Home Mail
Zagor Online

Zagor Stories

Scriveteci e
mandateci le
vostre idee!

Zagor Stories
.

Avete in mente un'idea per una possibile avventura dello Spirito con la Scure? Speditecela senza esitazione e sarà pubblicata su queste pagine... ma non dimenticate di leggere i consigli di Moreno Burattini per gli aspiranti sceneggiatori di Zagor!


Pagina Seguente

Messaggio di: Davide Biagi
Cico e' stato ferito gravemente, Perry consiglia a Zagor di portarlo in citta'. In citta' Zagor si scontra con i medici che danno il messicano per spacciato. Rabbia, disperazione di Zagor. Rientrato a Darkwood contatta Akoto il quale gli insegna il rituale da lui utilizzato per salvare Zagor ai tempi de "La fine del mondo" ma come allora c'e' un prezzo da pagare.... a questo punto le possibilita' sono diverse. Sarebbe una storia fantastica, cittadina e nello stesso tempo di grande impatto emotivo, non credete?

Niente male come primo contributo, ma perché non provare a elaborare delle storie un po' più dettagliate? E poi, caro Davide, siamo sicuri che Akoto sia ancora vivo?


Messaggio di: Adriano
La storia non ha la pretesa di essere di particolare interesse, ma si ispira ad un'avventura vissuta circa 25 anni fa da un gruppo di bambini. Passavamo le giornate all'ombra di un grande Noce a leggere i fumetti e a giocare (ispirati da Zagor). Ed è proprio in un caldo pomeriggio d'estate che suggestionati dalla lettura dei fumetti incontrammo "Johannes-Vurgh"

Titolo: SUGGESTIONI o PADRE JOHANNESS
Mentre Zagor si muove di accampamento in accampamento nella annuale opera di mediazione fra le tribù indiane, una schiva e misteriosa figura si aggira nei dintorni di Darkwood. Ha l'aspetto di un frate cercatore (con tanto di "cappuccio" che gli ombra il viso), la sua presenza sembra avere ripercussioni sulla "normale attività" della Foresta. Strane coincidenze fanno credere prima agli Indiani e poi ai Trapper che il frate sia dotato di poteri sovrannaturali. Nessuno riesce ad avvicinarlo (tantomeno a parlarci) ogni volta sembra scomparire nel nulla, e c'è di più, fra i Delaware sono in molti a giurare che "più ci si avvicina e più le proprie forze svaniscono... come se succhiasse forza vitale".
Ormai la suggestione dilaga e si va delineando una nuova figura leggendaria... un nuovo inquietante spirito sembra aleggiare su Darkwood e Zagor deve intervenire per sedare piccoli scontri fra giovani guerrieri. Zagor indaga, riesce a dare logiche spiegazioni alla maggior parte dei "fenomeni" (alcuni classificabili come semplici suggestioni collettive) ma non trova nessuna traccia concreta della presenza del fantomatico frate, sino a quando per puro caso incontra Molti Occhi. Con grande sorpresa Zagor scopre che l'amico Indiano conosce "lo spirito misterioso", Molti Occhi lo definisce infatti un "collega".
"Si chiama Padre Johanness viene da una terra lontana oltre la grande acqua salata... Europa come la chiamate voi bianchi... è un valido uomo di medicina e conosce la nostra cultura... sembra una persona modesta... non ho notato nulla di particolarmente insolito in lui".
Anche Cico si unisce all'indagine e al tramonto i nostri eroi incontrano Doc, Rochas ed altri Trapper. Rochas racconta di strani fenomeni avvenuti da alcuni mesi in cima ad una vicina collina.
Nella capanna di Doc sono orami calate le prime ombre della sera quando un urlo agghiacciante risuona nella Foresta. I nostri amici accorrono in direzione dell'urlo salgono rudimentali scalette scavate nella roccia sino a trovarsi innanzi ad una scena sconcertante... alla sinistra luce di un lampo intravedono la figura di un frate impiccato sulla cima di uno albero spoglio... Chi è padre Johannes??? Cosa sta cercando a Darkwood??? E chi è il frate impiccato???


Messaggio di: Alessandro Agueci
Visto che zagor è una miniera di citazioni letterarie che ne dite di una storia ispirata a "Viaggio al centro della terra"? Certo gli scienziati nella serie non mancano. Ovviamente è solo uno spunto però penso che ci si possa costruire una storia.


