ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




"L'angelo sterminatore "

In questa pagina:
Testi
Disegni
Globale

Pagine correlate:

Cosa succede se una coppia di angeli piomba in un monastero tedesco in piena Guerra Mondiale?

Fallen Angels.
recensione di Gianluigi Fiorillo



TESTI
Sog. e Sce. Pasquale Ruju    

Inizio alla Martin Mystère per quest'albo, con il classico (per MM) flashback iniziale che ci presenta gli elementi misteriosi della storia. Così scopriamo subito, anche senza vederli, quali sono i due protagonisti della storia: due giovani angeli. Titolo e copertina infatti eliminano qualunque dubbio.

Più avanti Ruju ci spiazza presentandoci subito, senza alcun elemento sviante, l'assassino di turno. E' infatti sull'equivoco dell'identità della vittima, e non del suo carnefice, che ruota il giallo che si trova ad affrontare l'indagatore dell'incubo.

All'interno dello scheletro narrativo oramai consolidato... l'autore cuce una trama avvincente presentandoci personaggi non troppo banali.    

La sceneggiatura fila via scorrevole, senza i voli pindarici che oramai sembrano esclusivo patrimonio di patron Sclavi. All'interno dello scheletro narrativo oramai consolidato da centinaia di numeri, costituito da Dylan che ammalia la propria cliente, serial killer di turno, Dylan miracolosamente tempista nel salvare la bella vittima, l'autore cuce una trama avvincente presentandoci personaggi non troppo banali.



DISEGNI
Nicola Mari    

Nicola Mari fa parte di quella schiera di disegnatori che fa gridare al lettore al miracolo od all'obrobrio. A quest'ultima categoria, secondo il sottoscritto, appartengono i disegni della precedente esperienza dylaniana di Mari. Andando infatti a scorrere la recensione di "Serial killer", storia apparsa nel Gigante n.5 di Dylan Dog, si legge: "Posso capire lo stile personale, onirico, impressionista o quant'altro, ma qui abbiamo più di un problema: le tipografie della Bonelli hanno usato, esclusivamente per questa storia, tecnologia a 9 aghi, i disegni sono confusionari e le scene di lotta sembrano delle macchie di Rorschach."
Da allora lo stile di Mari è diventato sicuramente più convenzionale, guadagnando in dettagli quello che ha perso (probabilmente malvolentieri, per il disegnatore) in "artisticità". Abbiamo quindi ora tavole meno estreme e più commerciali, forse addirittura esageratamente. Discutibile l'interpretazione che ci dà il disegnatore del viso di Dylan, meno fascinoso del solito, anche se forse ha ragione lui essendo il modello molto vicino a quello originale di Stano.



GLOBALE
 

Gran bella copertina, con la mummia dell'angelo statica eppur minacciosa. Molto bello anche il viso di Dylan.

Nulla da aggiungere rispetto a quanto già detto: albo tranquillamente nella sufficienza.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §