Salta direttamente al contenuto

Mambo cubano

proseguono le peripezie di Nero Maccanti durante la Rivoluzione cubana
Scheda di  |   | bandesdessinees/


Mambo cubano
FR-HVCT-2


uBCode: ubcdbFR-HVCT-2

Mambo cubano
- Trama

Inizia la caccia ai ribelli delle forze repressive del regime di Batista, mentre il destino di Nero Maccanti s'incrocia con quello della famiglia Vidal, ricchi produttori di tabacco.

Valutazione

ideazione/soggetto
 6/7 
sceneggiatura/dialoghi
 4/7 
disegni/colori/lettering
 5/7 
 71

Recensione

Anteprima

Scheda FR-HVCT-3

data pubblicazione Ott 2007
testi (soggetto e sceneg.) di ubcdbStefano Casini
copertina di ubcdbStefano Casini
disegni (matite e chine) di ubcdbStefano Casini
copertine
Copertina Hasta la Victoria! 2.Mambo cubano<br>copertina di Stefano Casini<br><i>(c) 2007 Stefano Casini- Edizioni Di</i>
tag
, ,

Annotazioni

Note e Citazioni

  • Secondo volume della serie "Hasta la Victoria" ideata da Stefano Casini per la casa editrice francese Mosquito. Nel primo numero, "Cuba 1957", il marinaio italiano Nero Maccanti è sbarcato a L'Avana, mentre i ribelli capeggiati da Fidel Castro stanno cercando di minare l'autorità del regime corrotto e mafioso del dittatore Batista, attraverso azioni eclatanti come il rapimento diel pilota automobilistico Manuel Fangio. Dopo lunghi colloqui con il dottor Oliveira, Nero si lascia ammaliare dalle idee dei cospiratori.
  • Il titolo del volume, Mambo cubano, rimanda al genere musicale nato a Cuba il secolo scorso, presso gli schiavi importati dall’Africa ed utilizzati nelle piantagioni di canna da zucchero. Negli anni ’40 e ’50 le orchestre cubane lo hanno esportato negli Stati Uniti da dove è iniziato il lancio su scala mondiale, con ambasciatori come Perez Prado e Tito Puente.
  • Pag. 13, il presidente Batista cita un articolo di giornale scritto da Matthews, favorevole per la guerriglia. Herbert Matthews era un giornalista del New York Times che su invito di Castro visita il 17 febbraio 1957 i campi guerriglieri sulla Sierra Maestra, intervistando lo stesso Castro, allora dato per morto dal regime di Batista, e scrivendo tre articoli sulla situazione cubana. I vantaggi che ricavarono le forze del Movimento 26 de Julio dal reportage, a livello propagandistico negli Stati Uniti e nella stessa Cuba, dove la stampa non era censurata, furono tali che nei circoli diplomatici dell’America Latina si disse che la Rivoluzione cubana la fecero Fidel Castro e Herbert Matthews. Particolare curioso il fatto che per ingannare il giornalista rispetto alla consistenza reale delle loro forze, gli allora pochi guerriglieri cubani passarono e ripassarono camuffati in maniera sempre differente di fronte al giornalista, che fu grandemente impressionato dal numero e dalla marzialità delle milizie ribelli.
  • Pag. 20, compare inequivocabilmente tra i guerriglieri sulla Sierra Maestra Fidel Castro. Appartenente alla ricca borghesia dell'isola, dopo una rigida educazione gesuita, il giovane Castro durante gli anni dell'università si avvicina al Partito Ortodosso, nelle cui fila milita nell'ala più oltranzista nei confronti del dittatore Batista. Convinto che solo la lotta rivoluzionaria possa abbattere il dittatore, organizza il 26 luglio 1953 il fallimentare attacco alla caserma Moncada di Santiago. Riparato in Messico fonda il Movimiento 26 de Julio, e nel novembre del 1956 tenta di invadere l'isola cubana con 82 guerriglieri. Da quel nucleo si sviluppa in breve tempo la guerriglia sulla Sierra Maestra, che conquista il potere nel gennaio del 1959. Nominato primo ministro, Castro rompe le relazioni diplomatiche con gli Stati Uniti d'America, contrari ai tentativi del regime rivoluzionario di nazionalizzare le risorse produttive dell'isola, e si avvicina all'Unione Sovietica nel 1961, fino a giungere alla dichiarazione della natura socialista della Rivoluzione cubana e alla costituzione di un regime a partito unico.

Incongruenze

La frase

    Oliveira: "[...] E' da tempo che sai che faccio parte del M-26-7, anche se hai sempre fatto finta di niente, vero?"
    Nero: "Non mi coinvolga... Io la mia guerra l'ho già combattuta e persa, e in questa non saprei neanche che cosa fare!"
    Oliveira: "Essere cinico non ti si addice.. Te lo leggo negli occhi, il tuo cuore sa già da che parte stare!"
    Pag. 36, il dottor Oliveira arruola Nero Maccanti.

Personaggi

Vidal, Roberto ribelle figlio di Osvaldo Vidal Augusto [+] ribelle Alvaro [+] ribelle Lansky, Meyer mafioso americano col. Ruiz Castaneda, Carlos agente del Brac Batista, Fulgencio dittatore cubano Maccanti, Nero marinaio italo-corso Miller, Colleen fidanzata di Nero dott. Olivera, Hernan de cospiratore avv. Lèon amico di Hernan de Oliveira Corrientes segretario di Vidal Vidal, Manuel figlio di Osvaldo Vidal Vidal, Martha moglie di Osvaldo Vidal Conchita cameriera dei Vidal Vidal, Osvaldo Alvarez industriale Canales poliziotto cubano Julio aderente M-26 e giardiniere dei Vidal Pablo aderente M-26 Luisito fratello di Pablo

Locations

Cuba Regione di Victoria de las Tunas L'Avana Avana Riviera Casino a L'Avana Sierra Maestra Agua Negra tenuta Vidal Club Tropicana a L'Avana Kuquine residenza di Batista a L'Avnaa

Elementi

Mafia italoamericana Rivoluzione cubana Traffico di droga internazionale

Vedere anche...

Recensione

Anteprima

Scheda FR-HVCT-3

Condividi questa pagina...