Salta direttamente al contenuto

Trappola a Las Vegas

il ritorno di Bugsy
Scheda di  |   | dampyr/


Trappola a Las Vegas
IT-DP-111-112


uBCode: ubcdbIT-DP-111-112

Trappola a Las Vegas
- Trama

Tra Haiti, Chicago e Las Vegas, vecchi e nuovi amici (e nemici) sulla strada di Harlan, per portare a termine una vendetta da lungo tempo attesa.

Valutazione

ideazione/soggetto
 5/7 
sceneggiatura/dialoghi
 6/7 
disegni/colori/lettering
 5/7 
 78
data pubblicazione Giu 2009 - Lug 2009
testi (soggetto e sceneg.) di ubcdbMauro Boselli
copertina di ubcdbEnea Riboldi
disegni (matite e chine) di ubcdbFabrizio Russo
copertine
Dampyr 111<br>copertina di Enea Riboldi<br><i>(c) 2008 Sergio Bonelli Editore</i> Dampyr 112<br>copertina di Enea Riboldi<br><i>(c) 2008 Sergio Bonelli Editore</i>
tag
, , , , ,

Annotazioni

Commento critico

Dopo alcuni mesi di avventure slegate dalle trame principali della serie, ecco una storia doppia che nella migliore tradizione dampyriana e boselliana non solo riprende alcuni personaggi ed eventi lasciati in sospeso, ma li unisce con altri filoni narrativi, per la gioia dei fan e la disperazione dei lettori occasionali o distratti, a cui certamente questo albo avrà fatto venire il mal di testa per i continui rimandi a storie risalenti anche a diversi anni fa (e questo ci ricorda che non manca molto al decimo anniversario di Dampyr).

Il breve riassunto nelle note riguardante i vari personaggi presenti in questo albo comprende solo quelli principali, ma ce ne sono molti altri tra i comprimari, provenienti dalle precedenti saghe ambientate a Las Vegas, ma anche da altre avventure, a completare un mosaico che evidenzia ancora una volta la compattezza e la coerenza narrativa dell'universo dampyriano.
La storia, divisa in due albi, vede Harlan e Kurjak incontrarsi con Fajella, che grazie alle sue risorse da non-morto è riuscito a scoprire il nascondiglio del vecchio dirigente della Temsek e i collegamenti tra questi e la NEA. Quella che sembra un'operazione tutto sommato facile e fondamentale nella lotta contro Lord Marsden, si rivela invece una trappola ben congegnata, che costringe i nostri eroi a rifugiarsi in Messico, mentre Lenny Meyer viene incastrato per omicidio ed è quindi impossibilitato ad aiutare Harlan e soci. L'eminenza grigia dietro le quinte della macchinazione è ovviamente lo stesso Lord Marsden, che si dimostra ancora una volta subdolo e rifugge il confronto diretto usando come strumento Bugsy Siegel, che già di suo ha dei motivi per volersi vendicare di Kurjak, che nel loro precedente incontro gli ha eliminato l'unico occhio buono rimastogli.

Tutto sembra volgere al peggio, quando il redivivo Jeff Carter, guarito dagli effetti del voodoo, torna in azione appena in tempo per dare una mano ai nostri eroi. Un intervento da deus ex machina (anche troppo) che corona la trama parallela che ha visto Carter riprendere coscienza e soprattutto riprendere le sue vecchie abitudini da giustiziere.
A Fabrizio Russo è spettato il non facile compito di disegnare una storia popolata da decine di personaggi, ambientata in location diversissime tra loro e composta sia da momenti di azione sfrenata che da scene con atmosfera più rarefatta. Il disegnatore se la cava egregiamente, mantenendo una qualità costante nel corso delle 188 tavole e mostrando anche miglioramenti rispetto alle prove passate, soprattutto nel raggiungimento di uno stile personale ben definito e riconoscibile.
Le due copertine di Enea Riboldi si segnalano per una buona scelta dei colori (più la prima che la seconda), ma anche per un eccesso di parossismo nella rappresentazione di Harlan e Kurjak.

Note e citazioni

  • Tornano Jim Fajella e Lenny Meyer. Harlan li ha incontrati per la prima volta nel n.30 "Vegas!" e le loro strade si sono incrociate di nuovo nella storia doppia n.57-58 "Il paese del sogno". In quell'occasione Fajella è stato vampirizzato da Ixtlàn, ma la morte del Maestro gli ha comunque restituito il libero arbitrio, che lui usa (ora che ha lasciato la polizia e per tutti è morto) per continuare a fare giustizia con metodi meno ortodossi di prima. Lenny Meyer è invece diventato capitano della polizia di Las Vegas.
  • Torna anche Jeff Carter, il serial-killer giustiziere incontrato per la prima volta nel n.47 "I delitti di Sheffield". Lo avevamo lasciato ridotto a un vegetale ad Haiti, dopo essere stato vittima di un rito voodoo. Scopriamo che in tutto questo tempo è rimasto "in cura" dal suo amico ed ex complice Oscar e dalla sacerdotessa Mambo Erzili.
  • Infine torna Bugsy Siegel, che come abbiamo scoperto sempre in "Vegas!", è un non morto e dai tempi de "Il paese del sogno" ha un conto in sospeso con Harlan e Kurjak.
  • Harlan e Kurjak usano ancora una volta gli alias di Harry Drake ed Emil Wolf, che però adesso sono ufficialmente bruciati.

Personaggi

Harlan
Kurjak
Tesla
Fajella, Jim, ex poliziotto, ora non-morto
Meyer, Lenny capitano di polizia
Benjamin "Bugsy" Siegel boss della malavita, non-morto
Carter, Jeff serial killer giustiziere
Marceline "Mambo" Erzili sacerdotessa voodoo
Bertrand, Oscar
Mike, poliziotto di Chicago [+]
Michelle, poliziotta di Chicago
Benson, luogotenente di Lord Marsden
Don Calogero, boss mafioso
Lena/Kelly, compagna di Bugsy Siegel
Barraza, Raul, reporter
Tab Peters, scultore
Doolin, Brett, interceptor
Dennis, Patty, barista
Warren, Bobby, sceriffo [+]
Lord Marsden
Castro, Rosalinda

Locations

Haiti Las Vegas Chicago Deserto del Nevada Nogales

Elementi

Maestro della notte Temsek

Condividi questa pagina...