Salta direttamente al contenuto

Anello mancante, L'

Adam Wild e il mito pseudoscientifico
Scheda di  |   | bonelli/


Anello mancante, L'
Adam Wild 4


uBCode: ubcdbIT-AWILD-4

Anello mancante, L'
- Trama

Adam e Narciso raggiungono Nyangwe, il villaggio di Ashon e Dallo, schiavi liberati da Livingstone che hanno tradito la sua fiducia, e incontrano uno strano individuo, mezzo uomo e mezza scimmia.

Valutazione

ideazione/soggetto
 4/7 
sceneggiatura/dialoghi
 4/7 
disegni/colori/lettering
 5/7 
 65
data pubblicazione 3 Gen 2015
testi (soggetto e sceneg.) di ubcdbGianfranco Manfredi
copertina di ubcdbDarko Perovic
disegni (matite e chine) di ubcdbVladimir Krstic (Laci)
copertine
Copertina Adam Wild n.4<br>Illustrazione di Darko Perovic<br><i>(c) 2015 Sergio Bonelli editore</i>
tavole o vignette
Adam Wild nella notte africana<br>Tavola di Laci, pag.26<br><i>(c) 2015 Sergio Bonelli editore</i>
tag
, , ,

Annotazioni

Chiaroscuri africani

Ad accogliere Adam Wild e il conte Narciso Molfetta a Nyangwe nel Congo sono dei minacciosi idoli in legno, resi magistralmente dal segno in chiaroscuro del serbo Laci, al secondo albo consecutivo nella serie. Le statue in legno che si affacciano dalla foresta sulle rive del fiume, rappresentano un monito per i due europei che stanno per affrontare non degli schiavisti arabi ma direttamente dei capitribù africani, Ashon e Diallo, che dopo esser stati liberati dallo stesso Livingstone, si sono trasformati in veri e propri tiranni. I contrasti tra gli stessi africani sembra la chiave di lettura più adatta per questo albo, con gli aiutanti di Adam che si dividono indecisi su come comportarsi e quale strategia adottare in assenza del loro capo. Gianfranco Manfredi riesce ancora una volta a dare una rappresentazione vivida della Storia, costruita da complessità, in cui diventa difficile orientarsi e capire le ragioni dell'altro, come succede in effetti ai cattivi della storia che non capiscono cosa spinge Adam Wild a contrapporsi a loro.
Wild e Molfetta incappano nel presunto Anello mancante, un mito pseudoscientifico, che prevedeva la scoperta di un essere che potesse costituire un trait d'union tra le scimmie e gli esseri umani. Nel bel finale in cui l'essere viene liberato dallo stesso Wild, dopo avergli salvato la vita più volte e aver creato con lui un legame, si svela il suo prosaico mistero. Sullo sfondo si muove anche il bieco Frankie Frost, anch'esso interessato all'Anello mancante, da vendere a qualche zoo europeo. Lo scontro tra lui e Adam viene però anche in questa occasione rinviato.
Particolarmente riusciti i disegni di Laci, specialmente nelle scene notturne che riesce a rendere particolarmente inquietanti, grazie al sapiente utilizzo del nero.

Adam Wild nella notte africana
Tavola di Laci, pag.26

(c) 2015 Sergio Bonelli editore

Adam Wild nella notte africana<br>Tavola di Laci, pag.26<br><i>(c) 2015 Sergio Bonelli editore</i>

Note

  • E' nuovamente il serbo Laci alle matite di Adam Wild su testi di Gianfranco Manfredi, con la messa in scena dello scontro tra Adam e il duo di rinnegati Ashon e Diallo, conosciuti sul n.3, I diari segreti di Livingstone.
  • Pag.17, a Frankie Frost viene offerta la possibilità di impossessarsi dell'Anello mancante, il punto di contatto evolutivo tra uomo e scimmia, di cui venne a sapere dell'esistenza già due anni prima a New York.
  • Pag.19, Frost rifiuta rudemente l'offerta lavorativa di Gertrude Winter di fare il sorvegliante per la sua compagnia ferroviaria, interrompendo di fatto la loro relazione.
  • Pag.23, Ashon e Diallo credono che Wild e Molfetta siano alla ricerca delle mitiche sorgenti del Nilo, come già Livingstone, da loro conosciuto.
  • Pag.69, sembra che la frequentazione di Adam Wild non sia positiva per Narciso Molfetta, che al pari del suo amico non esita a uccidere Diallo sparandogli anche se è disarmato.
  • Pag.83, Frankie Frost e la sua guida Muzaffar arrivano in ritardo a Nyangwe, dopo aver superato il fiume Lualaba, il tratto iniziale del fiume Congo.
  • Pag.90-91, novello Tarzan, Adam accompagna il suo nuovo amico nella giungla, utilizzando le liane degli alberi. In effetti l'Anello mancante si rivela un uomo deforme cresciuto dai gorilla, da cui non vede l'ora di tornare.
  • Inviateci le vostre segnalazioni

La frase

  • Adam Wild "Certi studiosi di scarso acume, suppongono che siccome l'uomo discende dalla scimmia, possano esistere in Africa degli esemplari sopravvissuti di uomo-scimmia! Come si fa a credere a una fesseria del genere? Sarebbe assai più probabile riuscire a trovare un centurione romano ancora in vita..."
    Pag.27, il buon senso scientifico di Adam

Personaggi

Adam Wild avventuriero scozzese
Narciso Molfetta conte italiano
Pokomo [+] aiutante di Adam
Baraka aiutante di Adam
Ashon [+] capotribù a Nyangwe
Diallo [+] capotribù a Nyangwe
Frankie Frost commerciante di schiavi americano
Muzaffar [+] negriero
James Anthony Bailey commerciante di schiavi a New York
Gertrude Winter azionista Uganda Railway
Sekwetu aiutante di Adam

Locations

Nyangwe in Congo
Mombasa Kenia
Lualaba fiume

Condividi questa pagina...