici?

Innanzitutto gli X-Men. Da quando Charles Xavier lo ha strappato al Dipartimento H (che gestisce gli Alpha Flight) gli X-Men sono la sua famiglia. Con loro ha affrontato imprese disperate e grazie a loro lui ha trovato l'equilibrio sempre negatogli.

Heather Hadson: membro di Alpha Flight. È stata lei a trovarlo impazzito e rabbioso quando fuggì, dopo aver ucciso tutto lo staff del laboratorio nascosto di Weapon X dove ha subito gli strazianti esperimenti. Dopo averlo guarito e aiutato ad accettare il suo nuovo status, l'ha convinto a entrare in Alpha Flight.

Seraph: è la signora di Madripoor. Protegge l'isola dalla Mano e con Logan ha condiviso amore e la proprietà di un bar.

Mariko Yashida: componente di spicco del Clan Yashida. Muore proprio il giorno delle nozze uccisa da Logan per non farla soffrire perchè avvelenata dalla resuscitata Volpe Argentata.

Chi sono i suoi nemici?

Magneto: per ovvi motivi è il suo peggior nemico: in grado di controllare il metallo una volta ha addirittura strappato l'adamantio dal corpo di Wolverine.

Sabretooth: Victor Creed è un mutante molto simile a Wolverine: ipersensi, artigli affilati, fattore rigenerante eccezionale. Praticamente un Wolverine votato al male.

Il maestro Ogun: maestro di arti marziali e discipline esoteriche è un nemico agguerrito di Logan. Persino la morte non lo ha fermato e periodicamente torna a tormentare Wolverine e i suoi amici X-Men.

Lady Deathstrike: Yuriko Oyama è una ninja che ha subito un trattamento simile a quello di Wolverine e anche le sue ossa sono di adamantio. Ha subito parecchie modifiche e le sue unghie sono affilitassime e lunghissime lame in grado di competere con gli artigli di Logan.

Wolverine visto da Sam Keith

(c) Marvel Comics

Wolverine visto da Sam Keith<br><i>(c) Marvel Comics</i>

Guida alla lettura

Wolverine è stato uno dei primi personaggi a godere di una collana propria durante la seconda "invasione" dei comics in Italia, alla fine degli anni Ottanta. È la Play Press a dedicare ampio spazio al mutante prima in appendice a The 'Nam con il serial tratto da Marvel Comics Presents dal titolo Save the tiger, una sorta di presentazione della serie ufficiale, e poi con la collana continuata dalla Panini Comics. Wolverine compare ovviamente anche sulle pagine degli X-Men e dei Nuovi vendicatori.

Gli episodi in cui Wolverine è protagonista sono talmente tanti che è necessario indicare solo i punti fondamentali della saga che, qui di seguito, sono posti in ordine cronologico:

Le origini su Wolverine: origin 1/6 (dal novembre 2001 al luglio 2002)

In Italia:

- Marvel Miniserie 42/44 (Panini Comics)

- I classici del Fumetto di Repubblica Serie Oro 31: Wolverine (Gruppo Editoriale l'Espresso)

Nato in Alberta, Canada, nel dicannovesimo secolo, poco più che adolescente improvvisamente manifesta i suoi poteri uccidendo Thomas Logan e sfigurandone il figlio.

- Collezione Marvel 100% Best: Wolverine: Origin (Panini Comics)

Arma X: l'incubo di Wolverine su Marvel Comics Presents 72/84 (dall'aprile 1991 all' agosto 1991)

In Italia:

- X-Marvel 22/24 (Play Press)

- Marvel Mega 27: Wolverine speciale Weapon X (Panini Comics)

Wolverine contro Hulk su Incredible Hulk 181 (del novembre 1974)

In Italia:

- Uomo Ragno (prima serie) 193 (Editoriale Corno)

- Collana Bookstore 4: Wolverine Intro: Wolverine contro l'incredibile Hulk (Panini Comics)

Wolverine entra a far parte degli X-Men su Giant Size X-Men 1 (del maggio 1975)

In Italia:

- Capitan America (prima serie) 114 e 115 (Editoriale Corno)

- Collana Grandi Eroi 87: Grandi Eroi Marvel 11: X-Men 3 (Comic Art)

- X-Men Classic 1 (PaninI Comics)

- I classici del Fumetto di Repubblica 12: X-Men (Gruppo Editoriale l'Espresso)

Wolverine e gli X-Men contro Alpha Flight su X-Men 109 (del febbraio 1978)

In Italia:

- Thor e i Vendicatori 216 e 217 (Editoriale Corno)

- X-Men Classic 5 (PaninI Comics)

La prima miniserie di Wolverine di Claremont e Miller su Wolverine Volume 1 numeri 1/4 (del settembre/dicembre 1982)

In Italia:

- Wolverine Speciale (Play Press)

- Special Events 3: Wolverine (PaninI Comics)

- I classici del Fumetto di Repubblica Serie Oro 31: Wolverine (Gruppo Editoriale l'Espresso)

Il matrimonio tra Wolverine e Mariko su Uncanny X-Men 172 (dell'agosto 1983)

In Italia:

- X-Men 5 (Star Comics)

Lo scontro tra Wolverine e Lady Deathstrike nel capolavoro di Claremont e Barry Windsor Smith su Uncanny X-Men 205 (del maggio 1986)

In Italia:

- X-Men 19 (Star Comics)

- I classici del Fumetto di Repubblica 12: X-Men (Gruppo Editoriale l'Espresso)

Madripoor e la tigre su Marvel Comics Presents 1/10 (dal settembre 1988 al gennaio 1989)

In Italia:

- The 'Nam 1/12 (Play Press)

- Wolverine e la Tigre (Play Press)

Parte la collana dedicata a Wolverine su Wolverine volume 2 numero 1 (del novembre 1988)

In Italia:

- Wolverine 1 (Play Press)

Wolverine contro i Reavers su Uncanny X-Men 251 (del novembre 1989)

In Italia:

- X-Men 51 (Star Comics)

I nuovi Fantastici Quattro: Wolverine, Hulk, Uomo Ragno e Ghost Rider su Fantastic Four 347/349 dal dicembre 1990 al febbraio 1991

In Italia:

- Fantastici Quattro 105/107 (Star Comics)

Magneto strappa l'adamantio dalle ossa di Wolverine su Wolverine volume 2 numero 75 (del novembre 1993)

In Italia:

- Wolverine 0 (Panini Comics)

Wolverine regredisce su Wolverine volume 2 numero 100 (del aprile 1996)

In Italia:

- Wolverine 89 (Panini Comics)

Di nuovo l'adamantio su Wolverine volume 2 numero 145 (del dicembre 1999)

In Italia:

- Wolverine 127 (Panini Comics)

In giro per la rete

Connessioni fuori dal sito uBC:
Marvel Universe, sito ufficiale della Marvel Comics - in inglese
Marvel Directory, sito non ufficiale in cui sono presenti tutti i files di Official Handbook of Marvel Universe – in inglese

Wolverine il vendicatore su New Avengers 4/5 (aprile e maggio 2005)

In Italia:

- Thor (quarta serie) 81 e 82 (Panini Comics)

Wolverine killer dell'Hydra su Wolverine volume 3 dal 20 al 25 (dal dicembre 2004 all'aprile 2005)

In Italia:

- Wolverine da 190 a 194 (Panini Comics)

Condividi questa pagina...