Salta direttamente al contenuto

Mondo fluttuante, Il

Lilith in piena distopia nel Giappone del '700
Scheda di  |   | bonelli/


Mondo fluttuante, Il
Lilith 9


uBCode: ubcdbIT-LILITH-9

Mondo fluttuante, Il
- Trama

Risvegliatasi dopo un lungo sonno nel Giappone del 1700, Lilith deve compiere la sua missione tra gli artisti di Osaka, in pieno periodo Edo, in un mondo profondamente differente da quello che rammentava.

Valutazione

ideazione/soggetto
 5/7 
sceneggiatura/dialoghi
 4/7 
disegni/colori/lettering
 7/7 
 83

Anteprima

data pubblicazione Nov 2012
testi (soggetto e sceneg.) di ubcdbLuca Enoch
copertina di ubcdbLuca Enoch
disegni (matite e chine) di ubcdbLuca Enoch
tavole o vignette
Lilith e il Mondo Fluttuante di Osaka<br>Lilith n.9, pag.71, vignette di Luca Enoch<br><i>(c) 2012 Sergio Bonelli editore</i>
tag
, , , ,

Annotazioni

Lilith in Giappone, seconda parte

La cultura giapponese ha indubbiamente sempre avuto un certo peso nelle storie create da Luca Enoch, anche in quelle già viste per Lilith. Per questo numero è facile allora immaginare la soddisfazione dell'autore milanese nel poter rappresentare costumi e ambientazioni del periodo Edo, a metà del 1700, dove Lilith deve proseguire la sua caccia al portatore del Triacanto, in un mondo profondamente mutato a causa del suo intervento nel numero scorso. Si ha una vera e propria distopia, in cui la nazione giapponese è impegnata in una serie di conquiste coloniali, invece di arroccarsi in una chiusura totale verso l'esterno come avvenne nella realtà storica.
Lilith si risveglia quindi in un mondo differente, dove per una serie di coincidenze è trattata come una dea e custodita in un santuario. Ci mette pochissimo però ad ambientarsi nella nuova realtà, nel Quartiere dei Teatri di Osaka, dove, più disinibita del solito, può sfogare la sua disperata vitalità. Nonostante ci si trovi in un mondo profondamente differente dal nostro, dove appunto il Giappone ha colonizzato nel 1600 la costa sul Pacifico dell'America del Nord, emergono ugualmente, nel corso della storia, la differenza di stili di vita tra giapponesi e europei, con lo scienziato europeo Carl Peter Thunberg affascinato dalla realtà giapponese.
Si può ravvisare nel soggetto un certo sforzo di Enoch per allontanarsi dal cliché ormai abituale per la serie, visto nei primi numeri della serie: risveglio di Lilith in un determinato periodo storico e caccia al portatore del Triacanto. Procede infatti la trama orizzontale dell'intera miniserie, con il diffondersi dei cambiamenti legati all'intervento della crono-killer sulla storia umana, e poi con un differente operato del suo millenario avversario, il Cardo, che si presenta in questa avventura in maniera decisamente differente e invero diabolica, specialmente nell'epilogo dell'albo.
Enoch dà il meglio di sè nell'illustrazione delle vie di Osaka, tra il Teatro Kabuki e i lottatori di Sumo, portando sulla scena anche un collega come Utamaro, pittore e disegnatore dell'epoca.

Note e citazioni

  • Nell'introduzione dell'albo, Luca Enoch annuncia che la miniserie di Lilith dovrebbe aggirarsi sui 18/20 numeri.
  • Seconda parte dell'avventura giapponese di Lilith, in piena distopia: il suo intervento nella battaglia di Sekigahara ha consentito al clan Toyotomi di prevale e di organizzare la società giapponese in senso colonialistico, invece dell'isolamento che si ebbe in realtà con gli shogun Tokugawa.
  • Pag.9, nel santuario della Fanciulla Incorrotta giace in coma un personaggio a noi ben noto, Lilith, dopo l'avventura vissuta nel numero precedente.
  • Pag.13, è Carl Peter Thunberg, uno scienziato svedese ufficiale della Compagnia Olandese delle Indie Orientali, a provocare il risveglio della Bella Addormentata, baciandola.
  • Pag.31, il portatore del Triacanto è il pittore di strada Kitagawa Ichitaro, che si firma con il nome di Toyoaki, e che diventerà famoso con il nome di Utamaro.
  • Pag.43-46, altra distopia: Toyoaki racconta di come sia cambiata la vita di Miyamoto Musashi dopo la battaglia di Sekigahara e l'incontro con Lilith visto nel numero scorso, invece di diventare un samurai dedica la sua vita alla poesia.
  • Pag.52-53, sogno rivelatore di Toyoaki, che disegna poi il simbolo del Triacanto.
  • Pag.73, l'attore Kikunojo spiega efficacemente in versi a Lilith il concetto del Mondo Fluttuante, che dà il titolo all'albo, sorta di disciplina di vita edonistica del Quartiere dei Teatri ad Osaka.
  • Pag.88, nel corso della sua indagine, Lilith è "costretta" ad intrattenersi piacevolmente con molti artisti di Osaka, dando sfogo per una volta alla sua "disperata" vitalità.
  • Nella rubrica finale Ucronìa si può quantificare in due cartine quella che fu l'espansione coloniale giapponese nel Nord America nel XVIII secolo.
  • Inviateci le vostre segnalazioni

Lilith e il Mondo Fluttuante di Osaka
Lilith n.9, pag.71, vignette di Luca Enoch

(c) 2012 Sergio Bonelli editore

Lilith e il Mondo Fluttuante di Osaka<br>Lilith n.9, pag.71, vignette di Luca Enoch<br><i>(c) 2012 Sergio Bonelli editore</i>

La frase

"Ma tu mi ricorderai, vero? Mi ricorderai?"
Pag.125, la disperazione di Lilith dopo aver compiuto la sua missione

Personaggi

Masao pellegrino Aiko pellegrina Carl Peter Thunberg [+]botanico svedese Hendrik amico di Carl Peter Lilith alias Lyca, cronokiller Ichiro guida di Carl Peter Thunberg Scuro guida eterica di Lilith Kitagawa Ichitaro alias Toyoaki, pittore di strada Kajinosuke lottatore di Sumo Ishida Matsuo [+]samurai Danjuro attore Segawa Kikunojo III attore Cardi avversari di Lilith Padre Augusto precettore di Ishida Jerome figlio di Ishida

Locations

Giappone 1775 Provincia di Mino Osaka Nagasaki

Vedere anche...

Anteprima

Condividi questa pagina...