Salta direttamente al contenuto

Avvistato enorme topo in città!

una nuova serie pulp ambientata a Napoli
Recensione di  |   | comics/


Avvistato enorme topo in città!
Suburbans


Avvistato enorme topo in città!

"Suburbans" è una serie molto particolare realizzata da T.I.N.A. comics labs (una sigla che raccoglie diversi artisti americani) in stretta sinergia con l'editore italiano 80144 edizioni (una casa editrice giovane ma molto intraprendente). La particolarità principale consiste nel suo essere ambientata a Napoli, una Napoli trasformata per l'occasione nella Gotham City italiana: cupa, sporca, fumosa, con un'estremizzazione assoluta della violenza e della cattiveria che -purtroppo- esistono davvero in città.

La seconda particolarità sta nel punto di partenza della storia, che trae spunto da una leggenda metropolitana diffusa in numerose città a partire dagli anni '80, quando i quotidiani dell'epoca pubblicarono la notizia che a Napoli fosse stato avvistato un enorme topo, da oltre 20 chili! La notizia poi è riapparsa frequentemente anche in altre città del mondo, come Parigi e New York, ed è da qui che T.I.N.A. comics labs ha deciso di partire per sviluppare la sua serie.

In giro per la rete


Suburbans: sito ufficiale della serie
80144 edizioni: sito della casa editrice

In questa feroce Napoli che riprende molti elementi che, probabilmente, sono arrivati alle orecchie degli autori americani, come le vicessitudini dello scrittore Saviano, o le faide interne alla camorra, l'unico baluardo che si pone a difesa dei più deboli è proprio un essere metà uomo e metà topo: di fattezze animali, è però grande come un essere umano, e soprattutto parla, ragiona, fuma e vive esattamente come un essere umano. Questa creatura misteriosa, ben lontana dall'essere un supereroe "positivo" alla Superman o Capitan America, si fa i fatti suoi e cerca di sopravvivere seguendo una sua moralità che, di fatto, è quanto di più corretto ed equo si possa trovare in città, in mano a loschi figuri e violenti assassini.

Si tratta quindi di una storia estremamente pulp, sia nei testi (spesso presi dallo slang, aggressivi e arricchiti da modi di dire tipicamente napoletani, ben curati ed adattati in fase di traduzione) che soprattutto nei disegni, cupi, scuri, con prospettive distorte e dalle tinta seppia molto contrastate. Sicuramente i disegni sono un scoglio non facile da superare: in ogni pagina occorre dedicare un momento di attenzione in più per capire come è costruita la tavola e come i vari elementi si armonizzano tra loro, dato che gli autori rinunciano sistematicamente ad una griglia regolare in favore di un maggior dinamismo (sicuramente in linea con l'intensità della storia, ma -forse- alla lunga stancante).

Una tavola del primo volume
disegni di T.I.N.A. comics lab

(c) 2012 80144 edizioni

Una tavola del primo volume<br>disegni di T.I.N.A. comics lab<br><i>(c) 2012 80144 edizioni</i>

Una serie sicuramente diversa da molto altro che si trova attualmente in giro: diversa perché è scritta da americani ma ambientata a Napoli; diversa per un protagonista antropomorfo che si ama o si odia; diversa perché racconta con occhio esterno quel che noi italiani leggiamo fin troppo spesso sui giornali. Una serie da provare col primo volume (uscito a Lucca Comics 2012), e poi da continuare con le successive uscite se ci si è lasciati conquistare.

Suburbans, di T.I.N.A. comics labs - 80144 edizioni- 128 pp. € 12,00

Condividi questa pagina...