RecensioneNote

Mappa del SitoNovitÓIndice

Dylan Dog  n.123
" Phoenix "
(1k)
( 4 , 6 , 5 ) 3 + 2
69% equiv.
5/7


Uno strano gioco del destino... uno scambio di persona... un ritorno di fiamma... dall'Aldil´┐Ż!

"Amore mio, mi credevi morta. .
ma sono risorta!"

recensione di Gianluigi Fiorillo
Dylan Dog



Soggetto
(1k)
4/7
Tiziano Sclavi Soggetto poco originale, con chiara ispirazione a "La donna che visse due volte", di Hitchock (la citazione è riportata anche in seconda di copertina). La Morte "pasticciona" è un cliché delle storie di Sclavi, come pure il rapporto vittima-carnefice, qui riproposto pero' in modo meno convenzionale del solito. Anche il "trasferimento d'anima" è divenuto oramai un classico. Beh, il riciclaggio dei temi è una cosa negativa in qualsiasi fumetto e in Dylan Dog, che fa dell'originalità dei temi e delle situazioni la propria caratteristica peculiare, ciò diventa quasi letale.

Sceneggiatura
(1k)
6/7
Tiziano Sclavi Non basta dire sceneggiatura di Sclavi ? Solito sapiente mix tra onirico e reale con in più la ciliegina di alcune sequenze con protagonista la classica e misteriosa nebbia inglese di sicuro effetto. Da registrare la new entry di un personaggio al quale sicuramente Sclavi ricorrerà altre volte nei prossimi numeri : il professor Adam, a cui presta il viso Sean Connery, docente di psicologia e "demolitore" di fenomeni paranormali. Qualche appunto : il quinto senso e mezzo di Dylan sta diventando affidabile quasi come il senso di ragno di Peter Parker ; la gag del quadro "incorniciato" in testa al nostro eroe sembra presa di peso da Paperino & soci ; mentre parla con il professore Adam Dylan afferma di "sperare" nell'esistenza dei poteri esp... come se non ne avesse avute a iosa di dimostrazioni convincenti !

Disegni
(1k)
5/7
Nicola Mari La terza di copertina mette in guardia il lettore riguardo i disegni di Mari : "... il disegno di Mari non è 'facile', va studiato, interpretato..." ok, ok, ma provate voi ad "interpretare" il suo precedente lavoro, "Serial Killer" ! Tra quest'ultimo e Phoenix la differenza è abissale, forse anche grazie alla riduzione di formato delle tavole : l'effetto "9 aghi" è quasi scomparso, i particolari sono molto più definiti e c'è molto più equilibrio tra i bianchi ed i neri. Inoltre le tavole in cui la realtà si "frantuma" lasciando posto al nulla sono molto ben fatte e suggestive.

Copertina
(1k)
3/3
Angelo Stano Beh, dopo la bella copertina dell'albo gigante un'altra prova sopra la media per l' "apocalittico" Stano ;-)

Overall
(1k)
2/3
Un albo tenuto su da sceneggiatura e disegni... un po' pochino per un testo di Sclavi.



Partecipate! Esprimete il vostro voto su quest'albo utilizzando la pagina delle Valutazioni dei Naviganti. Inviateci anche commenti/osservazioni sull'Albo o sulla Recensione, segnalazioni di errori di sceneggiatura o curiosit´┐Ż, utilizzando la pagina del Fatecelo sapere!. Siamo sempre pronti a raccogliere le vostre osservazioni anche per storie uscite da molto tempo. I vostri commenti appariranno nella stessa pagina della recensione.

(c) 1996 uBC all right reserved worldwide creation date [ 03.11 1996 v1.0 ]