RecensioneNote

Mappa del SitoNovitàIndice

Dylan Dog  n.129
" Il ritorno di Killex "
(1k)
( 5 , 4 , 7 ) 2 + 2
69% equiv.
5/7
Vedere anche la Scheda della Storia nell'uBC Database.


Il figlio della sua ex-fiamma bussa alla porta di Dylan nel bel mezzo della notte. Le parole che il bambino pronuncia riportano alla mente del nostro investigatore una sua vecchia conoscenza: il dottor Killex!

"Nel fosco fin del secolo tremendo
di cercar il soffio vitàl io non m'arrendo"

recensione di Gianluigi Fiorillo
Dylan Dog



Soggetto
(1k)
5/7
Tiziano Sclavi Tempo di sequel in casa DyD. A distanza di due numeri dal riuscito seguito di "Johnny Freak"" ecco l'epilogo di "Il cervello di Killex".

L'albo in questione si era concluso con la scomparsa del dottor Christopher Killex, presunto cadavere: l'assunto veniva fuori da una bella pallottola sparatagli in piena fronte dal nostro detective. 10 anni dopo Dylan si ritrova sull'uscio di casa il figlio della sua fiamma all'epoca dei delitti del sadico dottore, mentre contemporaneamente la polizia scopre una angosciante fossa comune.
I due avvenimenti sembrano in un primo momento avere una radice comune; solo con lo svolgersi della storia le cose si riveleranno in tutta la loro casuale coincidenza.

Intanto la prima cosa che si nota è che ci troviamo tra le mani uno dei rari albi fuori continuity (sul momento mi vengono in mente il n.77, "L'ultimo uomo sulla Terra" e il n.100). Anche se nella serie i riferimenti temporali sono (volutamente) vaghi, quasi sempre si ha l'impressione che la storia si svolga più o meno in contemporanea con l'uscita dell'albo in edicola. Questa volta invece Sclavi specifica che gli avvenimenti narrati sono datati 1999; in più anticipa quelli svoltisi nel precedente capitolo all'anno 1989 rispetto al 1993 anno d'uscita dell'albo.

Il tema degli "snuff movies", uno dei pochi orrori moderni che non era stato ancora "indagato" dal nostro eroe, è sicuramente originale. Naturale, dati i macabri materiali di scena, il ritorno in scena di Killex come vicolo cieco dell'indagine della polizia. Molti gli elementi già visti nella serie: il bambino ESP, il claustrofobico underground londinese, la "corte dei miracoli" che alloggia nel sottosuolo (n.51, "Il marchio rosso").

Tensione a buoni livelli per tutta la durata della lettura, peccato per il finale un po' troppo pirotecnico e oscuro (perché il mummificato Killex chiamava a sé il bambino? Cosa è successo durante il contatto?).

Sceneggiatura
(1k)
4/7
Tiziano Sclavi Due indagini al prezzo di una per il nostro Dylan: parte per cercare il suo vecchio nemico Killex e si ritrova a scoprire un'organizzazione criminale che filma "snuff movies", film dell'orrore in cui mutilazioni, torture ed omicidi sono resi attraverso realistici effetti speciali poco "speciali" e troppo "realistici".

Per tenere in piedi una sceneggiatura del genere bisogna ricorrere alle solite "coincidenze non coincidenze" e a trucchetti vari per sincronizzare le due trame parallele. Il risultato di tali equilibrismi varia dal capolavoro alla parodia comica..

Vediamo un po' di scorrere i gangli nevralgici della trama per decidere in che categoria porre questo lavoro:
  • Christoper si reca da Dylan. Uhm..Perché? Se doveva andare a trovare il corpo di Killex poteva raggiungerlo da solo. O forse era una iniziativa spontanea del subconscio del bambino che da ammiratore di Dylan si è subito recato da lui al primo contatto telepatico col dottore.
  • Sempre Christopher è esageratamente vago nell'indicare il luogo dove riposa Killex. Per evitare che sia troppo preciso viene addirittura fatto svenire ad arte. Il tutto serve ad azionare lo scambio che porterà Dylan e la madre del teenager sui binari dell'altro mistero.
  • Alla seconda crisi Christopher inizia a parlare allo stesso modo del lobotomizzato Killex. Ma il dottore nel numero 80 fingeva di non saper più parlare correttamente…
  • Il Dylan ubriaco per anestetizzarsi dalla claustrofobia risulta eccessivamente sobrio…
  • La "corte dei miracoli" alla arrivano-i-nostri non convince per niente. Per di più la carneficina che segue lascia del tutto incolumi Dylan & signora, neanche fosse stato un asettico intervento operato da un reparto di teste di cuoio.
Ergo: non una parodia comica ma tantomeno un capolavoro.. Le parti di sceneggiatura di routine (dialoghi, disposizione dei frame, passaggi di sequenza) sono curati con la solita maestria.  

Disegni
(1k)
7/7
Corrado Roi Albo notturno e sotterraneo, perfetto per Roi, che fa del contrasto netto luce – ombra il suo miglior espediente drammatico. Si apre con la superba scena dello smottamento che porta alla scoperta della fossa comune; di seguito le raccapriccianti scene dello "snuff movie" e della polizia che arriva sull'apocalittico cimitero all'aperto. Il tutto disegnato con un tratto precisissimo eppur per niente freddo! A cercare il pelo nell'uovo, alla perfezione manca giusto un pizzico di dinamicità nei disegni delle posture dei personaggi..

Chicca a pag.77, vignetta 4: è sì, quella è proprio una personale reinterpretazione di Corrado del celeberrimo "Quarto stato" del pittore di fine '800 Giuseppe Pellizza da Volpedo. Messaggio simbolico riguardante la prossima avanzata del "Quinto stato" dei reietti?

Copertina
(1k)
2/3
Angelo Stano Copertina molto semplice ed essenziale con in primo piano un Dylan con qualcosa in più che uno strabismo di Venere; alle sue spalle, nascosto nell'ombra il dottor Killex; davanti a loro quella che al primo impatto sembra una sega circolare e che con molta fantasia (dopo aver letto l'albo) può anche diventare la luce di una torcia elettrica.
Forse.

Overall
(1k)
2/3
Sequel poco sequel che sfrutta uno dei pochi (purtroppo) temi originali rimasti. In generale un albo discreto anche se soffre un po' di retoricità.



Partecipate! Esprimete il vostro voto su quest'albo utilizzando il form qui sotto. Inviateci anche commenti/osservazionisull'Albo o sulla Recensione, segnalazioni di errori di sceneggiatura o curiosità, utilizzando la pagina del Fatecelo sapere!. Siamo sempre pronti a raccogliere le vostre osservazioni anche per storie uscite da molto tempo. I vostri commenti appariranno nella stessa pagina della recensione.
Soggetto

 
Sceneggiatura

 
Disegni

 
1/7 Adesso Basta! - 2/7 Mediocre - 3/7 Sufficiente - 4/7 Discreto - 5/7 Buono - 6/7 Ottimo - 7/7 Capolavoro! ( note sul Metodo di Valutazione )

(c) 1997 uBC all right reserved worldwide creation date [ 06.06 1997 v1.0 ]