Salta direttamente al contenuto

Kwaidan

escursione di Dampyr nella mitologia fantastico-orrorifica del Giappone
Scheda di  |   | dampyr/


Kwaidan
IT-DP-77-78


uBCode: ubcdbIT-DP-77-78

Kwaidan
- Trama

Chi è Kenshin? Un killer della Yakuza, la reincarnazione di un samurai del cinquecento, la reincarnazione di un pittore del seicento o la reincarnazione di uno scrittore ottocentesco? E chi è Yumi, la misteriosa donna che lo perseguita? E perchè Harlan arriva in Giappone per aiutarlo?

Valutazione

 74

Recensione

data pubblicazione Ago 2006 - Set 2006
testi (soggetto e sceneg.) di ubcdbMauro Boselli
copertina di ubcdbEnea Riboldi
disegni (matite e chine) di ubcdbNicola Genzianella
copertine
Dampyr 77<br>Kwaidan<br><i>(c) 2006 SBE</i> Dampyr 78<br>Il castello dei mille soli<br><i>(c) 2006 SBE</i>
tavole o vignette
La sensuale Yumi<br>disegni di Nicola Genzianella<br><i>(c) 2006 SBE</i> La tavola di apertura<br>disegni di Nicola Genzianella<br><i>(c) 2006 SBE</i>

Annotazioni

Note e citazioni

  • Bella la ricostruzione storica del Giappone del XII sec., con l’accenno all’imperatore Antoku, cui si collegano le vicende di fantasia di Taira O-Yumi, così importanti nell’economia dell’albo. Antoku apparteneva al clan Taira o Heike (Heike è una lettura alternativa dei caratteri giapponesi). L’imperatore trovò la morte nella battaglia di Dan-no-ura, che si svolse nel 1185, la quale segnò la totale disfatta degli Heike, già pesantemente sconfitti due anni prima nella battaglia di Yashima. La storia dell’imperatore Antoku e della famiglia materna sono l’argomento del racconto epico “Storia degli Heike” (Heike Monagatari), che appunto descrive con toni epici la guerra che si svolse tra il 1180 e il 1185 tra gli Heike e il clan dei Minamoto (o Genpei, mentre nel fumetto è riportato Genjii). La conclusione della guerra portò alla fine del clan dei Taira e al consolidamento dello shogunato Kamakura sotto la guida di Minamoto Yoritomo (1192).
  • I due albi sono dichiaratamente ispirati (e sono anche un omaggio) alle opere di Patrick Lafcadio Hearn (1850-1904), conosciuto anche come Koizumi Yakumo, in quanto acquisì la cittadinanza giapponese. Di origine greca, trasferitosi in Irlanda all’età di sei anni, immigrato a diciannove negli Stati Uniti, Lafcadio Hearn divenne famoso in Giappone per le sue raccolte di leggende e storie di fantasmi (Kwaidan).

Incongruenze

  • Harlan che si “sacrifica” in una notte d’amore con un essere mostruoso (anche se bellissimo) rappresenta un interessante cedimento della pienezza morale del personaggio, ma soprattutto una piccante concessione nell’ambito del moralismo bonelliano.
  • Le incongruenze riguardano soprattutto l’incerta caratterizzazione dei personaggi di Taira O-Yumi/Yumi, e Takezo/Tako, che proprio come i fantasmi (e forse in quanto tali), sono imprevedibili, ambigui, contraddittori. Proprio per questo non ritengo si possa parlare di vera e propria incongruenza quanto di una caratteristica dei personaggi di questi due albi che si caratterizzano per il contorto dipanarsi della trama.

La frase

Yumi: "…voglio che tu sappia… che non avrei mai potuto ucciderti amor mio…perché… ti ho sempre amato… " n.78, pag. 90.

Personaggi

Harlan
Ishiyama Saemon, samurai
Taira O-Yumi/Yumi, nobile guerriera, fantasma
Hajegawa Kenshin, gangster
Tosushai Sharaku, pittore di geishe vissuto nel Settecento
Hitane Yurobei, scrittore ottocentesco autore di kwaidan, storie di fantasmi
Takezo, monaco
Tako, sdemone-piovra
Doi Danjuro, gangster
Tamako, geisha
Fujiwara, capofamiglia yakuza
Hirada, capo famiglia yakuza
Kobayashi, gangster
Jikinki, mangia-cadaveri
Rokuro, rokurokubo, essere demoniaco
Jun, Kuma, Robun, Somaro, Onji, difensori cittadini
Takamura, nobile
Hirada, daimyo (feudatario)
Yamauba, megera
Saja, yurei (spettro)
Shikome, folletti elementali
Keiko, ex studentessa di scienze, pescatrici
Hannya, demoni femminili

Locations

Tokyo, Giappone Vecchia casa Tempio del drago Mondo dei destini possibili Sendai, villaggio Castello dei Mille Soli Baia di Dan-nou-ra

Elementi

Giappone Samurai Passato alternativo Mitologia Mostri Medioevo giapponese Racconti di fantasmi Demoni e fantasmi Yakuza



Vedere anche...

Recensione

Condividi questa pagina...