Messaggio di: Gianni di Filippo
Per l'idea di questa storia mi sono ispirato ad un film che ho visto al cinema cinque mesi fa. Naturalmente la storia ho cercato di cambiarla un pò, come fece Nolitta quando scrisse alcune sue bellissime storie ispirandosi ai B-movie degli anni cinquanta.

LO SPIRITO DELLA FORESTA
Una notte una giovane ragazza bussa alla porta di una casa nella foresta. Nella casa abitano un uomo una donna e il loro figlio. L'uomo apre subito la porta e vede che la ragazza e spaventata e chiede in ginocchio di entrare. Mentre la donna le cura le ferite lei continua a gridare: . L'uomo spaventato chiede: , all' improvviso un mostro alto fino al tetto sfonda la porta e si avventa sulla ragazza. L'uomo prende con se la donna e il figlio e impugnato il fucile spara sul mostro che sta uccidendo la giovane ragazza. Le pallottole gli rimbalzano addosso, e una accidentalmente colpisce la donna alla spalla.
Il marito disperato dice al figlio: . Il bambino non sa cosa fare ma alla fine decide di scappare perchè chiedendo aiuto agli altri potrà uccidere quel mostro e vendicare i suoi genitori. Dopo una notte di cammino si rifugia al villaggio Mohawk di Tonka dove lo curano e gli danno una tenda dove passare la notte. Il giorno dopo Zagor e Cico raggiungono il villaggio e scoprono da Tonka la storia del bambino. Zagor con l'aiuto del piccolo vuole scoprire chi gli ha ucciso i genitori,ma anche salvare Darkwood da questa nuova minaccia.


Messaggio di: Damiano
Una belle caccia alle balene con la Golden Baby. Aggiungendo magari qualche sparizione e perche' no qualche mistero marinaresco non sarebbe male. Cosa ne dite di fare assumere Supermike dall'agenzia di Altrove in modo da usarlo sia come personaggio buono che cattivo?
Una tribu' di indiani mutanti scacciati e odiati da tutti. Ciao a tutti.


Messaggio di: Gianni Di Filippo
Credo che, come dice Alessandro Agueci, sarebbe interessante che Zagor affronti una avventura del tipo "viaggio al centro della terra". Ad esempio, il professor Kruger ritrova in uno scavo archeologico un libro che racconta di una civiltà che vive al centro della terra parallelamente alla nostra e che ha ricchezze ma sopratutto una fonte di energia che li rende immortali. Subito organizza una spedizione, e casualmente incontra Zagor che decide di accompagnarlo. Naturalmente la via per la raggiungere la mysteriosa civiltà e disseminata di insidie, trappole mortali e creature mostruose.


Messaggio di: Matteo Virzi
Icaro La Plume e Verybad si alleano per costruire una macchina volante (il secondo crea una speciale benzina che permette all'aereo di volare piu' a lungo). Questa macchina viene sgraffignata dal redivivo Grande Marcus (non si era schiantato al suolo, ma un albero aveva attutito la caduta) che la usa per sottomettere Darkwood al suo volere e sconfiggere Zagor. Zagor cerca di inseguire la macchina volante volando con le sue liane, ma deve arrendersi e per poco non muore dallo sforzo. Per fortuna Icaro La Plume inventa a tempo di record un aliante dalle lame di acciaio che si può agganciare al busto di Zagor. Zagor così riesce a volare suscitando lo stupore degli indiani di Darkwood che lo credono ancora più un semidio, e si scontra con la macchina volante del Grande Marcus. Questi esce e vola con le sue solite alucce, ma le ali di acciaio di Zagor lo tagliano in due. E così Darkwood è salva... Che ne dite? :-))

Caro Matteo, la tua è sicuramente l'idea più divertente che abbia sentito finora! :-))
Purtroppo dubito che si potrà pubblicare: il plagio di Mazinga Z è troppo evidente. ;-)


Messaggio di: Marco Annesi
Più che la sceneggiatura di una storia proporrei una nuova trasferta! Dopo la mitica "Odissea Americana", lo stupefacente "Passaggio a Nord Ovest", lo straordinario "Africa", perchè non mandiamo la Spirito con la Scure in Centro/Sud America fra lotte per l' indipendenza, misteri maya, ex conquistadores, indios dell' amazzonia, avventurieri europei senza scrupoli?


