ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




"Transylvanian Express"


Pagine correlate:

Romantica, evocativa, sanguinaria. Ecco a voi:

La vera vita di Draka senior
recensione di Marco Migliori



TESTI
Sog. e Sce. Mauro Boselli    

Parte alla grande il miniciclo transilvano, se ignoriamo la tappa di avvicinamento del numero precedente.

Boselli struttura la saga in tre parti:

  1. pur essendo un riempitivo, il n.20 dovrebbe servire nelle intenzioni a aumentare la rabbia di Harlan nei confronti del padre e, di conseguenza, l'attesa del lettore per lo scontro finale;
  2. questo n.21 in cui si apre uno squarcio sulla vita e motivazioni di Draka senior, e allo stesso tempo si rafforza l'interesse di Harlan (e del lettore) a cercarlo;
  3. il prossimo n.22 che dovrebbe (e naturalmente non lo farà) chiudere il confronto padre-figlio.
Se il professore di storia è brillantemente adeguato alla sua parte di gentleman avventuroso, capace di sfidare le rotaie e il brivido del volo, ancora più colpisce la tosta (parola di Tesla) Sandy O'Sullivan. Femminile, determinata e idealista, Sandy è l'anello di congiunzione tra la lettura di un romanzo rosa, di per se non molto adatto allo spirito della serie, e le passioni e gli intrighi nazionalisti che agitano l'Europa del primo novecento (ma tutto sommato anche quella attuale), e che meglio si adattano alla filosofia della saga.

(10k)
Draka e gli uomini
(c) 2002 SBE
   
 
Se da un lato infatti, i cosidetti Maestri della Notte non dovrebbero aver alcun tipo di ideali comprensibili agli umani, è facile notare il nazionalismo di Draka senior. Anche altri Maestri in passato hanno dimostrato di essere territoriali, ma Draka va oltre. Pur deridendo i sogni di ribelli infantili (pag.21) come quelli irlandesi, e anche se fa notare che i romeni lavorano per lui e non il contrario (pag.20), allo stesso tempo dimostra di essere non solo temuto ma anche seguito dai suoi uomini, morti o meno. Felice e obbligata scelta degli autori che dovendo mantenere l'ambiguità del personaggio, si aggrappano all'unica cosa che secoli di massacri balcanici hanno lasciato in eredità: una forte identità nazionale.

Se abbiamo parlato bene di Sandy, che dire della Tesla cacciatrice di uomini, ma allo stesso tempo assetata di romanticismo? Sarà la vicinanza di Harlan nella buia camera d'albergo, ma Tesla si rende vera, con una banale passione per una storia, come capita normalmente agli esseri umani.

I due tempi narrativi in cui è divisa la storia, si fanno entrambi primariamente apprezzare proprio per la presenza e le azioni di questi due personaggi femminili. Ma non dimentichiamo che il soggetto principale è sempre Draka senior.

"Tuo padre ha senso dell'umorismo!.." dice Caleb a Harlan. "Un'autorità! Una massima autorità!" spiega uno spaventato guerrigliero riferendosi a Draka padre. "Per il padre di Harlan amare femmine umane è un vizietto abituale" deduce Tesla.
E che ci dice lui stesso? "Io combatto solo per me stesso". Oppure "La razza umana mi è necessaria per vivere.. Ho già assistito alla distruzione di un mondo, il mio.. E non voglio che accada ancora!". Continua l'ambiguità sulle reali motivazioni di Draka padre, ma si conferma che il personaggio è (come c'era da aspettarsi) più positivo che negativo, anche se certamente amorale.

C'è talmente tanta carne al fuoco in quest'albo, che i dialoghi costringono l'autore ad uno stile asciutto, connaturale a Boselli, e assolutamente adatto allo svolgersi degli avenimenti. Ed è così che ad esempio la bella Sandy declina con soave leggerezza l'ipotesi dell'immortalità. Passaggio che sarebbe scarno per i tempi bonelliani, in altri albi. Lo stile di Boselli si sposa quindi benissimo con questo soggetto, ma soprattutto è ben interpretato dal "magico" Majo.



DISEGNI
Majo    

E'vero, il suo disegno non è sempre dei più precisi, e capita che i volti si banalizzino in qualche tavola, come ad esempio l'ultima. Con tutto ciò però, il suo stile è assolutamente evocativo, e diventa impetuoso quando la sceneggiatura si impenna; razionale e espressivo quando i dialoghi si fanno interessanti; epico quando la penna dello scrittore gronda di retorica.

(12k)
Scherzi tra compagni (c) 2002 SBE
Leggiamo perciò con interesse quando il fascino di Sandy entra inutilmente in azione con il misterioso Vraka. Ci immergiamo quasi inconsapevolmente (facilitati anche dai dialoghi assolutamente "normali") nella calda atmosfera di tre amici che discutono naturalmente in uno dei numerosi alberghi che li accolgono. E naturalmente accogliamo con entusiasmo l'arrivo dei cavalieri teutonici.

Osservando la cronologia dei suo lavori, non possiamo poi notare una continua crescita. Con Dampyr, Majo ha forse trovato una serie adatta alle sue caratteristiche come la scomparsa Hammer, ma anche la vampiresca serie bonelliana, ha trovato un interprete d'eccezione nella capacità evocativa delle sue tavole.

Un matrimonio d'interessi, in cui noi lettori abbiamo solo da guadagnarci.



GLOBALE
 

Copertina che richiama l'unico passaggio splatter della storia. Dinamica e violenta, presenta una storia che in realtà sarà molto diversa.

Se questo appare come il vero inizio del miniciclo transilvano, non possiamo certo lamentarci della partenza!
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §