Salta direttamente al contenuto

Sfida alla Temsek

l'attacco è la miglior difesa
Scheda di  |   | dampyr/


Sfida alla Temsek
IT-DP-115


uBCode: ubcdbIT-DP-115

Sfida alla Temsek
- Trama

In un laboratorio della Temsek tra Russia e Ucraina si progettano mostri geneticamente modificati, finchè l'intervento di Harlan e soci non risolve il problema alla radice

Valutazione

ideazione/soggetto
 3/7 
sceneggiatura/dialoghi
 4/7 
disegni/colori/lettering
 6/7 
 65
data pubblicazione Ott 2009
testi (soggetto e sceneg.) di ubcdbDiego Cajelli
copertina di ubcdbEnea Riboldi
disegni (matite e chine) di ubcdbAlessandro Bocci
copertine
Dampyr 115<br>Sfida alla Temsek<br><i>(c) 2009 Sergio Bonelli Editore</i>
tag
,

Annotazioni

Vado, li ammazzo e torno

La storia è presto detta. C'è un laboratorio della Temsek, in un ridente paesino al confine tra Russia e Ucraina. Dopo aver ricevuto segnalazioni sulla presenza di mostri nella zona, Caleb fa due più due e manda Harlan, Kurjak e Tesla in esplorazione. Dopo accurate manovre di avvicinamento, i nostri eroi trovano il modo di penetrare nel laboratorio sotterraneo, e senza fare economia di munizioni riportano la pace e l'ordine a Tula. In tutto questo naturalmente Lord Marsden si guarderà bene dal farsi vedere di persona.

A supporto di un soggetto così semplice, anche la sceneggiatura è molto lineare e portata avanti a suon di azione. Una sceneggiatura che strizza l'occhio al cinema d'azione sia nei dialoghi che nella caratterizzazione estremamente essenziale dei personaggi. Proprio i personaggi, ad eccezione dei protagonisti, rappresentano il tallone d'Achille di questa storia, limitati come sono nel ruolo che devono svolgere e senza mai un guizzo. Anche il personaggio di Radan, traditore dei suoi amici e ripagato con la trasformazione in mostro, ha uno sviluppo fin troppo prevedibile, anche se la sua linea narrativa serve se non altro da diversivo nelle vicende di Harlan & co.
A proposito di queste, non si può non notare come il piano d'assalto al laboratorio Temsek si basi quasi unicamente sulla presenza di Tesla, ancora una volta chiamata a fare gli straordinari riequilibrando le forze contro avversari in soprannumero. Nell'assalto al laboratorio, Cajelli prova anche a dare spazio ad un'approfondimento nei rapporti tra i tre protagonisti, una scelta che si rivela azzeccata e che nobilita l'intera sequenza finale, tecnicamente ineccepibile ma che non aggiunge nè toglie nulla alla storyline della Temsek. Proprio come questo numero.

Ottima come di consueto la prova di Alessandro Bocci, disegnatore sempre molto attento alla cura dei dettagli tanto dei personaggi quanto delle ambientazioni. Le tavole di Bocci sono ricchissime di particolari in grado di catturare l'occhio del lettore in un secondo o terzo sguardo. Ma soprattutto il disegnatore interpreta alla perfezione le idee dello sceneggiatore come quando, con estrema semplicità, tratteggia con pochi efficaci tocchi il villaggio di Tula e la vita che si conduce al suo interno.
Sottotono invece la copertina di Enea Riboldi, che pur cogliendo l'anima "action" dell'albo potrebbe essere tranquillamente la cover di altre decine di storie di Dampyr.

Note e citazioni

  • Nei laboratori sotterranei di Tula, la Temsek ha avviato esperimenti per mutare geneticamente le persone trasformandole in mostri pressochè invincibili da usare in battaglia. I "test" vengono effettuati sui malcapitati abitanti delle vicine campagne.

Personaggi

Harlan
Kurjak
Tesla
Caleb Lost
Kolodin, Sidor, trafficante dei armi [+]
Radan, complice di Sidor [+]
Victor, dirigente della Temsek [+]
Lord Marsden

Locations

Tula, Ucraina Teatro dei Passi Perduti

Elementi

Tesmek Mutazioni genetiche

Condividi questa pagina...