Messaggio di: Simone Fiocchetta
Io consiglierei un avventura in Australia e come film di ispirazione carabina Quigley con Tom Selleck e Mr Crocodile Dundee.


Messaggio di: Adriano
Idee per una nuova Odissea nel Mediterraneo.
Zagor torna in Africa. Dopo aver salvato Gambit da una tribù di cannibali, si ritrova a bordo di una mongolfiera... dopo km e km in balia del vento Cico riesce pasticcionamente a far incagliare la mongolfiera sulla piramide di Cheope. In Egitto si imbattono in Digging Bill e A.Cain e vengono coinvolti in una avventura densa di mistero in un esotico e ancora incontaminato deserto egiziano (Zagor lotta control il ritorno di un Dio malefico). La terza tappa è un'isola grecam Rodi l'isola del colosso, o meglio dei colossi. Zagor aiuta il professor McLeod in una spedizione archeologica e si imbatte in una antica civiltà: qualcosa ricorda a Zagor... il Titan! Il viaggio prosegue e la quarta tappa è nientemeno che l'Italia, dove Zagor viene coinvolto nei primi moti risorgimentali (la carboneria) e incontra sia il Tessitore che Frida Lang (un'altra romantica storia d'amore). Ultima tappa in Spagna dove Cico viene coinvolto in un pericoloso giro di affari da alcuni parenti spagnoli. I nostri eroi tornano infine in America salpando da Palos con la baleniera di Fishleg.


Messaggio di: Moreno Melani
Leggendo le varie proposte fatte per eventuali nuove storie di Zagor come per esempio un ipotetico viaggio di Zagor al "Centro della terra" e del quale mi trovo perfettamente d'accordo, un'altra storia inedita si potrebbe sviluppare sempre rimanendo nel tema dei viaggi da una vecchia storia di Zagor e precisamente dal rapimento del figlio di un trapper amico di Zagor nell'albo "I Ricattatori" n.86 e "Solo contro tutti" n.87, in cui Zagor per la prima volta fa la conoscenza con una vera grande città (Chicago) e non con le solite cittadine di frontiera o accampamenti indiani. La storia porta appunto Zagor a Chicago per liberare il bambino in mano al capo (Generale Blow) della potente "Compagnia delle pellicce". Nella trama Zagor si avvale anche della collaborazione del Conte di Lapalette che altri non è che un abile borsaiolo e scassinatore come vedremo in seguito alla storia. Inoltre come non ricordarsi l'espressione di stupore, meraviglia e forse anche un pizzico di paura quando dalla nave Zagor vede la città con tutte le sue luci e le sue ombre. Fatta questa premessa direi che invece di Chicago per una nuova avventura del nostro eroe al di fuori dei confini del Nord America potremmo scegliere di catapultarlo addirittura nel "Vecchio Mondo" e precisamente a Parigi con tutti i suoi misteri, vedi ad es. "I sotterranei di Parigi", o "Il fantasma dell'Opera". Uno spunto per iniziare la storia potrebbe essere una richiesta di aiuto a Zagor da parte del Conte di Lapalette, il quale suo malgrado si viene a trovare in difficoltà per aver messo mano in seguito ad un furto a dei documenti compromettenti a carico di un grosso esponente della malavita e non potendo contare sulle forze di polizia (per qualche oscuro motivo) chiama in suo aiuto Zagor. Come personaggio per la nostra storia tra i tanti amici di Zagor ho richiamato il Conte in quanto è uno dei pochi (forse l'unico) che si può muovere con maggiore destrezza in una grande città. Rivedere il nostro eroe combattere in una grande città, per l'appunto Parigi con i suoi sottrranei, lungo la Senna o nei parchi che circondano la città è come fare un salto nel passato e tornare con la mente all'episodio sopra citato del rapimento del bambino. Un'altro personaggio della Bonelli ebbe a suo tempo un'avventura mozzafiato in una grande città e precisamente il "Piccolo Ranger" nell'albo "Un Ranger a New York" n.116 e il "Fantasma dell'Opera" n.117. Anche in questo caso la storia se non sbaglio iniziò con il rapimento di una carissima amica di Claretta ad opera di un pazzo criminale e fu un susseguirsi di colpi di scena degni dei migliori film gialli. Per ultimo ringrazio la casa editrice per aver dato a noi collezionisti la possibilità di poter confrontare le varie idee e proposte e per far sì che il nostro eroe possa essere apprezzato ed amato anche dalle giovani generazioni.


