Salta direttamente al contenuto

Sporco gioco, Uno

caccia al testimone
Scheda di  |   | bonelli/


Sporco gioco, Uno
Saguaro 7


uBCode: ubcdbIT-SAG-7

Sporco gioco, Uno
- Trama

L'omicidio di un agente federale fa scoprire una falla nel programma di protezione che dovrebbe occuparsi di Miguel. A Saguaro tocca risolvere la situazione, mentre a sorpresa spunta il padre del piccolo testimone.

Valutazione

ideazione/soggetto
 4/7 
sceneggiatura/dialoghi
 5/7 
disegni/colori/lettering
 4/7 
 69
data pubblicazione 27 Nov 2012
testi (soggetto e sceneg.) di ubcdbBruno Enna
copertina di ubcdbDavide Furnò
disegni (matite e chine) di ubcdbLuigi Siniscalchi
copertine
Copertina Saguaro n.7<br>Illustrazione di Davide Furnò<br><i>(c) 2012 Sergio Bonelli editore</i>
tavole o vignette
Inseguimento tra i motociclisti<br>Tavola di L. Siniscalchi, pag.68<br><i>(c) 2012 Sergio Bonelli editore</i>
tag
, , , , , ,

Annotazioni

Padri e figli

Dopo il quasi fill-in del numero scorso, riprende la trama relativa a Miguel, piccolo testimone di un omicidio compiuto da un potente boss del crimine, in una storia tutta azione, ottimamente illustrata da Luigi Siniscalchi, versatile autore salernitano, ormai una colonna bonelliana.
La sequenza maggiormente adrenalinica vede Saguaro fare irruzione in un raduno di motociclisti alla ricerca degli assassini di un agente federale, incurante di qualsiasi rischio e deciso a non seguire nessuna procedura. Durante le indagini Saguaro sembra sempre più deciso a muoversi su un terreno in cui il dubbio non pare essere contemplato, quasi come un novello Tex, arrivando a malmenare senza troppi riguardi i sospettati dei crimini.
In realtà proprio in questa avventura possiamo sentenziare che Saguaro non è proprio un classico eroe tutto d'un pezzo, dato che nel rapporto con Miguel emergono tutte le sue fragilità. Il piccolo messicano, che considera l'agente federale che gli ha salvato la vita come un padre, cerca in tutti i modi di attirare la sua attenzione, ma Saguaro sembra quasi rifiutare questo rapporto, chiudendosi in se stesso e concentrandosi unicamente sulle indagini ad Albuquerque, e consegnando di fatto Miguel nelle mani del padre redivivo, Julio, il cui interesse per il figlio si rivela decisamente inadeguato, e che produce un colpo di scena finale che sarà affrontato nel prossimo numero.
Lo sceneggiatore Bruno Enna riesce pertanto, anche in una storia tutta azione incentrata in un'indagine poliziesca, ad aggiungere un altro tassello alla personalità del protagonista della serie, rendendola sempre più sfaccettata.

Inseguimento tra i motociclisti
Tavola di L. Siniscalchi, pag.68

(c) 2012 Sergio Bonelli editore

Inseguimento tra i motociclisti<br>Tavola di L. Siniscalchi, pag.68<br><i>(c) 2012 Sergio Bonelli editore</i>

Note

  • Pag.2, la rubrica L'ombra del falco, redatta da Gianmaria Contro, è dedicata ai vari disinvolti significati con cui il termine Apache è stato utilizzato dalla cultura occidentale.
  • I disegni sono di Luigi Siniscalchi, già autore del n.2, Ombre nel buio, mentre i testi come di consueto sono del creatore della serie Bruno Enna.
  • Pag.15, Noah Folsom, il boss della mala accusato di omicidio dal piccolo Miguel, riesce tramite i suoi avvocati a rinviare in continuazione il processo.
  • Pag.31, dal passato di Miguel rispunta Julio Aguilar, suo padre, fratellastro di Hermila, ex-tossico e dalle intenzioni non proprio cristalline.
  • Pag.36, durante il colloquio tra Saguaro e la moglie dell'agente federale ucciso filtrano dalla televisione le notizie sullo scandalo Watergate, iniziato nel 1972, che portò alle dimissioni del presidente degli Stati Uniti Nixon nel 1974.
  • Pag.42-47, uno dei due loschi individui insospettiti dalla presenza di Saguaro ad Albuquerque ha le fattezze di Huggy Bear, personaggio del telefilm poliziesco Starsky & Hutch, interpretato dall'attore Antonio Fargas.
  • Pag.58, i killer responsabili della morte dell'agente Dickson sono dei motociclisti appartenenti al gruppo dei White Skills, di chiara matrice razzista.
  • Pag.92-98, colpo di scena finale con Miguel rapito da alcuni messicani, d'accordo con il padre del piccolo messicano.

La frase

Miguel: "Ma lui... perché non è venuto lui, a dirmelo?"
Kia: "Avrebbe voluto farlo, davvero... ma... tu conosci Thorn! Sai quanto è complicato stargli accanto. Lui è chiuso nel suo mondo e non lascia avvicinare nessuno... e anche se prova un grande affetto per te, gli è difficile dimostrarlo e..."
Pag.84-85, in effetti Saguaro non ci fa un figurone.

Personaggi

Thorn Kitcheyan alias Saguaro, agente F.B.I.
Miguel piccolo messicano, protetto dell'F.B.I.
Dick Finch [+] motociclista dei White Skulls
Justin motociclista dei White Skulls
Matt Dickson [+] agente federale
Clive Waters vicecapo F.B.I. di Albuquerque
Kai Walken agente F.B.I.
Hermila zia di Miguel
Ellis agente F.B.I.
McKee agente F.B.I.
Yiska proprietario del Trading Post
Jude Towanka agente polizia tribale
Howi Benally anziano Diné
Julio Aguilar [+] padre di Miguel
Lionel Scott poliziotto di Albuquerque
Dottie Dickson vedova di Matt
Lazaro rapitore di Miguel
Horacio rapitore di Miguel

Locations

Window Rock riserva Navajo
Albuquerque
Buen Retiro nella riserva Diné
Bosque Farms

Condividi questa pagina...