ubcfumetti.com
Indice del SitoNovitÓ !Cerca nel SitoScrivi a uBC
MagazineRecensioni




"La Luna Nera"


Pagine correlate:

Il giovane Brendon ´┐Ż un ragazzo tranquillo, che vive in una tranquilla cittadina una tranquilla esistenza aiutando la madre nel lavoro dei campi. E la sua vita sembra prendere una ancor pi´┐Ż tranquilla direzione quando arriva, a colmare il vuoto lasciato dal padre morto anni prima, Boris, un cavaliere di ventura. Ma si sa, il Fato ´┐Ż baro, e tra le sue carte...

Ahiahiai . . . la-luna-NERAA!
recensione di Gianluigi Fiorillo



TESTI
Sog. e Sce. Claudio Chiaverotti    

Dopo il clamoroso flop di Brendon n.1 e la parziale ripresa del numero 2, non sapevo proprio cosa aspettarmi da questo albo. Beh, il titolo, col suo deja vu nazional-popolare, non predisponeva certo al capolavoro. Ma mai giudicare un libro dalla copertina.

La storia inizia con la narrazione del momento topico che d´┐Ż inizio alla "grande tenebra".    
La storia inizia con la narrazione del momento topico che d´┐Ż inizio alla "grande tenebra". Un asteroide incandescente (?) si dirige minaccioso verso la Terra. L'incandescenza del corpo extraterreste ´┐Ż solo uno stratagemma di Chiaverotti per precludere ai poveri terrestri una soluzione alla Armageddon (in questo film degli astronauti minano l'asteroide atterandovici sopra). Che poi ne esistano davvero, di pietroni incandescenti che vanno in giro per millenni nei -273´┐ŻC dello spazio, ´┐Ż un'altra storia. Non resta altro che usare le tanto vituperate armi atomiche per salvarlo, questa volta, il mondo. Ma i missili, complice il rito satanico degli adepti della Luna Nera (forse) e l'ignoranza dell'asteroide delle leggi di Newton (pi´┐Ż probabilmente), riescono solo a frantumare il dardo del male che continua imperterrito la sua corsa distruttiva verso il povero pianeta indifeso.

Dopo aver fatto conoscenza degli antefatti dell'universo brendoniano, eccoci alle prese con la storia vera e propria che si sviluppa parallelamente su due piani temporali diversi. Facciamo la conoscenza di mamma D'Arkness (della quale gi´┐Ż alla prima occhiata s'intuisce la tragica fine) e del maestro d'armi di Brendon, Boris. Cos´┐Ż, tra amori adolescenziali, stermini familiari e conseguenti vendette, arriviamo con discreto ritmo a pag.84.
E tutta la storia, che pur navigando tra gli stereotipi fino a questo punto aveva retto, naufraga miseramente tra flutti di implausibilit´┐Ż.

L'orlo del baratro lo si intravede con il solito dialogo in cui il cattivo [...] educe il nostro sulle parti oscure della vicenda.    

L'orlo del baratro lo si intravede con il solito dialogo in cui il cattivo (donna, questa volta) educe il nostro sulle parti oscure della vicenda. Scopriamo finalmente il perch´┐Ż del valore inestimabile del coltello centro della storia: ´┐Ż in realt´┐Ż una chiave che apre una delle capsule temporali costruite dai Terrestri prima della catastrofe. Ancora non ci eravamo ripresi dalla maschera veneziana del n.1 (applicata da un'equipe medica del 1998 con un singolare gusto retr´┐Ż) che ecco vediamo spuntare questa praticissima chiave degli anni Duemila.

Ma il minimo lo si raggiunge con la "mutazione matematica" artefice dell'errore di mira dei missili. Anche sorvolando (ma come?) sul fatto che un programma che fa s´┐Ż calcoli complessi, ma regolati da leggi acclarate quali quelle della cosmologia, "impazzisca" generando un cancro, non si pu´┐Ż mandar gi´┐Ż che la procedura di controllo con cui viene scoperto il virus non sia stata mandata in esecuzione svariate volte prima di allora (il tecnico impiega pochi secondi a capire perfettamente la situazione). A condire il tutto, i dialoghi davvero artificiali e irrealistici che si svolgono nel quartier generale. Al confronto il rocambolesco scontro finale pare opera di Verga (vedi scheda della storia).

Se siamo giunti fin l´┐Ż nella lettura, non potremo certo lamentarci degli incredibili errori di mira, delle evoluzioni da trapezisti o delle pugnalate intelligenti (che non recidono alcunch´┐Ż pur essendo state inferte in piena mano da coltellaccio stile alabarda). E ci meriteremo anche la didascalia finale con cui l'autore copre con l'ultima palata di terra la propria opera. S´┐Ż, perch´┐Ż l'estremo stratagemma a cui Chiaverotti ricorre per stupirci ´┐Ż lo svelarci che "... non ´┐Ż finita affatto. Ritroveremo Margareth, Boris e Skarr, l'assassino, in una storia di prossima pubblicazione.". Tutti personaggi che a rigor di logica dovrebbero essere defunti. E' stata pensata, questa didascalia, per tenere incatenati i lettori alla continuity di Brendon? Anche se fosse, per molti probabilmente sortir´┐Ż l'effetto opposto.  



(18k)
Mai dare una mano ad un'adepta della Luna Nera: potrebbe approfittarne!
Disegno di M.Rotundo, (c) 1998 SBE
   



DISEGNI
Massimo Rotundo    

Buona in generale la prova alle matite di Massimo Rotundo. Il disegnatore pare trovarsi a proprio agio nel disegnare il mondo villico del giovane Brendon e a quello ben pi´┐Ż inquietante del dopo catastrofe grazie ad un sapiente uso del chiaroscuro.

(21k)
Mamma D'Arkness. Disegno di M.Rotundo
(c) 1998 SBE
   
 

Peccato per le fastidiose asimmetrie che si notano in molti volti (p.e. pag 17; mamma Brendon a pag.98) e la generale poca cura con cui Rotundo tratteggia i personaggi sullo sfondo. Non felicissima neppure la scelta grafica del volto della signora D'Arkness: sembra semplicemente il figlio con in pi´┐Żi capelli lunghi. Altro paio di magagne grafiche (correo probabilmente Chiaverotti) le troviamo nella sezione "catasrtofica": a pag. 8 nelle le simulazioni troviamo 6 missili che partono e ben 7 che ne arrivano; a pag. 13 invece abbiamo uno scorcio di spazio esageratamente affollato (due satelliti pi´┐Ż uno shuttle).



GLOBALE
 

Mediocre la copertina di Roi, con un adepto con in maschera di Anubi inattendibile, un Brendon in una posizione difficilmente interpretabile e con i tre personaggi in sfondo davvero buttati l´┐Ż senza criterio.

Come visto, continua l'indisponente scelta di Chiaverotti di prendersi eccessiva libert´┐Ż nella caratterizzazione della propria creatura. Soprattutto quando si tratta di raccontare le radici dei fatti misteriosi che si svolgono durante gli albi. Radici che affondano fin nel passato che ´┐Ż il nostro presente, del quale l'autore stravolge le certezze pi´┐Ż elementari. Questo non fa che aggravare il giudizio negativo che la serie finora merita per una sceneggiatura che ha qualche timido sussulto solo nelle (coreograficamente improbabili) scene di scontri buono-cattivo/i. E questo, per una testata che sta muovendo i primi passi e che quindi deve mostrare sin da subito le proprie peculiarit´┐Ż, ´┐Ż imperdonabile.
 

 


 
(c) 1996 uBC all right reserved worldwide
Top
http://www.ubcfumetti.com §