Messaggio di: Andrea Zanti
Ciao a tutti!Mi chiamo Andrea Zanti, ho 11 anni e leggo Zagor da circa 3 anni. Vorrei proporvi questa storia molto curiosa con il seguente titolo: "Port Whale". Ecco la trama: Zagor e Cico vengono convocati da Charles Humbold meglio noto come capitano Fishleg per investigare sulla morte di alcuni marinai dell'equipaggio. Zagor quindi si dovrà scontrare faccia a faccia con una feroce banda di assassini dove tra i quali si ritrova un famoso nemico di Zagor: "Bimbo Sullivan"!


Messaggio di: Andrea Zanti
Ciao a tutti mi chiamo Andrea Zanti e vorrei proporvi di pubblicare una storia con il seguente titolo: "Il ritorno di Faccia Tagliata". Ecco la trama: un giorno nella foresta di Darkwood arriva Drunky Duck con la sua canoa perchè deve consegnare a Zagor una lettera del colonnello Clark, il comandante di fort Canton perchè la banda dell'indiano Faccia Tagliata minaccia gli abitanti del forte di lasciarlo immediatamente se no metterebbero a ferro e fuoco la regione. Un caloroso saluto, Andrea!


Messaggio di: Andrea Zanti
Ciao a tutti,mi chiamo Andrea Zanti, ho 11 anni, vi ho già scritto molte volte e vorrei proporvi una storia con il titolo: "Il rapimento di Tonka". Zagor è a Darkwood e sta facendo un'ispezione ai villaggi indiani vicini. Arrivato al campo Mohawk chiede a un indiano della tribù dov'è Tonka ed egli risponde che è stato rapito da una pericolosa banda di fuorilegge molto conosciuta nella regione. Zagor molto dispiaciuto e preoccupato per il suo fratello di sangue chiede perchè i misteriosi fuorilegge l'hanno portato via, e l'indiano risponde che il suo sakem ha rifiutato di dare il metallo giallo, cioè l'oro, a quei banditi e loro l'hanno portato via minacciando di ucciderlo. Zagor ritorna alla sua capanna e prendendo Cico parte per un lungo viaggio ai confini con il Canada per cercare lo sventurato sakem dei Mohawk. Arrivati al Darkwood River, Zagor e Cico fanno una piccola sosta e trovano tracce fresche di 5 persone, che siano Tonka e i misteriosi rapitori? Lo sapremo se questa storia verrà pubblicata.


Messaggio di: Adriano
Qualche idea per una storia...

IL MISTERO DELLA PIRAMIDE : Mentre nello Yucàtan e in Guatemala vengono riscoperte le grandi piramidi Maya ("John Lloyd Stephens e Frederick Catherwood"), in alcuni ambienti scientifici statunitensi desta un certo scalpore la notizia del casuale rinvenimento (da parte di alcuni militari) nelle impenetrabili paludi della florida, di una costruzione simile ad una piramide. Una nutrita spedizione scientifica guidata dal Professor Arthur Shady ha lo scopo di verificare la natura e l'origine della strana costruzione . Della spedizione non si ha più notizia e, a tre mesi di distanza, due militari componenti della scorta vengono ritrovati in grave stato confusionale (sconvolti e atterriti). Un'altra spedizione (questa volta interamente militare) guidata dal Tenente Foreman svanisce anch'essa nel nulla. Perry chiede aiuto a Zagor. Lo spirito con la Scure e Cico si uniscono alla seconda spedizione di "soccorso". Chiamato a condurre la spedizione è il giovane ed inesperto Tenente William Perry Junior (nipote del "vecchio" Perry). Della missione fanno parte anche 1 sergente (tutto d'un pezzo), 7 soldati scelti (tra cui un cuoco), un archeologo (loquace e simpatico), un medico (molto taciturno) e la guida Fred Wichy. Fred (un civile) è lo stesso che ha accompagnato la spedizione Foreman nei pressi della palude per poi essere costretto a ritirarsi a causa di una banale infezione virale (è attualmente l'unico superstite della seconda spedizione). Passano alcuni giorni di normale marcia, poi, man mano che i nostri eroi si avvicinano alla palude strani incidenti rallentano la spedizione. Inizialmente banali contrattempi, poi incidenti via via più seri che sembrano apparentemente attribuibili a sola sfortuna (ogni sera Cico si prodiga in strani riti scaramantici!!). Quando i membri della spedizione iniziano a perire uno dopo l'altro (in strane circostanze) Zagor capisce che fra i componenti della missione vi è un assassino. Chi è che vuole ostacolare la spedizione? e soprattutto perché? quale oscuro mistero si cela al centro della palude?

