ubcfumetti.com
Indice del SitoNovità !Cerca nel SitoScrivi a uBC
DatabaseAutoriSchede





  Mario Alberti
Nato a: Trieste
Data di Nascita: 07.05 1965
scheda di Giovanni Gentili

Autobiografia

Sono nato a Trieste il 7 maggio del '65, ho disegnato da sempre e sempre con l'intenzione di fare fumetti: il mio primo personaggio si chiamava Polip, un polipo con mantello rosso e tuba, re dei mari. Nei baloon c'erano delle lettere messe a caso perchè ancora non sapevo scrivere.

(89k)
autoritratto di Alberti
(c) 1998
   
 

Il primo "addetto ai lavori" che ho conosciuto è stato Federico Memola, doveva essere il '90. Allora Federico collaborava con Fumo di China e mi fece conoscere Marcello Toninelli che decise di pubblicare il primo episodio di Holly Connick. Devo a Marcello i primi consigli ricevuti e mi dispiace che FdC non offra più la possibilità agli aspiranti fumettari di vedere i loro disegni pubblicati. Non siamo in pochi ad essere "nati" professionalmente su quelle pagine e in quel periodo.

Dopo la pubblicazione di Holly (a cui ha fatto seguito un secondo episodio, sempre su FdC) ho iniziato a lavorare per l'Intrepido su testi di Michelangelo La Neve (compresi alcuni episodi di Dipartimento ESP). L'Intrepido, diretto da Sauro Pennacchioli, cercava di rinnovarsi e in quel periodo fece una bella infornata di nuove penne e matite, direi che siamo passati un po' tutti di là e per molti quella è stata la prima "scuola" di fumetto. Un'occasione irripetibile di veder pubblicati, e pagati, i nostri lavori e di imparare in grande libertà: non c'era nessuna imposizione stilistica e ognuno poteva inseguire la suggestione o l'innamoramento artistico del momento. In quel periodo ricordo che stravedevo per Tank Girl e disegnai un episodio scopiazzando ignobilmente Jamie Hewlett! Ma d'altra parte è proprio così, copiando, che ho imparato questo mestiere.

Nel '92 mandai ad Antonio Serra alcune mie tavole con i personaggi Bonelli che mi piacevano di più e un paio di scene con Nathan in azione. Dopo la solita serie di pagine di prova, fatte e rifatte allo sfinimento, sono stato inserito nello staff di disegnatori di Nathan Never.

Il mio "primo" Nathan è del 93: "Il canto della balena" (NN 31). Secondo me è una storia bellissima, una delle mie preferite di Nathan e l'entusiasmo con cui è stata realizzata era veramente alle stelle! Un periodo memorabile!

Il canto della balena si becca perfino il premio Albertarelli nel '94!

Vivevo a Milano e andavo in redazione praticamente ogni giorno. Vedere i lavori degli altri mentre arrivavano, scoprire, grazie ad Antonio soprattutto, i manga... sono stati anni di stimoli continui e creatività, credo, irripetibili.

Nel '95 esce "La donna che sapeva troppo" (LW 2), il secondo numero di Legs. Direi che non mi sono mai divertito tanto quanto a fare quel fumetto. E credo si veda.

    (6k)
Clara, foto di Alberti
 

Nel '97, anche per festeggiare la nascita della mia bimba, ho realizzato un terzo episodio delle avventure di Holly che è stato pubblicato, assieme ai due precedenti, da Comics e Dintorni sulla collana "Nuvole". Peccato si sia poi rivelata un'esperienza editoriale da dimenticare.

Nel '99 esce "L'immortale" che mi vede anche sceneggiatore. Mai più!

Attualmente mi "palleggiano" un po' tra Nathan e Legs, a seconda delle esigenze di programmazione.

Nel 2000 decisi, stufo e un po' frustrato, di ripescare un vecchio progetto mio e di Luca Enoch e, dopo due anni di preparazione "rubata" a famiglia e impegni bonelliani, tadan!...

Nel 2002 esce in Francia il primo episodio di Morgana pubblicato da Les Humanoides Associes. Segue l'edizione negli USA e, nel 2003, arriveranno l'edizione italiana e spagnola.

Gli autori con cui ho un debito "stilistico" sono tantissimi, però c'è un pacco di fumetti che metto sempre in valigia: Magnus, Pazienza, Cavazzano, Mignola e Shirow; non si sa mai. Una menzione particolare per Hayao Miyazaki: se non avessi visto "Laputa" forse ora farei il commercialista.


Dicono di lui..

"Per il sorprendente livello di maturità del segno, unito alla forte sensibilità per i valori del bianco-nero e degli stilemi liberty, equilibratamente inseriti in una smaliziata conoscenza del linguaggio fumettistico."

Motivazione Premio Albertarelli, Anafi 1994


Portfolio

(5k)
Legs, dal prossimo speciale (c) 1998 SBE

(13k)
Legs e il granchio, disegno inedito (c) 1998 SBE

(16k)
Nathan corsaro, da NN gigante n.2 (c) 1996 SBE

(14k)
Tecnodroide-Alien, da NN gigante n.2 (c) 1996 SBE

(22k)
Legs e May in azione, da LW n.2 (c) 1995 SBE


Index Personale

Testi
Legs Weaver 1999| sp4

Disegni
Legs Weaver 1995| 2
1998| 30
1999| sp4
2001| 63
Nathan Never 1993| 31
1994| 40
1996| g2
1997| sp7al
2000| 105

 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top