VAIOLO : Un vecchio imbroglione si aggira per Darkwood vendendo cianfrusaglie agli indiani e propinandogli soprattutto rimedi miracolosi ed elisir di lunga vita. Quasi contemporaneamente un paio di accampamenti indiani sono sconvolti da una gravissima minaccia "il Vaiolo". Zagor si prodiga per circoscrivere l'epidemia. Il consiglio dei capi attribuisce la colpa alla presenza del vecchio ciarlatano. Zagor interviene per sedare gli animi e avvia a suo modo un'indagine. Scopre che il vecchio ciarlatano si chiama "Jim Greatsoul" è un povero vecchietto che dalla vita ha avuto solo dispiaceri (eroe della guerra contro il Canada è stato allontanato dall'esercito a causa del matrimonio con una donna indiana, ha perso la moglie e la figlia a causa di un'epidemia di vaiolo). Il povero Jim è convinto di aver scoperto una pozione magica (dettatagli in sogno dalla moglie defunta) contro ogni sorta di male. Zagor scopre che una strana delegazione di indiani provenienti da molto lontano è stata recentemente ricevuta da alcune tribù della foresta. Chi sono questi indiani? da dove vengono? Come mai sono a Darkwood? Che relazione c'è con il vaiolo?

ASSALTO ALLA DILIGENZA : Zagor e Cico di ritorno a Darkwood prendono la diligenza a Union Town. Sono compagni di viaggio una coppia di novelli sposi (ricchi bostoniani con "la puzza sotto il naso") un uomo d'affari (piuttosto villano) e un giovane militare in congedo (un bravo ragazzo). Lungo la pista giunge improvvisa una richiesta di soccorso da parte di una ragazza che sembra avere seri problemi con il proprio carro. Zagor scende insieme al conducente della diligenza per dare una mano, la donna ha un viso famigliare, Zagor intuisce che si tratta di una trappola, ma è troppo tardi! Dal carro spuntano 4 bianchi ed un indiano armati sino ai denti. Il giovane militare in congedo cerca di reagire ma viene freddato (con un colpo fra gli occhi) ..dalla giovane donna che in realtà Zagor conosce abbastanza bene.. Blondie!! Si proprio Blondie (Pericolo Biondo) che confessa di essere fuggita di prigione e di essersi unita alla banda dedita all'assalto delle diligenze. Analoga sorte del militare sembra toccare al conducente della corriera che viene ferito mortalmente ed abbandonato al proprio destino. Il capo della banda è un certo Jeff Baxter un tipo risoluto, gli altri non valgono un gran che, tranne l'indiano "Copperface", un pazzo pericoloso (rinnegato dalla sua tribù, uccide per il gusto di uccidere). Confiscato l'oro (nascosto in una cassa) e presi in ostaggio i passeggeri (tra cui i nostri eroi), la banda Baxter tenta di sfuggire allo sceriffo di Union Town allertato dal conducente della diligenza (salvatosi miracolosamente). Per sfuggire alla legge Baxter spinge tutti in territorio indiano. Tale scelta (come rimarcato da Zagor) non si rivela delle più felici perché gli indiani di Volpe Rossa sono tra i più ostili della Regione. La notte Blondie narra brevemente a Zagor il suo triste passato, Zagor rimane profondamente colpito da quanto affermato dalla bella e spietata ragazza. Il "Pericolo Biondo" nasconde una personalità complessa, risoluta e spietata ma talora non del tutto negativa. Sotto l'attacco indiano gli eventi precipitano Zagor riesce a liberarsi e ad uccidere in duello Copperface, inaspettatamente Blondie (anche se non lo ammetterà) sarà disposta a sacrificare la propria vita per salvare la coppia di Bostoniani (minacciata da Baxter ) .. finale drammatico (ma non certo per i nostri eroi!).

Pagina Seguente

Copyright (c) 1998- top
Ultima revisione: